Dopo la cessazione delle mestruazioni nelle donne, inizia il periodo postmenopausale, la cui durata è quasi un terzo della vita. Nel corpo, i cambiamenti di età avvengono, il numero di ormoni femminili diminuisce, così possono comparire patologie e malattie gravi. Uno dei più comuni è l'iperplasia endometriale.

Cos'è l'iperplasia endometriale?

La malattia non ha limiti di età, ma più spesso viene diagnosticata durante la pubertà, la menopausa. In giovane età, la malattia non è così pericolosa, perché con un trattamento adeguato raramente porta a conseguenze gravi, e durante la menopausa e dopo il cancro si sviluppa. Con iperplasia, si verifica un'eccessiva divisione, aumento della moltiplicazione delle cellule endometriali, aumento dello spessore della mucosa. Il germogliamento è benigno, ma è considerato potenzialmente pericoloso. Se lo spessore dell'endometrio con un climax superiore a 6 mm, è necessario un ulteriore esame.

Nelle donne in postmenopausa

La principale causa di ispessimento, proliferazione delle cellule endometriali è una violazione del background ormonale. In postmenopausa, si osserva un livello elevato di estrogeni e una carenza di progesterone dell'ormone femminile, a causa di questo squilibrio, la membrana mucosa dell'utero funziona male. Inoltre, ci sono diversi fattori che contribuiscono alla comparsa della patologia:

  1. Predisposizione genetica. Se la madre ha una malattia, la probabilità del suo sviluppo nella figlia è grande.
  2. Metabolismo disturbato, obesità.
  3. Difetti congeniti dell'utero
  4. Infezioni sessualmente trasmesse.
  5. Fallimenti nell'immunità. In caso di malfunzionamento, le cellule immunitarie possono attaccare erroneamente la mucosa uterina.
  6. Malattie della tiroide, ghiandola surrenale, diabete mellito.
  7. Manipolazione chirurgica (raschiamento, aborto).
  8. Presenza di formazioni cistiche, miomi.

L'endometriosi con menopausa e postmenopausa passa spesso senza segni evidenti. Con la crescita del tessuto ghiandolare non vi è alcuna sensazione dolorosa a causa della debole sensibilità della cavità uterina. Uno dei segni che possono indicare una malattia è la vagina, insolita per la postmenopausa. Non sono legati al mensile, quindi possono essere pericolosi - potrebbe essere necessario un controllo, un trattamento. Le allocazioni possono essere abbondanti, scarse - dipende dal rapporto degli ormoni.

Come trattare l'iperplasia dell'endometrio

Per il trattamento è necessaria una terapia complessa. Quando si sceglie una tattica si prende in considerazione l'età del paziente, il grado di abbandono della patologia, la causa dell'evento, la possibilità di recidiva. Nei casi più gravi, con la minaccia della vita, gravi emorragie, il rischio di degenerazione in educazione maligna, l'unica via d'uscita è l'intervento chirurgico. In altri casi, si possono usare metodi conservativi: assumere farmaci ormonali, trattare i metodi delle persone. Questi ultimi sono raccomandati come metodo aggiuntivo per combattere le escrescenze focali.

Trattamento con metodi chirurgici

L'intervento chirurgico è un'opzione estrema, viene utilizzato quando c'è una minaccia per la vita del paziente, e i metodi rimanenti non aiutano. Viene anche prescritto se non vi è alcuna possibilità di monitorare costantemente il decorso della malattia. Per la diagnosi, il trattamento dell'iperplasia endometriale nelle donne in postmenopausa, il raschiamento della cavità uterina viene spesso utilizzato con ulteriori indicazioni per l'esame istologico. I metodi dell'intervento chirurgico sono molto diffusi: criodistruzione, moxibustione. Con una forma atipica o ricorrente di iperplasia, l'utero viene rimosso.

raschiatura

Il metodo utilizzato a fini diagnostici e terapeutici. Usato per fermare il sanguinamento, rimuovere le aree patologiche dell'endometrio, analisi istologiche. La procedura è semplice, dura circa 20 minuti, viene eseguita in anestesia endovenosa. Per il curettage si usa una curette. Nella modalità cieca, il medico prima dilata la cervice, quindi entra nello strumento chirurgico, tira indietro, mentre preme la mucosa. La curetta tratta gli angoli dell'utero, la parete anteriore e posteriore.

cryolysis

Un metodo semplice, in cui si verificano effetti locali di basse temperature sulla proliferazione focale, aree iperplastiche dell'endometrio. Dopo la procedura, le cellule ghiandolari patologiche dell'epitelio muoiono, vengono rifiutate e via via vanno via. Il trattamento dell'iperplasia endometriale in postmenopausa mediante criodistruzione viene eseguito senza sangue. Il metodo consente di influenzare chiaramente il locus della malattia, minimizzando i tessuti sani dell'endometrio. È indolore, quindi non richiede un'anestesia speciale.

cauterio

Anche il trattamento dell'iperplasia viene effettuato utilizzando metodi elettrochimici, ad esempio un laser. A causa dell'influenza delle alte temperature, le aree di crescita vengono distrutte, quindi vengono rimosse indipendentemente dall'utero. La cauterizzazione viene eseguita in anestesia generale in un ospedale. In primo luogo, il medico introduce un conduttore speciale per il paziente, quindi esegue l'operazione, riscaldando la membrana mucosa alle alte temperature. La durata della procedura non supera i 20-30 minuti.

Rimozione dell'utero

L'operazione viene eseguita se la donna ha una complicata forma atipica di iperplasia. Può solo rimuovere l'utero, mantenendo la cervice, le tube di Falloppio, le ovaie, può rimuovere tutto quanto sopra. Più spesso, viene eseguita un'isterectomia totale, in cui l'accesso all'utero avviene attraverso la cavità addominale. Dopo la rimozione degli organi, le ferite sull'addome vengono ricucite lasciando una grossa cicatrice.

Trattamento dell'iperplasia endometriale senza raschiamento

Per curare la malattia, per prevenire un ulteriore aumento dell'endometrio, vengono prescritti farmaci. Le compresse sono progettate per regolare lo sfondo ormonale, fermare il sanguinamento, prevenire la proliferazione della mucosa in postmenopausa:

  1. In primo luogo, per migliorare la condizione fisica delle donne possono essere prescritti farmaci ormonali combinati, ad esempio, Logest, Zhanin, Yarina. Sono presi per 21 giorni per una compressa su uno schema contraccettivo.
  2. Nella seconda fase, vengono prescritti i gestageni per sopprimere la tendenza dell'endometrio a ispessirsi. Il trattamento è lungo, almeno 3-6 mesi. Famose droghe di questo gruppo: Mirena, Dyufaston, Norkolut.
  3. Il terzo stadio prevede la ricezione di analoghi degli ormoni rizoma dell'ipotalamo. Le loro sostanze attive impediscono la produzione di ormoni sessuali, causano atrofia dell'endometrio. Introdotto una volta al mese. Preparati di analoghi di ormoni rizoma: Zoladex, Buserelin.

