Lo shock anafilattico è una reazione allergica acuta ed estremamente grave, che si sviluppa a seguito di una ripetuta esposizione al corpo di un allergene.

Shock anafilattico si manifesta con un forte calo di pressione, disturbi della coscienza, sintomi locali di fenomeni allergici (gonfiore della pelle, dermatiti, orticaria, broncocostrizione, etc.) nei casi più gravi, coma possono sviluppare.

Lo shock anafilattico di solito si sviluppa nell'intervallo da 1-2 a 15-30 minuti dal momento del contatto con l'allergene e può spesso finire letale, senza cure mediche rapide e competenti.

motivi

loading...

Lo shock anafilattico si verifica a seguito di ripetute iniezioni nel corpo di una sostanza che è un forte allergene per lui.

Al contatto primario con questa sostanza, l'organismo senza manifestazione di alcun sintomo sviluppa ipersensibilità e accumula anticorpi contro questa sostanza. Ma il contatto ripetuto con l'allergene, anche nelle sue quantità minime, a causa degli anticorpi disponibili nel corpo dà una reazione violenta e pronunciata. Tale reazione dell'organismo si verifica più spesso su:

  • introduzione di proteine ​​estere, sieri
  • antibiotici
  • anestetici e anestetici
  • altre medicine (sia in una vena sia in un muscolo, dentro attraverso una bocca)
  • preparati diagnostici (radiopachi)
  • quando morso da insetti
  • e anche con l'assunzione di alcuni prodotti alimentari (frutti di mare, agrumi, spezie)

Con lo shock anafilattico, la quantità di allergene può essere piuttosto piccola, a volte abbastanza gocce di medicinale o una cucchiaiata di prodotto. Ma più grande è la dose, più forte e lunga sarà la sorpresa.

Al centro della reazione allergica c'è una massiccia secrezione di cellule sensibilizzate (altamente sensibili) di sostanze speciali - istamina, serotonina e altre, che sono colpevoli di manifestazioni di shock anafilattico.

Lo shock anafilattico può verificarsi in diversi modi:

  • principalmente colpite la pelle e le mucose con prurito cutaneo, grave arrossamento, orticaria o edema Quincke
  • sconfitta del sistema nervoso con mal di testa, nausea, disturbi sensoriali, manifestazioni di tipo epilettico e perdita di coscienza,
  • sconfitta dell'apparato respiratorio con soffocamento e asfissia, edema della laringe o dei piccoli bronchi,
  • attacco cardiaco con segni di shock cardiogeno o infarto miocardico acuto

Sintomi di shock anafilattico

loading...

Livelli di gravità dei sintomi di shock anafilattico può essere lieve a molto grave fatale, dipende da quanta pressione si riduce rapidamente, e il lavoro è disturbato cervello a causa di ipossia (mancanza di ossigeno).

Nelle manifestazioni lievi, i sintomi dello shock anafilattico possono durare da pochi minuti a due ore e si manifestano

  • arrossamento della pelle,
  • sono forti con prurito e starnuti,
  • scarico mucoso dal naso,
  • un mal di gola con vertigini,
  • mal di testa,
  • diminuzione della pressione e tachicardia.

Può esserci una sensazione di calore sul corpo, sensazioni spiacevoli nell'addome e nel petto, una forte debolezza e annebbiamento della coscienza.

Con un grado medio di shock,

  • vesciche sulla pelle o angioedema (Quincke)
  • congiuntivite o stomatite
  • dolore al cuore con palpitazioni acute, aritmia e brusca diminuzione della pressione.
  • i pazienti soffrono di grave debolezza e vertigini
  • visione alterata, può essere agitazione o inibizione, paura della morte e tremore
  • sudore appiccicoso, freddezza del corpo, rumore nelle orecchie e nella testa, svenimento
  • può verificarsi spasmo dei bronchi con una violazione del respiro, gonfiore con nausea o vomito, un forte dolore all'addome, una violazione della minzione.

Con grave shock anafilattico si sviluppa quasi istantaneamente

  • collasso cardiovascolare con una forte diminuzione della pressione, pallore blu o mortale, polso filiforme, pressioni pressoché nulle
  • c'è una perdita di coscienza con l'espansione delle pupille, il ritiro involontario di urina e feci, l'assenza di reazioni a stimoli esterni
  • l'impulso scompare gradualmente, la pressione non viene più rilevata
  • la respirazione e l'attività cardiaca si fermano, si verifica la morte clinica

diagnostica

loading...

La diagnosi viene effettuata sulla base di dati sulla somministrazione del farmaco (contatto con l'allergene) e sull'inizio immediato della reazione.

Lo stato di shock anafilattico è fondamentale: la diagnosi viene stabilita da un medico o un rianimatore di emergenza. Lo shock anafilattico può essere simile ad altre reazioni anafilattiche (edema di Quincke o orticaria acuta), ma la base del processo è la stessa delle misure di cura.

Trattamento dello shock anafilattico

loading...

L'inizio del trattamento è necessario sul posto da qualsiasi persona - un medico o un non-medico, l'assistenza professionale è fornita da medici di ambulanza e medici di terapia intensiva.

Primo soccorso per shock anafilattico

  • chiamare un'ambulanza,
  • se non c'è respiro e battito cardiaco - massaggio cardiaco indiretto e respirazione artificiale
  • se una persona è cosciente, è necessario metterlo dalla sua parte, sbottonare tutti i fermagli di vestiti e cinture, sotto i suoi piedi gettare un cuscino o qualsiasi cosa che essi siano sollevati
  • interrompere la ricezione di un allergene (con una puntura d'insetto o la somministrazione di un farmaco - un laccio emostatico sull'arto, rimuovendo il cibo dalla bocca)

Assistenza medica - nel luogo di cura, prima della consegna in ospedale,

  • il sito di iniezione o il morso devono essere sminuzzati con soluzione di adrenalina per via intramuscolare o sottocutanea (soluzione per adulti 0,5 ml 0,1%, bambini oltre 6 anni - 0,3 ml 0,1% r-ra) e coprire con ghiaccio,
  • iniettare per via sottocutanea soluzioni di caffeina, cordiamina
  • sono anche necessarie iniezioni di prednisolone o idrocortisone.

Con il trattamento in ospedale, ripetute iniezioni di adrenalina e ormoni, introdurre antagonisti di farmaci con allergie ai farmaci, utilizzare antistaminici, soluzioni di cloruro o di gluconato di calcio. Quando il bronhospazme entra in eufillin, con gonfiore della laringe - viene mostrata l'intubazione o la tracheotomia.