Trattamento tradizionale dell'iperplasia endometriale in menopausa

Se durante la menopausa, menopausa Isteroscopia confermata ghiandolare, o diffusa adenomatosa iperplasia rivelato anomalie focali in utero, o la formazione cistica polipoide, non dobbiamo disperare. Insieme ai tablet, puoi usare rimedi popolari, coordinandoli con un medico e persino con una dieta. Quando l'iperplasia dell'endometrio è una fitoterapia molto utile - molte piante sono ricche di analoghi di ormoni femminili. Scopri alcuni rimedi popolari:

  1. Tintura di alcool con ortica. La pianta ha un effetto benefico, normalizza lo sfondo ormonale dovuto al contenuto di fitormoni. Per preparare la tintura, dovresti macinare 100 g di ortica, mescolare con 400 g di alcol, lasciare per 10 giorni in un luogo buio. Quando il tempo specificato passa, prendi 1 cucchiaino dopo aver mangiato la mattina, la sera.
  2. Utero boreale L'erba è usata per trattare molte malattie ginecologiche. Quando iperplasia dell'endometrio, formazioni cistiche si consiglia di utilizzare un decotto o infusione alcolica. Per preparare l'infuso, mescolare circa 50 g di erba, 500 ml di alcol, tenere premuto per 2 settimane, agitando ogni giorno. Bevi 1 cucchiaino tre volte al giorno, lavando con acqua. La durata della terapia è di 3 mesi.

Iperplasia del raschiamento dell'endometrio: recensioni dei medici

In ginecologia, tali patologie dell'utero sono molto comuni e richiedono un intervento strumentale, diagnostico o terapeutico. Una di queste malattie è l'iperplasia endometriale, il cui trattamento è più spesso nella procedura di raschiamento. È molto importante per le donne che si trovano di fronte a questa diagnosi comprendere l'essenza e la sequenza di questa procedura, oltre a rendersi conto delle possibili conseguenze. Con iperplasia endometriale, raschiatura, secondo le recensioni, viene utilizzata molto spesso.

Cos'è questa patologia?

L'iperplasia dell'endometrio è una neoplasia benigna nell'endometrio (strato interno dell'utero), che porta al suo ispessimento e al suo ingrandimento. La causa di questo processo è un aumento del numero di elementi stromali e ghiandolari situati nell'endometrio.

Endometri sono di diversi tipi:

  1. Ghiandolare (tessuto ghiandolare allargato).
  2. Cistica ghiandolare.
  3. Adenomatosi. Questa è una patologia precancerosa. Approssimativamente nel 10 percento dei casi si sviluppa in una formazione maligna.
  4. Polipi fibrosi fibrosi e ghiandolari dell'endometrio. Questo è il tipo più comune di iperplasia. Raramente diventano maligni, ma possono causare il cancro dell'endometrio.

Di seguito, diamo un'occhiata al feedback sulla procedura di raschiatura.

Iperplasia dell'endometrio è una patologia comune in tutte le fasce di età nelle donne. Molto spesso, tuttavia, questa patologia si verifica durante la pubertà o la menopausa, quando si verificano cambiamenti ormonali cardinali nel corpo.

prerequisiti

I prerequisiti per l'iperplasia dell'endometrio sono:

  1. Insufficienza nell'equilibrio ormonale (deficit di progesterone sullo sfondo di una sovrabbondanza di estrogeni).
  2. Diabete mellito, ipertensione, obesità, malattie della tiroide, ghiandole surrenali, ecc.
  3. Fibromi uterini e adenomiosi.
  4. Predisposizione genetica.
  5. L'aborto.

Con l'iperplasia endometriale in menopausa, raschiare, secondo le recensioni, è l'unico metodo di terapia.

prova

Il segno principale di tutti i tipi di questa patologia è la scarica sanguinolenta irregolare e non ciclica. Di solito compaiono tra le mestruazioni o dopo un ritardo. Le allocazioni non sono abbondanti, sbavanti. Sovrabbondanza di estrogeni nel corpo di una donna può portare a infertilità, mentre iperplasia endometriale non si manifesta. Pertanto, l'assenza di gravidanza con un'attività sessuale regolare durante tutto l'anno è un motivo serio per consultare uno specialista. L'iperplasia è spesso confusa con il mioma (in presenza di questa diagnosi) o con aborto nelle prime fasi.

Diagnosticati con iperplasia endometriale (raschiatura e opinioni discusso sotto) dopo un esame pelvico, ecografia pelvica e isteroscopia (esame dell'utero utilizzando uno speciale dispositivo). Soskob, ottenuto con l'isteroscopia, viene esaminato allo scopo di determinare il tipo di iperplasia. Una biopsia di aspirazione può anche essere eseguita quando un esame istologico viene eseguito con un pezzo di endometrio. Il controllo del livello di estrogeni e progesterone è anche uno dei tipi di diagnosi di iperplasia endometriale.

La terapia per l'iperplasia dell'endometrio è necessaria per tutti, indipendentemente dall'età e dal grado di affetto. Isteroscopia e raschiamento sono i metodi più efficaci di trattamento e diagnostica. Di seguito parleremo in modo specifico dello scraping. Può verificarsi iperplasia dell'endometrio nelle risposte nelle donne in postmenopausa.

Indicazioni e controindicazioni

Il curettage (raschiamento dell'endometrio) è una procedura comune in ginecologia. È un intervento invasivo nella struttura degli organi genitali femminili. Durante questa manipolazione, il medico rimuove lo strato funzionale della mucosa con uno strumento speciale senza intaccare altri tessuti. Alla prossima mestruazione, l'endometrio viene ripristinato in modo indipendente.

Ma in rari casi succede che l'iperplasia endometriale senza curettage (recensioni su questo punteggio sono disponibili) viene curata.

La pulizia della cavità uterina viene effettuata allo scopo di diagnosticare o trattare varie malattie ginecologiche. Pertanto, le procedure sono divise in medico e diagnostico. L'ultima opzione è applicata in presenza dei seguenti sintomi:

  1. Ciclo mensile irregolare.
  2. Sanguinamento mestruale abbondante e prolungato.
  3. Menorragia (sanguinamento tra le mestruazioni).
  4. Algomenorea (sensazioni dolorose nelle mestruazioni).
  5. Infertilità.
  6. Sospettato per la presenza di educazione maligna.

Abbastanza spesso ci sono una crescita benigna della membrana mucosa (focale o diffusa). Pertanto, raschiare con iperplasia endometriale, secondo le recensioni, è molto comune. È importante per le donne che sono in attesa di conferma della diagnosi.

Per scopi medici, lo scraping è usato non solo per l'iperplasia, ma anche per altre patologie, in particolare:

Miomi sottomucosi (sottomucosi).

Polipi del corpo e della cervice.

Gravidanza congelata o ectopica.

Parto con patologia.

Curare le condizioni di cui sopra può essere raschiando. Tra l'altro, questa procedura viene eseguita come uno dei metodi per interrompere una gravidanza indesiderata. E anche se ora vengono utilizzati altri metodi, come l'aspirazione a vuoto o l'aborto medico, questa procedura è ancora rilevante.

È importante ricordare che la procedura di curettage endometriale per l'iperplasia della menopausa, secondo le recensioni, ha controindicazioni. Ad esempio, con malattie infettive e infiammatorie acute della vagina e della cervice, la procedura deve essere abbandonata, poiché può provocare un coinvolgimento uterino. L'eccezione è il caso di un ritardo nella placenta durante il travaglio.

Preparazione e svolgimento della procedura

Come per qualsiasi intervento invasivo, l'iperplasia endometriale deve essere preparata con cura. La prima cosa da ricordare - la procedura viene eseguita in determinati giorni del ciclo mestruale, che aiuta a ridurre il sanguinamento. Il secondo è che è necessario un esame sfaccettato di una donna, tra cui:

  1. Analisi generale del sangue e delle urine.
  2. Microscopia vaginale (striscio).
  3. Bakposov vydeleny.
  4. Un esame del sangue per la biochimica, così come gli ormoni.

Tale esame è necessario per rivelare l'iperplasia accompagnatoria delle patologie, in quanto possono prevenire il curettage o portare a complicanze postoperatorie. Prima della procedura, la donna deve rispettare le seguenti condizioni:

  1. Rifiuta di prendere qualsiasi medicinale
  2. Astenersi dall'attività sessuale.
  3. Smettere di usare i mezzi per l'igiene intima, comprese supposte vaginali e compresse. Le conseguenze di raschiare l'iperplasia dell'endometrio e le revisioni sono di interesse per molti.

Interrompere l'assunzione del farmaco dovrebbe essere di due settimane prima della procedura, il resto delle condizioni vengono eseguite pochi giorni prima della manipolazione. 12 ore prima dell'intervento, dovresti interrompere l'assunzione di cibo e liquidi, ovvero la procedura dovrebbe avvenire a stomaco vuoto.


La cosa più importante che eccita il paziente prima della procedura è, infatti, come viene condotta. La raschiatura viene eseguita in condizioni stazionarie nella sala operatoria ginecologica. Poiché questa manipolazione è molto dolorosa, il paziente viene necessariamente iniettato in anestesia mediante anestesia endovenosa. Se la procedura viene eseguita dopo il parto o un aborto, non sarà necessaria l'anestesia, poiché la cervice sarà sufficientemente espansa.

Nella fase iniziale, utilizzando uno speciale dilatatore di metallo, il canale cervicale viene aperto. Inoltre, vi è un curettage diretto della mucosa da parte della curette (cucchiaio chirurgico). A volte viene usato un aspiratore a vuoto per questo scopo. Ma prima di entrare, è necessario controllare la posizione e la lunghezza della cavità uterina, poiché è possibile una piega.

Idealmente, l'operazione viene eseguita sotto il controllo di un isteroscopio, tuttavia è anche possibile una versione "cieca". L'isteroscopio visualizza un'immagine sul monitor, che mostra chiaramente quali aree richiedono la raschiatura. Allo stesso tempo, una biopsia può anche essere presa per ulteriori indagini. L'iperplasia dell'endometrio può richiedere la procedura in due fasi: prima viene eliminata la cavità uterina e quindi il canale cervicale. Raschiando per iperplasia endometriale in postmenopausa e recensioni saranno discussi di seguito.

Effetti del curettage

Quando si raschia, lo strato superficiale dell'endometrio viene rimosso ed è per questo che è necessaria una certa quantità di tempo per la sua rigenerazione. Di norma, questo è un processo veloce, di durata paragonabile alla normale mestruazione. Tuttavia, questa procedura danneggia ancora la membrana mucosa, quindi possono esserci dolori parossistici nel basso addome e spotting. Inizialmente, le secrezioni sono raggrumate, poi sanguinolente, senz'anima, e dopo una settimana e mezza si fermano e tutto torna alla normalità. Se il dolore è intenso e preoccupa una donna nel periodo postoperatorio, è possibile assumere farmaci antinfiammatori, come l'ibuprofene. Altre opzioni per la terapia dopo il curettage nell'iperplasia endometriale in menopausa, secondo le recensioni, non sono richieste.

Possibili complicazioni

Dopo l'operazione, è possibile un ritardo fino a 4 settimane o più. In caso di un ritardo di oltre tre mesi, ha senso rivolgersi a un ginecologo. Vale anche la pena farlo se la scarica non si esaurisce e il dolore aumenta o se la temperatura aumenta. Tali sintomi indicano la presenza di complicanze, ad esempio:

  1. Endometrite (processo infiammatorio).
  2. Sanguinamento uterino.
  3. Ematometro (accumulo di sangue nell'utero).

Iperplasia endometriale, raschiamento: valutazioni del medico

Durante l'intervento chirurgico possono verificarsi danni all'utero, rottura della cuvetta, dilatatore o sonda. Può accadere a causa di una manipolazione incompetente o per l'assenza di un isteroscopio. Nel tempo, questo danno zarubtsuyutsya, al loro posto, si può verificare aderenze, che potrebbe essere un motivo non fissare l'embrione nella parete uterina e quindi infertilità.

Il trattamento dell'iperplasia endometriale dopo il raschiamento, secondo le recensioni, dovrebbe essere completo.

Dopo una procedura di successo, si consiglia a una donna di prestare attenzione alla sua salute, per consentire al corpo di riprendersi completamente.

Regole dopo l'intervento

I ginecologi sono invitati a rispettare le seguenti regole entro due settimane dopo l'operazione:

  1. Astinenza sessuale
  2. Non fare il bagno e non andare in sauna, escludere lo stress da calore sul corpo.
  3. Non usare siringhe e tamponi.
  4. Evitare l'attività fisica attiva.
  5. Non assumere fluidificanti del sangue, come "Eparina" o "Aspirina".
  6. Controlla tre mesi dopo la procedura con la donazione di sangue agli ormoni.

Domanda importante

Non meno eccitante per una donna sopravvissuta al curettage, il problema sta nell'ulteriore possibilità di concepire un bambino. Sfortunatamente, nessuno può dare una risposta concreta ad esso. Le garanzie di gravidanza futura non lo specialista no. Dipende dalle caratteristiche individuali del corpo, dal successo della procedura condotta, dal motivo per cui è stata effettuata la manipolazione. Se l'iperplasia dell'endometrio non ha effetto sulle ovaie, allora non dovrebbero esserci ostacoli alla gravidanza dopo la procedura, la gravidanza potrebbe verificarsi già alla successiva operazione di ovulazione.

Quando iperplasia dell'endometrio è necessario raschiare? Le recensioni confermano che esiste un'alternativa. A proposito di questo ulteriormente.

Con numerose ricadute di iperplasia, possono essere prese misure cardinali. Se il paziente non intende partorire, può procedere alla rimozione completa della mucosa endometriale. In casi particolarmente difficili, l'utero, le ovaie e le appendici possono essere completamente rimossi. La terapia in questo caso sarà lunga e complessa, poiché tali misure influiscono notevolmente sull'equilibrio ormonale nel corpo di una donna.

Per evitare futuri problemi di salute, la raschiatura dovrebbe essere affidata solo a medici esperti, in questo caso una donna deve seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni nel periodo pre e postoperatorio.