L'ulteriore terapia viene eseguita tenendo conto di patologie cardiache, disturbi respiratori o disordini metabolici.

Complicazioni e prognosi

loading...

La principale complicazione è l'esito letale quando viene ritardata con la fornitura di assistenza. Con interventi tempestivi, è possibile una cura completa per lo shock, ma i tempi di escrezione dallo stato di shock variano da diverse ore a diversi giorni.

Shock anafilattico (anafilassi): cause, sintomi, trattamento di emergenza

loading...

Che cos'è lo shock anafilattico, come può essere riconosciuto e cosa dovrebbe essere fatto quando si verifica anafilassi? Tutti dovrebbero saperlo. Poiché lo sviluppo di questa malattia si verifica spesso in una frazione di secondo, la prognosi per il paziente dipende principalmente dalle azioni di un certo numero di persone.

Shock anafilattico o anafilassi È una condizione acuta, che procede come reazione allergica di tipo immediato, che si verifica quando l'allergene (sostanza estranea) viene riapplicato al corpo.

Può svilupparsi in pochi minuti, è in pericolo di vita e richiede cure mediche urgenti. La mortalità è circa il 10% di tutti i casi e dipende dalla gravità dell'anafilassi e dalla velocità del suo sviluppo. La frequenza di occorrenza è di circa 5-7 casi ogni 100.000 persone all'anno. Nel complesso questa patologia colpisce bambini e giovani, poiché il più delle volte a questa età c'è un incontro ripetuto con l'allergene.

Cause di shock anafilattico

loading...

Le cause dello sviluppo di anafilassi possono essere suddivise nei gruppi principali:

  • preparazioni medicinali. Di questi, l'anafilassi provoca più spesso l'uso di antibiotici, in particolare la penicillina. Anche a rischio a questo proposito, i farmaci includono l'aspirina, alcuni rilassanti muscolari e anestetici locali;
  • punture di insetti Lo shock anafilattico si sviluppa spesso con un morso di insetti Hymenoptera (api e vespe), soprattutto se sono numerosi;
  • prodotti alimentari. Questi includono noci, miele, pesce, alcuni frutti di mare. Anafilassi nei bambini può sviluppare con l'uso di latte vaccino, prodotti contenenti proteine ​​di soia, uova;
  • vaccino. La reazione anafilattica durante la vaccinazione è rara e può verificarsi su alcuni componenti della composizione;
  • allergene pollinico;
  • contatto con prodotti in lattice.

Fattori di rischio per lo sviluppo di anafilassi

I principali fattori di rischio per lo sviluppo dello shock anafilattico includono:

  • la presenza di un episodio di anafilassi in passato;
  • appesantito anamnesi. Se il paziente soffre di asma bronchiale, pollinosi, rinite allergica o eczema, il rischio di sviluppare anafilassi è significativamente aumentato. La gravità del decorso della malattia aumenta e quindi il trattamento dello shock anafilattico è un problema serio;
  • ereditarietà.

Manifestazioni cliniche di shock anafilattico

loading...

Il tempo di comparsa dei sintomi dipende direttamente dal modo in cui l'allergene viene introdotto (inalazione, via endovenosa, orale, contatto, ecc.) E dalle caratteristiche individuali. Quindi, se si inala l'allergene o lo si usa con il cibo, i primi segni di shock anafilattico cominciano a farsi sentire per 3-5 minuti. fino a diverse ore, con l'ingestione endovenosa di un allergene, lo sviluppo dei sintomi avviene quasi istantaneamente.

I sintomi iniziali di shock ansia di solito manifesta, vertigini a causa di ipotensione, cefalea, paura irrazionale. In futuro, il loro sviluppo può essere suddiviso in diversi gruppi di manifestazioni:

  • manifestazioni cutanee (vedi foto sopra): febbre con arrossamento caratteristico del viso, prurito sul corpo, eruzioni cutanee come un orticaria; edema locale. Questi sono i segni più comuni di shock anafilattico, ma con lo sviluppo istantaneo dei sintomi possono verificarsi più tardi rispetto ad altri;
  • respiratoria: congestione nasale a causa di edema della mucosa, raucedine e difficoltà respiratoria a causa di edema laringeo, respiro sibilante, tosse;
  • cardiovascolare: sindrome ipotensiva, aumento della frequenza cardiaca, dolore toracico;
  • gastrointestinale: difficoltà a deglutire, nausea, vomito, spasmi nell'intestino;
  • manifestazioni di lesioni del SNC sono espresse dai cambiamenti iniziali nella forma di inibizione per completare la perdita di coscienza e l'insorgenza di prontezza convulsa.

Stadi di sviluppo di anaphylaxis e la sua patogenesi

loading...

Nello sviluppo dell'anafilassi, si distinguono fasi consecutive:

  1. immune (l'introduzione dell'antigene nel corpo, l'ulteriore formazione di anticorpi e il loro assorbimento di "sedimentazione" sulla superficie dei mastociti);
  2. patochimica (reazione di allergeni appena arrivati ​​con anticorpi già formati, rilascio di istamina ed eparina (mediatori infiammatori) da mastociti);
  3. patofisiologico (stadio della manifestazione dei sintomi).

La patogenesi di anafilassi alla base dell'interazione allergene con le cellule immunitarie del corpo, la cui conseguenza è la selezione di anticorpi specifici. Sotto l'influenza di questi anticorpi, si verifica un potente rilascio di fattori infiammatori (istamina, eparina) che penetrano negli organi interni causando la loro insufficienza funzionale.

Le principali varianti dello shock anafilattico

loading...

A seconda della velocità con cui si sviluppa la sintomatologia e della rapidità con cui viene fornito il primo soccorso, è possibile ipotizzare l'esito della malattia. I principali tipi di anafilassi sono:

  • maligno - è istantaneo dopo l'introduzione dell'aspetto allergenico dei sintomi con accesso all'insufficienza d'organo. Il risultato in 9 casi su 10 è sfavorevole;
  • protratto - è contrassegnato con l'uso di farmaci lentamente ritirati dal corpo. Richiede la somministrazione continua di farmaci per titolazione;
  • abortivo: un tale corso di shock anafilattico è il più facile. Sotto l'influenza di droghe rapidamente attraccato;
  • recidivante - la differenza principale è la ripetizione di episodi di anafilassi dovuti alla costante allergizzazione del corpo.

Forme di sviluppo di anafilassi a seconda dei sintomi prevalenti

loading...

A seconda di quali sintomi dello shock anafilattico prevalgono, si distinguono diverse forme di malattia:

  • tipico. I primi segni sono manifestazioni cutanee, in particolare il prurito, la comparsa di edema nel sito di esposizione all'allergene. Disturbi di salute e comparsa di mal di testa, debolezza senza causa, vertigini. Il paziente può provare grave ansia e paura della morte.
  • emodinamica. Una significativa riduzione della pressione arteriosa senza intervento farmacologico porta al collasso vascolare e all'arresto cardiaco.
  • respiratorio. Si verifica quando l'allergene viene direttamente inalato con un flusso d'aria. Manifestazioni iniziano con congestione nasale, raucedine, poi ci sono violazioni di inspirazione ed espirazione a causa di edema laringeo (questa è la principale causa di morte di anafilassi).
  • Lesioni del SNC La sintomatologia principale è associata a disfunzione del sistema nervoso centrale, a seguito della quale vi è una violazione della coscienza e, in casi gravi, convulsioni generalizzate.

La gravità dello shock anafilattico

loading...

Per determinare la gravità dell'anafilassi, vengono utilizzati tre indicatori principali: la coscienza, il livello di pressione arteriosa e la velocità dell'effetto dal trattamento iniziato. La gravità dell'anafilassi è classificata in 4 gradi:

  • Primo grado. Il paziente è cosciente, irrequieto, c'è la paura della morte. La pressione sanguigna è ridotta di 30-40 mm Hg. dal solito (normale - 120/80 mm Hg). La terapia condotta ha un rapido effetto positivo.
  • Secondo grado. Stato di stupore, il paziente è difficile e lento a rispondere alle domande, ci può essere la perdita di coscienza, non accompagnata da depressione respiratoria. La pressione sanguigna è inferiore a 90/60 mm Hg. L'effetto del trattamento è buono.
  • Terzo grado. La coscienza è spesso assente. La pressione diastolica non è determinata, la pressione arteriosa sistolica è inferiore a 60 mm Hg. L'effetto della terapia è lento.
  • Quarto grado. Senza coscienza, la pressione sanguigna non è determinata, l'effetto del trattamento non è, o è molto lento.

Parametri di diagnosi di anafilassi

loading...

La diagnosi di anafilassi deve essere effettuata il più presto possibile, perché la prognosi esito della malattia dipende principalmente dalla quantità di primo soccorso è stato fornito in fretta. Nella formulazione della diagnosi, l'indicatore più importante è una raccolta dettagliata dell'anamnesi in concomitanza con le manifestazioni cliniche della malattia. Tuttavia, alcuni metodi di ricerca di laboratorio sono utilizzati come criteri aggiuntivi:

  • Analisi del sangue generale L'indicatore principale della componente allergica è un aumento del livello di eosinofili (la norma è fino al 5%). Insieme a questo, possono essere presenti anemia (diminuzione del livello di emoglobina) e un aumento del numero di leucociti.
  • Analisi del sangue biochimica. Eccesso di valori normali di enzimi epatici (ALaT, ASAT, fosfatasi alcalina), test renali.
  • Radiografia del torace. Spesso l'immagine mostra gonfiore interstiziale del polmone.
  • ELISA. È necessario per la rilevazione di immunoglobuline specifiche, in particolare IgG e IgE. Aumento del loro livello è caratteristico di una reazione allergica.
  • Determinazione del livello di istamina nel sangue. Dovrebbe essere fatto dopo un breve intervallo dopo l'insorgenza dei sintomi, poiché i livelli di istamina diminuiscono drasticamente nel tempo.

Se non riuscite a trovare l'allergene, dopo il recupero completo il paziente si consiglia di consultare un allergologo prove allergiche e messa in scena, come il rischio di reiterazione del anafilassi drammaticamente aumentato e la necessità di prevenzione di shock anafilattico.

Diagnosi differenziale dello shock anafilattico

Difficoltà nella diagnosi di anafilassi non si verificano quasi mai a causa di un quadro clinico vivido. Tuttavia, ci sono situazioni in cui è necessaria una diagnosi differenziale. Il più spesso i sintomi simili sono dati da dati di patologia:

  • reazioni anafilattoidi. L'unica differenza è il fatto che lo shock anafilattico non si sviluppa dopo il primo incontro con l'allergene. Il corso clinico di patologie è molto simile e la diagnosi differenziale non può esser effettuata su esso, un'analisi approfondita dell'anamnesi è necessaria;
  • reazioni vegeto-vascolari. Caratterizzato da una diminuzione dell'impulso e una diminuzione della pressione sanguigna. A differenza dell'anafilassi, non mostrano broncospasmo, orticaria o prurito;
  • condizioni di collasso causate da ganglion blocker o altri farmaci che riducono la pressione sanguigna;
  • feocromocitoma - manifestazioni iniziali della malattia può inoltre presentare la sindrome ipotensiva, ma manifestazioni specifiche di componente allergica (prurito, broncospasmo et al.), quando non si osserva;
  • sindrome carcinoide.

Pronto soccorso per anafilassi

loading...

cure d'emergenza in stato di shock anafilattico dovrebbe essere basata su tre principi: il rendering più veloce, l'impatto su tutte le parti della patogenesi e il monitoraggio continuo del sistema cardiovascolare, respiratorio e sistema nervoso centrale.

  • cupping di insufficienza cardiaca;
  • terapia finalizzata ad alleviare i sintomi del broncospasmo;
  • prevenzione delle complicanze dal sistema gastrointestinale ed escretore.

Il primo primo soccorso di shock anafilattico:

  • 1. Cerca di determinare rapidamente l'eventuale allergene e prevenirne l'ulteriore impatto. Se un morso di insetto è stato notato, applicare una benda di garza stretta 5-7 cm sopra il sito morso. Con lo sviluppo di anafilassi durante la somministrazione del farmaco, è necessario terminare la procedura con urgenza. Se viene eseguita una via endovenosa, l'ago o il catetere non possono essere rimossi dalla vena. Ciò rende possibile condurre una terapia successiva con accesso venoso e riduce la durata dell'esposizione al farmaco.
  • 2. Spostare il paziente su una superficie piana e stabile. Sollevare le gambe sopra il livello della testa;
  • 3. Girare la testa di lato per evitare il vomito da asfissia. Assicurati di liberare la cavità orale da oggetti estranei (ad esempio, protesi dentarie);
  • 4. Fornire l'accesso all'ossigeno. Per fare questo, comprimi gli abiti sul paziente, apri le porte e le finestre per massimizzare il flusso di aria fresca.
  • 5. Se perdi conoscenza, determina la presenza di un impulso e la respirazione libera. In loro assenza, iniziare immediatamente la ventilazione artificiale con un massaggio cardiaco indiretto.