Raschiando per iperplasia endometriale con menopausa

Recensioni suggeriscono che quando il corpo di una donna accumula troppo ormoni estrogeni, riducendo il progesterone, può causare la menopausa a tali malattie pericolose come iperplasia dell'endometrio. Il gruppo a rischio comprende rappresentanti del gentil sesso, che aveva un lunghi periodi pesanti prima della menopausa, con fibromi, infiammazione dell'endometrio o entità al petto. Il trattamento consiste nelle seguenti fasi:

  • curettage diagnostico;
  • analisi del materiale dall'utero;
  • poi il ginecologo seleziona gli ormoni necessari per fermare l'iperplasia;
  • raschiando le anomalie riscontrate nell'utero, applicare il laser in alcuni punti della proliferazione cellulare;
  • le forme di influenza ormonali e chirurgiche sono combinate;
  • se c'è una recidiva della malattia, rimuovi l'organo, poi di nuovo conduci un ciclo di ormoni.

alternativa

Oltre a raschiare la cavità uterina, vengono utilizzati altri tipi di terapia. Il più importante di questi è la correzione conservativa con l'aiuto dei farmaci. Questo, soprattutto, i farmaci ormonali, il cui effetto è mirato a ripristinare l'equilibrio estrogeno-progesterone nel corpo. I principali farmaci usati in questo caso sono:

  1. "Microlut" e "Provera" (gestagens e progestins).
  2. "Mersilon", "Jess", "Divina" (estrogeno-progestazionale).
  3. "Fareston", "Novofen" (preparati anti-estrogeni).
  4. "Danol", "Nemestran" (inibitori delle gonadotropine).
  5. Decapeptil, Buserelin (generico gonadorelins).

I preparati elencati possono essere nominati come un tipo indipendente di trattamento o come terapia di sostegno e di riparazione dopo la raschiatura. In quest'ultima variante, è possibile ottenere il massimo effetto dal trattamento. Oltre a questi farmaci, possono essere prescritti immunomodulatori, antiossidanti e altri farmaci diretti a mantenere il corpo. Ma ancora, il trattamento dell'iperplasia endometriale con raschiamento, secondo le recensioni, è più efficace.

È una misura necessaria nella diagnosi e nel trattamento di molte malattie ginecologiche, incluse le condizioni patologiche dell'endometrio. La procedura è relativamente semplice, ma richiede un'esecuzione di alta qualità, un'elevata qualifica dello specialista che la conduce, un'attenta preparazione e un atteggiamento attento nei confronti del proprio corpo durante il periodo di riabilitazione. Tutto ciò contribuirà ad evitare problemi in futuro e contribuirà a una dinamica positiva nel trattamento.

Recensioni

L'opinione dei pazienti su questa procedura è piuttosto ambigua. Molti osservano che con l'iperplasia dell'endometrio si verifica una ricaduta qualche tempo dopo la raschiatura. In una tale situazione, è necessario capire l'importanza della terapia di follow-up dopo l'intervento chirurgico, in quanto di per sé curettage uterino con iperplasia endometriale, secondo il parere, non cura, ma rimuove solo i sintomi.

Le tue domande

Domanda: è possibile curare l'iperplasia endometriale senza raschiare?

È possibile curare l'iperplasia dell'endometrio senza graffiare la cavità uterina?

Raschiare con iperplasia endometriale è una manipolazione diagnostica, non terapeutica. L'unica situazione in cui il raschiamento viene utilizzato come metodo di trattamento è il sanguinamento grave nell'iperplasia dell'endometrio, che deve essere interrotto. Se una donna sviluppa un sanguinamento grave sullo sfondo dell'iperplasia endometriale, allora il curettage non può essere evitato, perché altri metodi non possono fermare la perdita di sangue. In tutti gli altri casi, lo scraping è una procedura diagnostica.

Iperplasia dell'endometrio: trattamento con farmaci e rimedi popolari

Una delle più comuni e, ahimè, tutt'altro che innocue e talvolta - estremamente pericolose malattie ginecologiche, è l'iperplasia endometriale, il cui trattamento non può essere posticipato.

Anche i primi sintomi, apparentemente insignificanti e indolori, dovrebbero essere un'occasione per una visita immediata a un ginecologo.

Cause e sintomi della malattia

Ogni donna che veglia sulla sua salute dovrebbe, senza fallo, avere almeno concetti di base su questa malattia, le sue cause, i sintomi e le possibili conseguenze.

Patogenesi e classificazione dell'iperplasia endometriale

L'iperplasia è una crescita eccessiva della mucosa interna dell'utero. Con il normale funzionamento del sistema riproduttivo femminile, l'endometrio subisce una serie di cambiamenti durante il ciclo mensile.

Alla prima fase, sotto l'azione degli ormoni del gruppo estrogeno, aumenta di dimensioni, cresce, aspetta l'uovo per la fecondazione.

Il secondo, nel caso in cui il concepimento non si verifichi, sotto l'azione del progesterone arriva alla normalità, i tessuti residui in eccesso vengono escreti con secrezioni mestruali. Nel percorso patologico, la crescita dell'endometrio non si ferma, il che porta a iperplasia severa.

L'attuale classificazione delle malattie divide l'iperplasia in diverse varietà:

  1. ghiandolare - quando i tessuti ghiandolari sono influenzati dalla crescita patologica.
  2. Glandulocystica - insieme con la crescita dello sviluppo del tessuto ghiandolare delle cisti è notato.
  3. atipico - in cui avviene la crescita delle cellule, nel loro aspetto e proprietà sostanzialmente diverse dai tessuti circostanti. Una varietà simile è anche chiamata adenomatosi, ed è estremamente pericolosa per la possibile degenerazione cellulare in neoplasie maligne.
  4. Forma poliforme È il tipo più comune di iperplasia endometriale, il cui trattamento richiede più spesso un intervento chirurgico. È caratterizzato da escrescenze focali di polipi fibrosi, ghiandolari o fibrosi-ghiandolari.

Ma un fibroma di grandi dimensioni senza chirurgia non può curare, tutti i dettagli qui.

Cause dell'iperplasia endometriale

L'iperplasia, in linea di principio, non ha restrizioni di età particolari, ma il più delle volte si verifica durante i periodi della vita di una donna, accompagnata da una profonda ristrutturazione ormonale - raggiungendo la pubertà e prima della menopausa.

Le cause dello sviluppo della malattia possono essere diverse:

  • Squilibrio ormonale - la predominanza di estrogeni sullo sfondo di insufficienza di prostegeron.
  • Malattie o disfunzione degli organi di secrezione interna - surrenale, tiroide, pituitaria. Può svilupparsi con patologia delle ghiandole mammarie, diabete, ipertensione e obesità.
  • Lesioni infettive di organi genitali.
  • Le conseguenze degli interventi ginecologici chirurgici sono l'aborto, il travaglio grave, il curettage.
  • Malattie ginecologiche cistiche, mioma uterino.
  • La predisposizione ereditaria non è esclusa.

Sintomi dell'iperplasia dell'endometrio

Il pericolo di questa malattia è che può essere praticamente asintomatico. Una donna non soffre di dolore o disagio, solo in alcuni casi non comuni si verificano sanguinamenti uterini durante il periodo compreso tra le mestruazioni normali.

Succede e viceversa - c'è un ritardo immotivato del ciclo mensile. Tutto questo è il motivo per il rapido passaggio dell'esame necessario.

Molto spesso, l'iperplasia viene rilevata quando le donne si rivolgono alle donne sull'incapacità di rimanere incinte con una regolare vita sessuale senza protezione. Questo non è sorprendente - uno squilibrio ormonale rende l'ovulazione improbabile, e anche se la fecondazione di successo - embrione non può essere punto d'appoggio in modo affidabile nella parete interessata dell'utero.