Algoritmo per la fornitura di farmaci:

Prima di tutto, tutti i pazienti vengono monitorati per i parametri emodinamici e per la funzione respiratoria. L'uso di ossigeno viene aggiunto alimentando una maschera a una velocità di 5-8 litri al minuto. Lo shock anafilattico può causare arresto respiratorio. In questo caso si utilizza l'intubazione, e se ciò non è possibile a causa di laringospasmo (edema laringeo), quindi tracheotomia. Farmaci usati per la terapia farmacologica:

  • adrenalina. Il principale farmaco per fermare l'attacco:
    • Manovella applicato 0,1% alla dose di 0,01 ml / kg (massimo 0,3-0,5 ml) per via intramuscolare nella coscia perednenaruzhnuyu ogni 5 minuti tre volte sotto il controllo della pressione sanguigna. Se la terapia è inefficace, il farmaco può essere reintrodotto, ma il sovradosaggio e lo sviluppo di reazioni avverse dovrebbero essere evitati.
    • nella progressione di anafilassi - 0,1 ml di soluzione di epinefrina 0,1% disciolti in 9 ml con soluzione fisiologica e somministrati alla dose di 0,1-0,3 ml per iniezione endovenosa lenta. Somministrazione ripetuta secondo le indicazioni.
  • glucocorticoidi. Di questo gruppo di farmaci il più spesso usato prednisolone, metilprednisolone o desametasone.
    • Prednisolone in una dose di 150 mg (cinque fiale da 30 mg);
    • Metilprednisolone in una dose di 500 mg (una grande fiala in 500 mg);
    • Desametasone in una dose di 20 mg (cinque fiale da 4 mg).

Piccole dosi di glucocorticosteroidi in anafilassi sono inefficaci.

  • antistaminici. La principale condizione per il loro uso è l'assenza di effetti ipotensivi e allergici. Più spesso utilizzare 1-2 ml di una soluzione all'1% di dimedrol, o ranitidina alla dose di 1 mg / kg, diluita in una soluzione di glucosio al 5% a 20 ml. Immettere ogni 5 minuti per via endovenosa.
  • eufillin Utilizzato per l'inefficacia dei broncodilatatori con un dosaggio di 5 mg per chilogrammo di peso corporeo ogni mezz'ora;
  • Con broncospasmo, non fermando l'adrenalina, il paziente viene nebulizzato con una soluzione di biasimo.
  • dopamina. Utilizzato per l'ipotensione, non suscettibile all'adrenalina e alla terapia infusionale. È utilizzato in una dose di 400 mg, diluito in 500 ml di glucosio al 5%. Inizialmente, viene somministrato prima che la pressione sistolica aumenti entro 90 mm Hg, dopodiché viene convertito in somministrazione per titolazione.

L'anafilassi nei bambini viene interrotta dallo stesso schema degli adulti, l'unica differenza è il calcolo della dose del farmaco. Il trattamento dello shock anafilattico è consigliabile per condurre solo in un ambiente stazionario, perché entro 72 ore, è possibile lo sviluppo di una seconda reazione.

Prevenzione dello shock anafilattico

loading...

Prevenzione di shock anafilattico è basata sulla prevenzione di contatto con potenziali allergeni e sostanze che sono già stabiliti precisamente metodi di laboratorio reazione allergica. Con qualsiasi tipo di allergia nel paziente, la nomina di nuovi farmaci dovrebbe essere ridotta al minimo. Se c'è una tale necessità, è necessario un test preliminare della pelle per confermare la sicurezza dell'appuntamento.

Shock anafilattico

loading...

Shock anafilattico - un processo allergico acuto che si sviluppa nel corpo sensibilizzati in risposta al ripetuto contatto con l'allergene ed è accompagnata da violazione di emodinamica, portando ad insufficienza circolatoria e, come conseguenza della carenza di ossigeno acuta di organi vitali.

Un organismo sensibilizzato è un organismo che in precedenza contattato un provocatore e ha una maggiore sensibilità ad esso. In altre parole, lo shock anafilattico, come qualsiasi altra reazione allergica, non si sviluppa alla prima esposizione all'allergene, ma al secondo o successivo.

Lo shock è una reazione di ipersensibilità di tipo immediato e si riferisce a condizioni potenzialmente letali. Un'immagine clinica in piena regola dello shock si sviluppa in un periodo compreso tra pochi secondi e 30 minuti.

Il primo shock anafilattico è menzionato nei documenti del 2641 aC. e. Secondo i registri, il faraone egiziano Menes fu ucciso da un morso di insetto.

La prima descrizione qualificata della condizione patologica fu prodotta nel 1902 dai fisiologi francesi P. Portier e S. Richet. In un esperimento dopo un'immunizzazione ripetuta in un cane, che in precedenza aveva tollerato l'introduzione del siero, invece di un effetto profilattico, uno shock acuto si sviluppò con un risultato letale. Per descrivere questo fenomeno, è stato introdotto il termine anafilassi (dalle parole greche ana - "reverse" e phylaxis - "protection"). Nel 1913 i fisiologi nominati ricevettero il premio Nobel nel campo della medicina e della fisiologia.

La diagnosi di shock anafilattico non è difficile, dal momento che di solito è ovvio il rapporto tra le manifestazioni cliniche caratteristiche con la puntura d'insetto precedente, il consumo di un alimento allergenico o l'uso di un medicinale.

I dati degli studi epidemiologici indicano che l'incidenza dello shock anafilattico nella Federazione russa è di 1 ogni 70.000 abitanti l'anno. Nei pazienti con malattie allergiche acute, si verifica nel 4,5% dei casi.

Cause e fattori di rischio

loading...

La causa di anafilassi può essere varie sostanze, più spesso la natura di proteine ​​o polisaccaridi. Per provocare lo sviluppo dello stato patologico possono anche composti a basso peso molecolare (apteni o antigeni incompleti), che acquisiscono proprietà allergeniche quando si legano alla proteina ospite.

I principali provocatori di anafilassi sono i seguenti.

Farmaci (fino al 50% di tutti i casi):

  • farmaci antibatterici (il più delle volte - penicilline naturali e semi-sintetiche, sulfonamidi, streptomicina, levomicetina, tetracicline);
  • preparazioni di proteine ​​e polipeptidi (vaccini e anatossine, enzimi e agenti ormonali, preparati al plasma e soluzioni di sostituzione del plasma);
  • alcune ammine aromatiche (Ipotiazide, acido paraaminosalicilico, acido para-amminobenzoico, un numero di coloranti);
  • farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS);
  • anestetici (Novocaina, Lidocaina, Trimekain, ecc.);
  • sostanze radiocontrastiche;
  • preparati contenenti iodio;
  • vitamine (principalmente gruppo B).

Il secondo posto nella capacità di causare anafilassi è occupato da morsi di insetti Hymenoptera (circa il 40%).

Il terzo gruppo è costituito da prodotti alimentari (circa il 10% dei casi):

  • pesce, pesce in scatola, caviale;
  • frutti di mare;
  • latte vaccino;
  • albume d'uovo;
  • fagioli;
  • noci;
  • additivi alimentari (solfiti, antiossidanti, conservanti, ecc.).

L'incidenza dello shock anafilattico nella Federazione Russa è di 1 ogni 70.000 abitanti l'anno.

I principali provocatori sono anche allergeni terapeutici, fattori fisici e prodotti dal lattice.

Fattori che aumentano la gravità dell'anafilassi:

  • asma bronchiale;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • terapia con beta-adrenoblokator, inibitori MAO, ACE-inibitori;
  • effettuando allergovaktsinatsii (immunoterapia specifica).

forma

loading...

Lo shock anafilattico è classificato in base alle manifestazioni cliniche e alla natura del decorso del processo patologico.

In accordo con i sintomi clinici, si distinguono le seguenti varianti:

  • tipico (leggero, moderato e pesante);
  • emodinamica (manifestazioni predominanti di disturbi circolatori);
  • asfissia (i sintomi dell'insufficienza respiratoria acuta vengono alla ribalta);
  • cerebrale (che porta a manifestazioni neurologiche);
  • addominale (predominano i sintomi della cavità addominale);
  • fulmineo.

Secondo la natura del corso di shock anafilattico è:

  • maligno acuto;
  • acuto benigno;
  • protratta;
  • ricorrenti;
  • abortivo.

La classificazione internazionale delle malattie della 10a revisione (ICD-10) offre una gradazione separata:

  • shock anafilattico, non specificato;
  • shock anafilattico causato da una reazione patologica al cibo;
  • shock anafilattico associato alla somministrazione di siero;
  • shock anafilattico causato da una reazione patologica a un farmaco adeguatamente prescritto e correttamente applicato.

Fasi di

loading...

Nella formazione e nel corso dell'anafilassi, si distinguono tre fasi:

  1. Immunologico - cambiamenti nel sistema immunitario che si verificano quando l'allergene entra per la prima volta nell'organismo, la formazione di anticorpi e l'effettiva sensibilizzazione.
  2. Patochimico - rilascio nella circolazione sistemica di mediatori di una reazione allergica.
  3. Patofisiologico - manifestazioni cliniche spiegate.

sintomi

loading...

Il tempo di comparsa dei segni clinici di shock dipende dal metodo di introduzione dell'allergene nel corpo: con la somministrazione endovenosa, la reazione può svilupparsi entro 10-15 secondi, per via intramuscolare dopo 1-2 minuti, per via orale dopo 20-30 minuti.

La sintomatologia dell'anafilassi è molto diversa, tuttavia, sono definiti alcuni sintomi principali:

  • ipotensione, fino al collasso vascolare;
  • broncospasmo;
  • spasmo dei muscoli lisci del tratto gastrointestinale;
  • ristagno di sangue sia nei legami arteriosi che nei legami venosi del sistema circolatorio;
  • aumento della permeabilità della parete vascolare.

Shock anafilattico di grado lieve

Il lieve grado di shock anafilattico tipico è caratterizzato da:

  • prurito della pelle;
  • mal di testa, vertigini;
  • una sensazione di calore, maree, brividi;
  • starnuti e scarico di muco dal naso;
  • un mal di gola;
  • broncospasmo con difficoltà di espirazione;
  • vomito, dolore cramping nella regione peri-ooforica;
  • debolezza progressiva.

Lo shock anafilattico è una reazione di ipersensibilità di tipo immediato e si riferisce a condizioni potenzialmente letali. Un'immagine clinica in piena regola dello shock si sviluppa in un periodo compreso tra pochi secondi e 30 minuti.

Oggettivamente iperemia determinato (almeno - cianosi). Della pelle, un'eruzione di gravità variabile, raucedine, dispnea, udibile a distanza, riduzione della pressione sanguigna (. 60 / 30-50 / 0 mm Hg) fibrillazione e tachicardia a 120- 150 bpm.

Shock anafilattico di medio livello

Sintomi di shock anafilattico di gravità moderata:

  • ansia, paura della morte;
  • vertigini;
  • dolore nel cuore;
  • dolore diffuso nella cavità addominale;
  • vomito indomabile;
  • sensazione di mancanza d'aria, soffocamento.

Obiettivamente: la coscienza è oppressa, il sudore freddo appiccicoso, la pelle è pallida, il triangolo nasolabiale è cianotico, le pupille sono dilatate. I suoni del cuore sono sordi, il polso è filiforme, aritmico, rapido, la pressione arteriosa non è determinata. Possibile urinazione involontaria e defecazione, convulsioni toniche e cloniche, raramente - sanguinamento di varie località.

Grave shock anafilattico

Per un decorso grave di shock anafilattico sono caratteristici:

  • Implementazione immediata della clinica (da pochi secondi a diversi minuti);
  • mancanza di coscienza.

Una marcata cianosi della pelle e delle mucose visibili, profusa midriasi resistente al sudore, tonico-cloniche, dispnea, dispnea esalazione, con una forma allungata, schiumoso espettorato. I suoni del cuore non vengono ascoltati, la pressione sanguigna e la pulsazione delle arterie periferiche non sono determinate. La vittima, di regola, non riesce a presentare lamentele a causa di un'improvvisa perdita di coscienza; se non fornisci immediatamente assistenza medica, c'è un'alta probabilità di morte.

Shock anafilattico

Shock anafilattico (anafilassi) È una reazione acuta generale del corpo, che si verifica quando si introduce ripetutamente nel suo ambiente interno di vari antigeni (allergeni). Questa condizione si manifesta con bruschi cambiamenti nella circolazione periferica per l'indebolimento della emodinamico e respiratorio, disturbi del sistema nervoso centrale più gravi, il tratto gastrointestinale (vomito, diarrea), minzione involontaria e simili.

Lo shock anafilattico causato dalla somministrazione di una soluzione anestetica o di altri farmaci (antigene) è una reazione allergica grave e incredibilmente pericolosa per la vita di tipo immediato che a volte viene osservata nella pratica clinica di un dentista.

Il più delle volte lo shock anafilattico si sviluppa in persone con malattie concomitanti di natura allergica, in soggetti predisposti a reazioni allergiche a determinate sostanze o in quelli i cui parenti stretti hanno una grave anamnesi allergica.