Diagnosi e trattamento dell'iperplasia endometriale

Come già accennato, iperplasia endometriale avanzata - un percorso diretto verso l'infertilità e lo sviluppo di malattie più gravi.

Per il rilevamento tempestivo dell'inizio dei cambiamenti patologici nell'utero, sono necessari regolari esami ginecologici preventivi. Se lo sviluppo del processo è ancora risolto, viene eseguito un accurato esame diagnostico.

Diagnosi della malattia

L'esecuzione di azioni diagnostiche deve essere complessa, per affermazione esatta della diagnosi, definizione di una patogenesi di malattia e il suo quadro istologico - lo sviluppo di una tecnica individuale di trattamento dipende da esso.

Per scopi diagnostici, vengono eseguiti:

  1. Esame ginecologico generale che tiene conto dell'anamnesi e presenta i reclami del paziente.
  2. Esame ecografico, che ci consente di rilevare un ispessimento significativo delle pareti dell'endometrio o la presenza di lesioni poliche. L'affidabilità di questa ricerca, nella maggior parte dei casi, non è sufficiente, ma stabilisce solo la direzione per un'ulteriore diagnosi approfondita.
  3. Per rivelare il quadro clinico della patologia, viene eseguito l'esame istologico dei tessuti prelevati a seguito di biopsia dalla superficie interna dell'utero.
  4. Ehogisterosalpingografiya - questa procedura, che porta, di regola, per la rilevazione di pervietà delle tube, dà un bel quadro chiaro di anomalie endometriali, in particolare sotto forma di iperplasia poliposa.
  5. modulo diagnostico ottimale, soprattutto a causa della che determina come trattare una particolare forma della malattia è isteroscopia, consentendo di valutare visivamente lo stato del muro dell'utero, e di prendere una biopsia della porzione particolare iperplasia interessata.
  6. Un elemento molto importante della diagnosi sono i test ormonali che rivelano l'equilibrio del livello di estrogeni e progesterone. Spesso è necessario uno studio supplementare sulla secrezione delle ghiandole surrenali e della tiroide.

Trattamento della malattia

La scelta delle tattiche per il trattamento dell'iperplasia endometriale dipende dall'età del paziente, dal grado di sviluppo della malattia, dalla sua eventuale ricorrenza e dal modello istologico.

Con forme estese, molteplici formazioni poliposiche, con indicazioni urgenti associate alla minaccia della vita di una donna a causa di forti emorragie o oncologia, degenerazione l'unico modo è un intervento chirurgico.

Tuttavia, nelle fasi iniziali, quando il ripristino dell'equilibrio ormonale nel corpo può portare alla normalizzazione dei processi naturali, soprattutto quando viene rilevato l'anomalia per la prima volta negli bambine appena entrata età riproduttiva, molti medici sono sostenitori del trattamento di iperplasia endometriale senza raschiare, un metodo conservativo.

Trattamento medico dell'iperplasia endometriale

Il trattamento dell'iperplasia endometriale può essere suddiviso in quattro fasi di diversa durata.

Il primo stadio

Nella prima fase, il compito principale è fermare il sanguinamento. Il più spesso, i contraccettivi ormonali combinati orali con il contenuto di gestagens ed estrogeni sono usati per questo. Questi farmaci includono "Zhanin", "Yarina", "Marvelon", "Logest". Il regime emostatico di ammissione è sostenuto - la dose di shock in 5 compresse in 1 giorno, quindi diminuisce ogni giorno per una compressa. Il farmaco è preso una compressa per 21 giorni, a partire dalla prima ricezione.

In caso di sanguinamento grave, i medici possono prescrivere un'introduzione Gluconato di calcio, acido aminocaproico, Vikasola. Per prevenire l'anemia, i sostituti del sangue, i normalizzatori dell'equilibrio del sale dell'acqua sono talvolta usati, le iniezioni intramuscolari di complessi vitaminici, le cocarbossilasi sono effettuate.

Il secondo stadio

Il secondo stadio del trattamento è la soppressione della tendenza dell'endometrio alla crescita anormale. Di solito, per questi scopi, vengono utilizzati i preparati ormonali su base gestagenica, che dovrebbero essere utilizzati secondo uno schema appositamente sviluppato. Alcuni esempi tipici:

  • Preparativi del gruppo Norluten, Primolut-nor o Norkolut con iperplasia endometriale 5 mg al giorno dal giorno 16 al giorno 25.
  • reception duphaston con iperplasia, l'endometrio non differisce significativamente da quanto sopra, i medici notano solo il suo effetto più delicato, meno parsimonioso.
  • Per via endovenosa, allo stesso tempo, si può somministrare un proster, 10 mg ciascuno.

Iniezioni intramuscolari Depo-Provera sono messi nei giorni 14 e 21, a 200 mg.

Allo stesso stadio del trattamento, le funzioni endocrine e metaboliche dell'organismo vengono corrette e l'attività del sistema nervoso autonomo e centrale viene normalizzata. Per questi scopi, vengono utilizzati i cosiddetti agonisti del GnRH (ormone rilasciante gonadotropina) - Goserelin o Buserelin. Il corso di somministrazione congiunta di gestagens e agonisti del GnRH può durare da 3 mesi a 6 mesi.

Il terzo stadio

Il terzo stadio è il ripristino del normale ciclo mestruale, l'ovulazione per le donne nel periodo fertile, la normalizzazione finale dell'equilibrio ormonale.

Farmaci tipici presi durante questo periodo - Clomiphene in combinazione con gonadotropina - Prophase o Horrigoninom. Il corso in questo caso sarà fino a mesi. Inoltre, almeno il mezzo anno sarà il trattamento fenobarbital.

Nelle donne che stanno vivendo la menopausa, con iperplasia endometriale, Metametil diventerà uno strumento preventivo affidabile per prevenire il ripetersi della malattia.

Quarta tappa

La quarta fase obbligatoria del trattamento è la più lunga. Consiste, principalmente, nel monitoraggio sistematico della condizione di una donna dopo una terapia complessa, compresi gli esami obbligatori almeno una volta ogni sei mesi. La durata di questa fase non è inferiore a 5 anni.

E puoi scoprire tutto sui fibromi uterini come riferimento.

E vale sempre la pena tenere a mente i sintomi della cisti che troverai nell'articolo in modo che ai primi sospetti si distrugga rapidamente la malattia.

Trattamento dell'iperplasia endometriale con rimedi popolari

La medicina tradizionale non si fa da parte e offre una serie di prescrizioni che impediscono lo sviluppo dell'iperplasia e aiutano nel suo trattamento.

Va notato immediatamente che molti medici non sono sostenitori di tali metodi di recupero o li trattano con un granello di scetticismo. In ogni caso, il tasso dovrebbe essere fatto per il trattamento farmacologico, forse, migliorando la sua efficacia in modi popolari.