Tra tutte le medicine che causano questa reazione acuta pericolosa, è occupato un posto di rilievo novocaina. Purtroppo, a parte lui, ci sono ancora molti antidolorifici, il cui uso può portare (seppure molto raramente) alla morte, se non immediatamente. Pertanto, un'attenta analisi delle cause dello shock anafilattico, nonché uno studio approfondito da parte dei dentisti delle forme, manifestazioni cliniche, metodi di assistenza di emergenza e di prevenzione meritano un'attenzione speciale.

Forme e corso di shock anafilattico

Lo shock anafilattico è una reazione allergica di tipo immediato, che si basa sul tipo di patogenesi reattiva. Le manifestazioni cliniche dell'anafilassi sono diverse e il tipo di allergene (antigene) e la sua quantità di solito non influiscono sulla gravità di questa condizione. Tre forme di shock anafilattico si distinguono lungo il percorso:

Forma fulminea di shock anafilattico arriva in 10-20 secondi dopo l'introduzione o l'ingresso dell'allergene nel corpo. È accompagnato da un quadro clinico severo, le cui manifestazioni principali sono:

  • ipovolemia (collasso)
  • broncospasmo
  • dilatazione della pupilla
  • toni cardiaci sordi fino alla loro completa estinzione
  • convulsioni
  • svenimenti
  • minzione involontaria e defecazione
  • morte (in caso di assistenza medica prematura o non qualificata, l'esito letale si verifica principalmente dopo 8-10 minuti)

Tra le forme fulminante e protratta di anafilassi, c'è una variante intermedia - una reazione anafilattica di tipo ritardato, che compare principalmente dopo 3-15 minuti.

Forma prolungata di shock anafilattico inizia a svilupparsi 15-30 minuti dopo l'applicazione o l'iniezione dell'antigene; Tuttavia, ci sono casi in cui questo tempo dura fino a 2-3 ore dal momento del contatto del "provocatore" con il corpo.

Gradi di anafilassi

Secondo la gravità del decorso dello shock anafilattico (anafilassi), gli esperti la suddividono in tre gradi:

Un semplice grado di shock anafilattico si verifica in genere 1-1,5 minuti dopo la somministrazione dell'antigene. Appare sotto forma di prurito alle varie parti del corpo, edema delle labbra, lieve diminuzione della pressione sanguigna, tachicardia. A livello locale ci sono gonfiori della pelle che assomigliano a bruciature di ortica.
L'anafilassi di grado medio si sviluppa principalmente 15-30 minuti dopo la somministrazione dell'antigene, anche se a volte può iniziare prima o, al contrario, dopo 2-3 ore; allora questo stato è giustamente definito come una forma di flusso prolungata. Le principali manifestazioni sono broncospasmo, violazione della frequenza cardiaca, arrossamento e prurito del corpo in alcune aree.

Grave shock anafilattico

Lo shock anafilattico di grado grave si verifica in genere 3-5 minuti dopo la somministrazione dell'antigene. I sintomi principali di questa condizione pericolosa sono

  • ipotensione istantanea
  • mancanza di respiro (broncospasmo)
  • arrossamento e prurito del viso, delle mani, del tronco, ecc.
  • dolore della testa
  • tachicardia acuta e indebolimento dei toni cardiaci
  • dilatazione della pupilla
    comparsa di cianosi
  • capogiri (difficile essere in posizione eretta)
  • svenimenti
  • spasmi dei muscoli scheletrici e persino convulsioni
  • minzione involontaria e defecazione

Poiché ogni organismo sensibilizzato reagisce a modo suo all'introduzione di un antigene, le manifestazioni cliniche di tale reazione acuta possono essere puramente individuali. È probabile che il corso e il risultato finale del trattamento dipenderanno dalla tempestività della fornitura e dalla qualificazione delle cure mediche.

Tipi di shock anafilattico

L'anafilassi può interessare l'intero corpo o, in larga misura, solo un organo specifico. Questo è mostrato dal quadro clinico corrispondente. I principali tipi di shock anafilattico includono:

  • tipico
  • cardiaco
  • asmatico (ischemia miocardica, disturbi microcircolatori periferici)
  • cerebrale
  • addominale (un sintomo di "addome acuto", che viene principalmente dall'introduzione di antibiotici)

È chiaro che ogni tipo di anafilassi, oltre alla direzione generale, richiede anche un trattamento specifico finalizzato al massimo ripristino della funzione dell'organo interessato.

Manifestazioni cliniche di shock anafilattico

L'emergenza dello shock anafilattico è preceduta dal cosiddetto periodo prodromico associato allo stadio iniziale della malattia. Pochi minuti dopo l'applicazione, l'inalazione del farmaco, in particolare l'anestetico locale, presenta un malessere generale, ma i segni caratteristici della reazione sono ancora assenti.
Lo shock ha spesso una varietà di sintomi, che, di regola, si manifesta in questa sequenza:

  • ansia, paura, eccitazione
  • debolezza generale, che sta rapidamente crescendo
  • sensazione di calore
  • formicolio e prurito sul viso, mani
  • Sonitus
  • forte mal di testa
  • vertigini
  • arrossamento del viso seguito da pallore (grave ipotensione)
  • sudore freddo e appiccicoso sulla fronte
  • tosse e soffocamento causati da broncospasmo
  • forte dolore dietro lo sterno, specialmente nella regione del cuore
  • tachicardia
  • disagio nell'addome
  • nausea, vomito
  • eruzione cutanea e gonfiore del tipo angioedurotico (non sempre)

Se non si inizia immediatamente il trattamento, le condizioni del paziente si deteriorano ogni volta. In questo caso:

  • c'è un debole
  • le pupille si dilatano e difficilmente reagiscono alla luce
  • le mucose acquisiscono un colore cianotico
  • i suoni del cuore sono sordi, toccati male
  • impulso filiforme, appena palpabile
  • L'ANNUNCIO diminuisce bruscamente (in casi severi è difficile da determinare)
  • la respirazione rallenta, diventa difficile (broncospasmo), si manifesta un sibilo secco, a volte l'asfissia si verifica dal gonfiore delle mucose dell'apparato respiratorio
  • ci sono convulsioni, brividi o debolezza generale
  • Alcuni pazienti possono avere gonfiore, minzione involontaria, a volte defecazione

Negli stadi di shock anafilattico lievi e moderati, la maggior parte dei suddetti sintomi è stata osservata. Quando la forma è grave, predominano i segni di danni a determinati organi o sistemi. Se il paziente non riesce a fornire tempestiva assistenza qualificata medica, e fulmini, e una forma prolungata di shock anafilattico spesso conduce alla morte.