  • Tintura spiritosa di erba di una regina di maiale. Dopo due settimane di insistere con una tintura di 40 gradi, viene preso tre volte al giorno da un cucchiaino da tè per tre mesi.
  • C'è un corso popolare di trattamento multiplo di iperplasia della durata di 4 mesi.
    • Durante il primo drink quotidiano 70 - 100 ml di succo di carota o di barbabietola, oltre a questo - due volte al giorno - un cucchiaio di olio di lino. Due volte al mese decotto siringa di celidonia (3 litri di acqua bollente - 30 grammi di materie prime). Allo stesso tempo, tintura di cahors, aloe e succo di miele (700 x 400 x 400 g), infuso fino a quando è pronto per due settimane.
    • Il secondo mese è aggiunto Tintura di montagna utero. Con l'inizio del terzo mese, lo siringa si ferma. Il quarto mese inizia con una pausa di una settimana, e poi prendono l'olio di semi di lino e l'utero bovino.

Puoi trovare molte altre ricette della medicina popolare - e con ciglia di cetriolo, piantaggine e ortiche. Tuttavia, tutte le raccomandazioni della medicina tradizionale dovrebbero essere discusse con un medico specialista.

Ci sono aderenti al trattamento con l'omeopatia ei medici della direzione appropriata offrono ai pazienti un corso di salute prescritto contro l'iperplasia dell'endometrio basato su Acidum Nitrikum, Genicochelia, Mastometrin, Kalium Carbonicum. Il programma di trattamento viene selezionato tenendo conto delle caratteristiche individuali delle donne e richiede una rigorosa attuazione. La pratica omeopatica ha molti risultati positivi nel contrastare questa malattia.

trattamento dell'iperplasia endometriale senza raschiamento

Articoli popolari sul tema: trattamento dell'iperplasia endometriale senza raschiamento

I processi iperplastici dell'endometrio sono una patologia benigna della mucosa uterina, che si sviluppa sullo sfondo di iperestrogenia assoluta o relativa.

Diagnosi di gravidanza Vigilanza oncologica.

Le violazioni del ciclo ovarico-mestruale occupano uno dei luoghi principali nella struttura dell'incidenza ginecologica degli adolescenti.

La menorragia è una grave patologia somatica che complica il decorso del ciclo mestruale e spesso porta allo sviluppo di disturbi mentali.

Il matrimonio infertile è l'assenza di gravidanza entro 1 anno da parte dei coniugi in età fertile, a condizione di una vita sessuale regolare senza l'uso di alcun mezzo contraccettivo.

Il sanguinamento uterino è potenzialmente dannoso per la salute di una donna. Conducono allo sviluppo dell'anemia, soffre di benessere, aspetto, umore. Significativamente peggiorando la qualità della vita. Leggere quando sanguinamento dovrebbe contattare immediatamente un ginecologo

Nonostante l'esistenza di un chiaro concetto di background e processi precancerosi, oltre a un controllo del test sufficientemente affidabile, il cancro cervicale rimane uno degli attuali problemi di oncoginecologia.

Trattamento dell'iperplasia endometriale

Il trattamento dell'iperplasia endometriale è un complesso di misure volte ad eliminare i processi patologici. Consideriamo i metodi di base per il trattamento dell'iperplasia endometriale e la loro efficacia in relazione a certe forme della malattia.

L'iperplasia dell'endometrio è una malattia che è un cambiamento patologico che colpisce gli elementi ghiandolari e stromali dell'endometrio. Esistono diverse forme di iperplasia endometriale, che differiscono nei loro sintomi, nella natura del decorso e nei metodi di trattamento.

Il trattamento può essere conservativo, prescrivere terapia medica, bagni medici, farmaci, soluzioni per la somministrazione endovenosa, tamponi, metodi di medicina tradizionale. Ma il trattamento può essere radicale, cioè la rimozione completa della cavità uterina. Il tipo di trattamento dipende dalla forma della malattia. Quindi, la forma più pericolosa di iperplasia endometriale è iperplasia atipica. Questo tipo di malattia è una condizione precancerosa, che in qualsiasi momento può trasformarsi in una forma maligna che richiede terapie radicali.

Metodi di trattamento dell'iperplasia endometriale

I metodi di iperplasia endometriale dipendono completamente dal tipo di malattia. Ad oggi, i moderni metodi medici possono curare l'iperplasia senza rimozione radicale della cavità uterina. Se l'iperplasia non ha causato un cambiamento importante nell'utero, allora il farmaco viene utilizzato per il trattamento. Se le ghiandole hanno formato cisti o polipi, allora oltre al trattamento farmacologico viene utilizzato l'intervento chirurgico. Quando si sceglie la terapia terapeutica, il medico prende in considerazione la salute, l'età e la gravità della malattia del paziente. Diamo un'occhiata ai metodi di base per il trattamento dell'iperplasia endometriale.

Terapia farmacologica

Diversi gruppi di farmaci sono usati per il trattamento dell'iperplasia endometriale. Il medico seleziona il dosaggio necessario e il farmaco appropriato. Questo aiuta a prevenire gli effetti collaterali che si manifestano come aumento di peso, eccessiva perdita di capelli o acne sulla pelle.

  • Contraccettivi orali combinati

I farmaci contribuiscono al ripristino dell'equilibrio ormonale nel corpo femminile. I più popolari sono: Zhanin, Yarina, Regulon. Come regola generale, i contraccettivi orali sono prescritti per le ragazze giovani, donne nullipare con iperplasia ghiandolare-cistica o ghiandolare dell'endometrio. L'uso del farmaco è spiegato dal fatto che raschiare e altri metodi chirurgici non sono desiderabili.

I preparativi richiedono almeno sei mesi. Un ginecologo individua individualmente un regime contraccettivo per l'assunzione del farmaco. Questo ti permette di rendere il ciclo mestruale regolare, e quelli mensili sono meno dolorosi e abbondanti. Mentre una donna prende i contraccettivi, il suo corpo inizia a produrre progesterone per conto suo.

  • Analoghi sintetici del progesterone

Poiché l'iperplasia endometriale si verifica a causa di una carenza di progesterone, l'uso di farmaci progesterone può curare la malattia. L'ormone sessuale artificiale agisce in modo simile a quello prodotto dall'organismo. L'uso di analoghi sintetici del progesterone ripristina il ciclo mestruale e l'uso di gestageni è efficace nel trattamento dell'iperplasia endometriale nelle donne di tutte le età.

L'unico inconveniente del farmaco è che potrebbero esserci avvistamenti nel periodo tra un mese e l'altro. La durata del trattamento va dai tre ai sei mesi. I farmaci più efficaci: Norkolut e Duphaston.

  • Antagonisti dell'ormone che rilascia la gonadotropina (AGNRG)

Farmaci moderni che riducono la produzione di estrogeni (ormoni sessuali femminili), che contribuiscono alla crescita dell'endometrio. I farmaci rallentano la crescita e la divisione delle cellule, a causa della quale lo spessore della mucosa diminuisce. Questo tipo di processo è chiamato atrofia dell'endometrio. Ma le medicine permettono di evitare l'infertilità e la rimozione dell'utero.

I farmaci sono facili da usare e facili da dosare. In genere, i pazienti vengono iniettati uno alla volta una volta al mese e prescrivono uno spray per il naso. Nelle prime settimane del farmaco, una donna sperimenta un peggioramento della condizione, ma se ne va, mentre il livello di estrogeni aumenta. La donna ha un ciclo regolare, quelli mensili diventano indolori. La durata del trattamento con antagonisti dell'ormone di rilascio della gonadotropina (AGNRG) varia da uno a quattro mesi.