Cause di morte nello shock anafilattico

Nello studio dentistico nell'implementazione dell'anestesia locale, ci sono anche casi in cui lo sviluppo di reazioni allergiche di tipo immediato ha conseguenze letali.
I principali fattori che causano la morte includono:

  • l'asfissia, è causata da un forte spasmo della muscolatura dei bronchi
  • insufficienza respiratoria acuta e / o cardiaca o arresto cardiaco nella fase di forte eccitazione del sistema nervoso parasimpatico
  • gravi disturbi fasi di coagulazione del sangue, e cioè: aumento alterna coagulazione del sangue abbassati che avviene attraverso la distruzione dei leucociti granulari e mastociti che rilasciano parallelo con istamina, serotonina, chinine che SRS grandi quantità di eparina (a causa di questo sangue non coagula)
  • edema cerebrale
  • emorragie negli organi vitali (cervello, ghiandole surrenali)
  • insufficienza renale acuta

Un buon numero significativo di casi di effetti fatali di shock anafilattico, ovviamente dovuto al fatto, secondo le statistiche di rado erroneamente attribuiscono informazioni sulla morte del paziente da anafilassi non è, come, per esempio, infarto del miocardio, edema cerebrale.

Diagnosi differenziale dello shock anafilattico

Distinguere lo shock anafilattico in odontoiatria dal solito, anche prolungato svenimenti relativamente semplice. Con lo sviluppo dell'anafilassi, tranne che per la forma fulminea, la coscienza del paziente rimane per un certo tempo. Il paziente è irrequieto, si lamenta della comparsa di prurito della pelle. Allo stesso tempo c'è tachicardia. In primo luogo sviluppare orticaria, angioedema e poi - broncospasmo, un disturbo respiratorio. Solo più tardi si verificano deboli e altre complicazioni pericolose.

Per quanto riguarda il shock traumatico, quindi, a differenza dell'anfilattica, ha una caratteristica fase erettile iniziale, quando una persona è chiaramente eccitata: eccessivamente mobile, allegra, loquace. In un primo momento, la pressione arteriosa è fissata in condizioni normali o leggermente elevate (con anafilassi - pressione del sangue significativamente più bassa).

Con lo sviluppo ipovolemia la pelle diventa pallida, cianotica, coperta di sudore freddo e appiccicoso. C'è una diminuzione acuta e nello stesso tempo significativa della pressione sanguigna. Per chiarire la situazione clinica, prima di tutto, è necessario eliminare le cause di sanguinamento e grave perdita di liquidi (vomito, abbondante sudorazione).
Con l'ipovolemia, non c'è ansia del paziente, prurito della pelle, mancanza di respiro (broncospasmo!) E altri sintomi caratteristici di una reazione allergica acuta.

Insufficienza cardiaca congestizia acuta non è associato all'introduzione ripetuta nel corpo di alcun antigene e non ha un inizio improvviso e rapido. Per lei, caratteristico soffocamento di tipo inspiratorio, cianosi, respiro sibilante bagnato, che sono tappati nei polmoni. Come con anafilassi, v'è una tachicardia significativo, tuttavia, la pressione sanguigna rimane praticamente costante, mentre con l'insorgenza di shock anafilattico fisso caduta istantanea della pressione sanguigna.

diagnosi infarto miocardico è basato principalmente sui dati di anamnesi (attacchi sempre più frequenti di angina). Durante un attacco di cuore, il paziente sviluppa lunghi dolori al petto che irradiano in una o entrambe le mani. L'uso di nitroglicerina non allevia le condizioni del paziente. In oltre l'80% dei casi di infarto del miocardio, sono stati riscontrati cambiamenti caratteristici sull'ECG.
Differenziazione di anafilassi con epilessia si basa anche sulla base della storia raccolta, da cui il medico apprende gli attacchi periodici di questa malattia. Una delle prime manifestazioni di epilessia, a differenza di anafilassi sono la sincope improvvisa, e poi - arrossamento del viso, convulsioni, salivazione significativa (schiuma).

Nei pazienti con insufficienza epatica, c'è un rischio molto maggiore di anafilassi rispetto a quelli che non hanno questa patologia. Inoltre, i pazienti con malattia da radiazioni con processi epatici infiammatori e ridotta immunità vengono portati via dallo stato di shock anafilattico molto più difficilmente. Pertanto, prima di interventi in anestesia locale, devono essere pre-preparati per la chirurgia (trattamento profilattico con acido epsilon-aminocaproico e altre misure). Il medico non dovrebbe dimenticare che i bambini con lo sviluppo di anafilassi non possono sempre indicare chiaramente i suoi sintomi specifici. Con l'edema della laringe è necessario eseguire l'intubazione urgente della trachea o la conicotomia (criotreotomia).

Pronto soccorso per shock anafilattico

Con l'apparizione dei primi segni di una reazione allergica acuta di tipo immediato, è necessario:

  • interrompere immediatamente la fornitura di un possibile allergene (provocatore) nel corpo, compresi eventuali anestetici
  • dare alla vittima una posizione orizzontale (mettere su una superficie piana e dura)
  • Pulire urgentemente la cavità orale di rotoli di cotone, muco, coaguli di sangue, vomito, dentiere rimovibili, ecc.
  • liberare il paziente dallo spremere i vestiti
  • rendere possibile l'accesso all'aria fresca e fresca
  • per evitare che la lingua indugi con lo svenimento, per lanciare la testa il più possibile, dopo di che la mascella inferiore viene portata in avanti (ricezione di Safar)
  • Per prevenire l'ulteriore sviluppo dell'ipossia, è urgente iniziare l'inalazione continua di ossigeno, in presenza di indicazioni - ventilazione artificiale
  • prendere tutte le misure per ridurre l'attività dell'antigene
  • appena possibile iniziare la terapia farmacologica

Per rimuovere il paziente dallo stato di shock anafilattico, tutte le misure non farmacologiche e medicamentose devono essere eseguite simultaneamente. Assistenza medica non tempestiva e non qualificata può portare alla morte.

Farmaci per shock anafilattico

Lo scopo della farmacoterapia. L'azione delle sostanze medicinali, introdotte durante lo sviluppo dello shock anafilattico, dovrebbe innanzitutto garantire:

  • normalizzazione della pressione sanguigna
  • diminuzione dell'attività antigenica
  • regolazione della frequenza ottimale di contrazione del miocardio
  • sollievo dallo spasmo dei bronchi
  • eliminazione di altri pericolosi sintomi che possono svilupparsi

Quando compare una sensazione di freddo nel paziente, è consigliabile mettere una piastra elettrica sulla proiezione dei vasi marginali, e quindi coprire la vittima con una coperta calda; Per evitare possibili ustioni da una bottiglia di acqua calda, è necessario monitorare le condizioni della sua pelle.