Trattamento con metodi chirurgici

I metodi chirurgici di trattamento comportano l'intervento chirurgico. Questo tipo di trattamento può essere radicale, ovvero rimozione dell'utero o più conservativo - raschiamento, moxibustione, criodistruzione e altri. Il vantaggio di questo trattamento è che minimizza la possibilità di recidiva dell'iperplasia endometriale in futuro.

  • Raschiatura (pulizia) dell'utero

Il principale metodo diagnostico e terapeutico per l'iperplasia dell'endometrio. La procedura stessa viene eseguita in anestesia endovenosa e non richiede più di 20-30 minuti. Il ginecologo rimuove lo strato funzionale superficiale dell'endometrio. In altre parole, 20 minuti di lavoro del medico sono analoghi al lavoro del corpo per 3-7 giorni del ciclo mestruale. Mancanza di tale trattamento - l'iperplasia dell'endometrio può ripresentarsi.

Questo metodo è un congelamento delle parti interessate della mucosa con l'uso di basse temperature. Il freddo provoca la necrosi dello strato interessato dell'endometrio. La porzione trattata dell'endometrio viene rifiutata e si presenta come un sanguinamento con coaguli.

  • Ablazione laser o moxibustione

La moxibustione è simile in linea di principio al metodo sopra descritto. Solo in questo caso il ginecologo lavora con strumenti riscaldati a temperature elevate. Le aree interessate dell'endometrio vengono distrutte e lasciano in modo indipendente la cavità uterina. Dopo la procedura, la mucosa uterina viene ripristinata dopo l'ultima mestruazione.

  • Rimozione di utero o isterectomia

Questo tipo di trattamento viene utilizzato in forme atipiche e complesse di iperplasia endometriale. L'isterectomia è più comunemente usata per trattare l'iperplasia in donne che sono nel periodo della menopausa o quando c'è un alto rischio di sviluppare il cancro. Prima della rimozione, vengono esaminati l'utero e le ovaie. Se le ovaie sono senza cambiamenti patologici, allora non vengono rimosse. La rimozione completa dell'utero, delle ovaie e delle tube di Falloppio avviene con adenomatosi e con l'individuazione di cellule tumorali.

Dopo tale trattamento, a una donna viene prescritto un ciclo di farmaci ormonali. Questo aiuta a migliorare la condizione generale e prevenire la recidiva dell'iperplasia endometriale in futuro.

Trattamento dell'iperplasia ghiandolare dell'endometrio

Il trattamento dell'iperplasia ghiandolare dell'endometrio inizia con una diagnosi completa della malattia e la selezione di una tecnica di trattamento individuale. Vale la pena sapere che l'iperplasia ghiandolare è una crescita eccessiva del tessuto ghiandolare dell'endometrio, che porta al suo aumento sia in termini di dimensioni che di volume. La malattia si manifesta sotto forma di abbondanti periodi mestruali, infertilità, anemia. Per determinare la patologia, una donna subisce ecografia, biopsia endometriale e una serie di studi ormonali.

Il trattamento dell'iperplasia ghiandolare dell'endometrio consiste nel raschiare la cavità uterina per rimuovere lo strato superiore dell'endometrio. Oltre al curettage, una donna viene trattata con farmaci ormonali e, se necessario, ablazione dell'endometrio o della resezione.

  • Il primo stadio del trattamento è un curettage diagnostico della cavità uterina. Secondo i risultati dell'istologia, il medico fa uno schema di terapia ormonale che mira a eliminare lo squilibrio ormonale e inibire la proliferazione dell'endometrio. Quando l'iperplasia ghiandolare dell'endometrio, di regola, prescrive farmaci come: Yarina, Zhanin, Utrozestan, Dyufaston. Durata dell'uso di farmaci da tre a sei mesi. L'efficacia terapeutica è diversa e il sistema intrauterino contenente la gestante Mirena, che ha un effetto terapeutico locale sullo strato dell'endometrio. Per le donne di età superiore a 35 anni e durante il periodo postmenopausale, aHNRH (agonisti dell'ormone rilasciante gonadotropina) viene utilizzato a scopo terapeutico. I farmaci contribuiscono all'emergere di amenorrea reversibile e climax artificiale.
  • Oltre al trattamento ormonale, una donna è tenuta ad assumere la terapia vitaminica, la fisioterapia, la correzione dell'anemia. Sei mesi dopo il trattamento, viene eseguita un'ecografia di controllo. E alla fine del corso di trattamento - una biopsia ripetuta dell'endometrio. Per stimolare il ciclo ovulatorio, utilizzare Klimofen e altri stimolanti.
  • Se l'iperplasia ghiandolare dell'endometrio si ripresenta anche dopo la terapia ormonale, per il trattamento vengono utilizzati metodi di ablazione o resezione mediante tecniche elettrochirurgiche e laser. Questo è particolarmente vero per le donne che sono interessate alla procreazione.
  • Per il trattamento dell'iperplasia ghiandolare dell'endometrio, che è complicata dal mioma uterino, dall'endometriosi o durante la menopausa, un'isterectomia o una pantistectomia

Per quanto riguarda la prevenzione dell'iperplasia ghiandolare dell'endometrio, ha lo scopo di prevenire il cancro dell'utero e il cancro dell'endometrio. Per questo, una donna dovrebbe regolarmente sottoporsi a esami presso un ginecologo, raccogliere contraccettivi e sottoporsi a formazione professionale per il concepimento e la gravidanza. Il compito principale di una donna è di cercare aiuto medico e consigli in tempo, e anche di rispettare tutte le istruzioni del medico. Poiché la prognosi del trattamento dell'iperplasia ghiandolare dell'endometrio dipende da questo.

Trattamento dell'iperplasia cistica ghiandolare endometriale

Il trattamento dell'iperplasia endometriale cistica ghiandolare è più spesso eseguito nelle donne in età riproduttiva, poiché sono quelle più colpite da questa malattia. Il primo stadio del trattamento è un curettage preliminare diagnostico della mucosa della cavità uterina, cioè l'endometrio. I tessuti vengono inviati per analisi istologiche, in base ai risultati dei quali, il ginecologo compone il regime di trattamento. Il trattamento è volto a preservare le funzioni mestruali e correggere l'ovulazione.

Per il trattamento dell'iperplasia ghiandolare-cistica dell'endometrio vengono utilizzati diversi regimi di trattamento standard efficaci, consideriamoli:

  • Il trattamento inizia con il primo giorno delle mestruazioni (presumibile). Una donna deve assumere etinil-estradiolo due volte al giorno per 20 giorni. Due settimane dopo le mestruazioni, prescrivere un farmaco chiamato Regnim, che viene assunto entro 10 giorni. La durata di tale trattamento richiede da quattro a sei mesi.
  • Dal primo giorno delle mestruazioni, la donna prende il Microfollin, per due settimane, in concomitanza con il farmaco Regnim. La durata del trattamento va dai quattro ai sei mesi.

Questo schema di trattamento dell'iperplasia ghiandolare-cistica dell'endometrio è progettato per le donne nel periodo pre-menopausale. Entro sei mesi, è necessario assumere estrogeni-gestanti. Ciò normalizzerà lo sfondo ormonale e preverrà lo sviluppo patologico della malattia.