Caratteristiche dell'introduzione di farmaci
Per salvare la vita di una persona che si trova in uno stato di shock anafilattico, ogni secondo è costoso. Pertanto, il compito principale di un medico è raggiungere il massimo effetto terapeutico il prima possibile. È chiaro che in questa situazione estrema non ci saranno pillole, capsule o tinture o anche alcune iniezioni (intradermiche, sottocutanee).
Il paziente era in uno stato di shock, come appropriato parenterale agenti farmacologici intramuscolare, circolazione sanguigna rallenta notevolmente a causa di anafilassi; quindi il medico non può determinare in anticipo il tasso di adsorbimento del farmaco iniettato e prevedere l'esordio e la durata della sua azione. A volte in circostanze simili, l'iniezione intramuscolare di farmaci non fornisce alcun effetto terapeutico: le sostanze iniettate non vengono assorbite. Queste sono le caratteristiche della farmacoterapia nello sviluppo dello shock anafilattico. E quali dovrebbero essere le misure terapeutiche efficaci?

Il più appropriato per le condizioni allergiche da shock è la via di somministrazione endovenosa dei farmaci. Se infusione endovenosa prima non è stata eseguita, in una vena sul momento dello sviluppo di anafilassi hanno stabilito il catetere, mentre un ago sottile può essere iniettato in una vena periferica qualsiasi mezzo per le funzioni vitali dell'organismo (adrenalina, atropina, etc.).
I medici oi loro assistenti, impegnati nella ventilazione o nel massaggio cardiaco, dovrebbero regolare la somministrazione endovenosa di soluzioni appropriate a qualsiasi vene accessibile delle mani o dei piedi. In questo caso, la preferenza è data alle vene delle mani, come le vene di infusione delle gambe, non solo rallenta verso il basso il flusso di farmaci per il cuore, ma accelera anche lo sviluppo di tromboflebite.

Se per qualche motivo l'uso endovenoso di farmaci essenziali è difficile, il modo migliore per uscire da questa situazione critica - Preparati iniezione immediate azioni urgenti (epinefrina, atropina, skolopamin) direttamente nella trachea. Inoltre, gli anestesisti americani - i rianimatori raccomandano di iniettare questi farmaci anche sotto la lingua o la guancia. A causa l'anatomia delle dette porzioni (forte vascolarizzazione, vicinanza ai centri vitali) sono estremamente necessario per le sostanze corpo permettono di contare su un effetto terapeutico rapido tali metodi di iniezione.

Inserisci adrenalina o atropina nella trachea ad una diluizione 1:10. La puntura viene effettuata attraverso la cartilagine ialina della laringe. Inietti questi farmaci sotto la lingua o sulla guancia in una forma pura. In tutti i casi, viene utilizzato un ago per iniezione con una lunghezza di 35 mm e un diametro di 0,4-0,5 mm.
Prima dell'introduzione di farmaci sotto la lingua o sulla guancia, il test di aspirazione è obbligatorio. Vale la pena notare che l'iniezione di adrenalina presenta alcuni svantaggi: in particolare, l'effetto a breve termine di questo farmaco. Pertanto, l'iniezione deve essere ripetuta ogni 3-5 minuti

Adrenalina per shock anafilattico

Tra tutti i farmaci usati per rimuovere il paziente dallo stato di shock anafilattico, il più efficace ha dimostrato adrenalina (il principale farmaco per il trattamento dello shock anafilattico), alla cui applicazione il medico dovrebbe procedere il prima possibile.
L'adrenalina viene somministrata con l'obiettivo:

  • dilatazione coronarica
  • aumentando il tono del muscolo cardiaco
  • stimolazione delle contrazioni spontanee del cuore
  • aumento della contrazione ventricolare
  • aumento del tono vascolare e della pressione sanguigna
  • intensificazione della circolazione sanguigna
  • promuovere l'effetto del massaggio cardiaco indiretto

In molti casi, un'iniezione tempestiva e specializzata di adrenalina aumenta la possibilità di rimuovere con successo il paziente da uno stato grave e pericoloso di shock anafilattico. La più semplice, ovviamente, è l'iniezione intramuscolare di adrenalina con una dose di 0,3-0,5 ml. Soluzione allo 0,1%. Tuttavia, come già notato, questo metodo non si applica a efficaci; inoltre, l'azione dell'adrenalina è breve. Pertanto, nella pratica clinica, si sono diffusi altri usi di questo farmaco:

  • epinephrine endovenosamente lentamente in 0,5-1 millilitri. Soluzione allo 0,1% diluita in 20 ml. Glucosio al 5% o 10-20 ml. Concentrazione 0,9% di cloruro di sodio
  • se non è presente un contagocce, 1 ml di soluzione allo 0,1% diluito in 10 ml di concentrazione di cloruro di sodio allo 0,9%
  • l'adrenalina viene iniettata direttamente nella trachea sotto forma di un aerosol attraverso il tubo endotracheale; mentre il suo effetto è meno prolungato
  • adrenalina sotto la lingua o la guancia (questa opzione è scelta dai medici che non praticano la pratica chirurgica)

In parallelo con l'adrenalina dovrebbe essere usato e atropina, che causa il blocco dei recettori M-colinergici del sistema nervoso parasimpatico. Come risultato della sua azione è accelerata la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna normale e viene rimosso bronchiale spasmo della muscolatura liscia e del tratto gastrointestinale.

Adrenalina - complicanze

L'iniezione troppo rapida di adrenalina o il suo sovradosaggio causa lo sviluppo di alcune condizioni patologiche laterali, in particolare come:

  • eccessivo aumento della pressione sanguigna
  • angina (a causa di tachicardia pronunciata)
  • infarto miocardico localizzato
  • insulto

Per evitare queste complicazioni, soprattutto nelle persone di mezza età e anziani, iniezione di adrenalina dovrebbe essere attuato lentamente, mentre il monitoraggio l'elevazione della frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

Profilassi del broncospasmo progressivo

Quando anafilassi, quando è accompagnato dagli aiuti d'urgenza broncospasmo farmacoterapeutica forte previsto in anticipo l'espansione dei bronchi. Per fare questo, utilizzare:

Ti Piace Di Erbe

Il Social Networking

Dermatologia