L'iperplasia cistica ghiandolare dell'endometrio è soggetta a trattamento obbligatorio, indipendentemente dal grado di manifestazione della patologia e dall'età del paziente. Il trattamento è scelto individualmente per ogni donna. E dipende dall'età del paziente, dalla complessità della malattia, dalle caratteristiche individuali dell'organismo. La durata del trattamento va da tre mesi a sei mesi. L'efficacia del trattamento è controllata mediante biopsia ripetuta. Se, dopo il trattamento, la malattia ha assunto una forma grave o si ripresenta, questa è un'indicazione per un intervento chirurgico, che in casi particolarmente difficili comporta la rimozione della cavità uterina.

Trattamento dell'iperplasia endometriale semplice

Il trattamento dell'iperplasia endometriale semplice comporta la prevenzione del cancro dell'utero e dell'endometrio. La tattica del trattamento dipende dalle manifestazioni cliniche della malattia, dalla variante istologica dell'iperplasia, dallo stato della salute della donna e da altre caratteristiche del suo corpo. Il trattamento inizia con una fermata di sanguinamento, terapia anti-infiammatoria e regolazione del ciclo mestruale. Durante il periodo di trattamento, una donna può essere ricoverata in ospedale, sia in programma che in urgenza.

La semplice iperplasia endometriale è un polipo che compare sulla membrana mucosa dell'utero e richiede la rimozione. I polipi si ripetono spesso, quindi questo metodo di trattamento come raschiatura non aiuta a curare completamente l'iperplasia. Questo perché il polipo ha uno stelo fibroso. Il metodo più efficace di trattamento è l'isteroscopia, cioè la rimozione chirurgica insieme allo strato basale. Dopo tale trattamento, una donna riceve un'isteroscopia di controllo per confermare l'efficacia del trattamento. Nei casi complicati di iperplasia endometriale semplice, al paziente viene prescritta la resettoscopia.

Oltre all'intervento chirurgico, il trattamento ormonale è obbligatorio, per ripristinare il normale funzionamento del corpo femminile e normalizzare il ciclo. Per questi scopi usare contraccettivi combinati orali (Novinet, Regulon). In alcuni casi, una donna viene posta con una spirale contenente ormoni, che è un'alternativa alle compresse. Ma l'unico inconveniente della spirale è una diminuzione del flusso mestruale e persino dell'amenorrea. In ogni caso, la donna è sotto la supervisione del dispensario da un anno a due. Ciò consente al ginecologo di monitorare le condizioni del paziente e prescrivere o regolare tempestivamente il trattamento.

Trattamento dell'iperplasia ghiandolare semplice dell'endometrio

Il trattamento dell'iperplasia ghiandolare semplice dell'endometrio consiste in diverse fasi. Al primo stadio, una donna riceve assistenza medica per fermare il sanguinamento e raschiare le pareti dell'utero a scopo terapeutico e diagnostico. Il compito principale della prima fase del trattamento è smettere di sanguinare eliminando la sua fonte. Il tessuto endometriale ottenuto come risultato del raschiamento viene inviato per l'analisi istologica. L'analisi conferma la presenza di semplice iperplasia ghiandolare dell'endometrio. Se non ci sono cellule tumorali nell'analisi, allora il trattamento è conservativo, di norma, senza manipolazione chirurgica.

Il prossimo passo nel trattamento della semplice iperplasia ghiandolare dell'endometrio è il recupero del corpo e il normale ciclo mestruale. Per fare questo, eliminare le cause che impediscono l'ovulazione: insufficienza ormonale, ostacoli anatomici al rilascio dell'ovocita, l'uso di farmaci contenenti estrogeni senza progesterone e altri. Per questi scopi, utilizzare la terapia ormonale, che reintegra la carenza di ormoni. Se dopo il trattamento ormonale non si verifica la mestruazione pianificata, indica che i processi iperplastici non vengono interrotti, cioè la malattia sta progredendo.

La fase finale del trattamento della semplice iperplasia ghiandolare dell'endometrio è l'eliminazione di condizioni e malattie che contribuiscono all'anovulazione. Ciò può essere dovuto a un'eccessiva sovraeccitazione psicologica, a una sindrome metabolica, a reumatismi oa ovaie policistiche. L'eliminazione di tutti i fattori negativi è una garanzia che la malattia non si ripresenterà in futuro.

Trattamento dell'iperplasia focale endometriale

Il trattamento dell'iperplasia focale endometriale è un processo lungo che comporta l'uso di progestinici. A una donna viene dato un raschiamento diagnostico per esaminare il tessuto endometriale per l'istologia. Per il trattamento, prescrivere la preparazione 17-OPK (soluzione 17-oksiprogesteronkapronata) e farmaco Dufaston. La durata dell'uso dei farmaci richiede fino a nove mesi.

Un passaggio obbligatorio nel trattamento dell'iperplasia focale dell'endometrio è l'isteroscopia. Questo ci permette di esaminare in dettaglio il sito patologico della mucosa e scegliere ulteriori tattiche di trattamento. Le misure mediche non dovrebbero essere limitate solo all'assunzione di farmaci ormonali. Se il paziente ha disturbi metabolici, ad esempio in sovrappeso, il medico prescrive una dieta. In questo caso, è la riduzione del peso che determinerà e contribuirà all'efficacia della terapia principale.

Trattamento dell'iperplasia endometriale atipica

Il trattamento dell'iperplasia atipica dell'endometrio è più spesso eseguito nelle donne nel periodo di pre e postmenopausa. Iperplasia atipica dell'endometrio è una condizione patologica precancerosa, che è un'indicazione per la rimozione della cavità uterina. La chirurgia radicale, cioè l'estirpazione dell'utero, è un metodo di trattamento efficace in questo caso, che previene le recidive della malattia. Ma la questione della rimozione dell'utero viene dopo il trattamento ormonale. Di regola, oltre all'utero, viene rimossa una donna e le ovaie. La rimozione delle ovaie dipende dalla loro condizione e dalla gravità della patologia extragenitale.

Ad oggi, l'iperplasia atipica dell'endometrio può verificarsi anche nelle giovani donne che non hanno ancora partorito. In questo caso, i medici conducono un trattamento salva-organi. Per questi scopi vengono utilizzati farmaci ormonali sintetici ad alte prestazioni che trattano non solo iperplasia con atipia, ma anche cancro endometriale nelle fasi iniziali.

I risultati della terapia ormonale dipendono dalla variante patogenetica della malattia e dalla natura del processo atipico. Il processo di trattamento deve essere accompagnato da un'osservazione dinamica. Ogni due mesi, una donna è guarita, cioè raschia diagnostica. Il criterio principale per il recupero è l'atrofia dell'endometrio. Dopo questo, il paziente viene sottoposto a un corso di trattamento riabilitativo, che ha lo scopo di ripristinare le funzioni dell'endometrio, cioè, svolgono un ciclo di terapia ormonale.

I risultati del trattamento vengono valutati ogni tre mesi. Per questo, viene eseguita un'osservazione separata di raschiamento diagnostico e dispensario. Con la ricaduta della malattia, il trattamento ormonale conservativo è sostituito dall'intervento chirurgico, cioè dall'estirpazione dell'utero.

Trattamento dell'iperplasia adenomatosa endometriale

Il trattamento dell'iperplasia adenomatosa dell'endometrio può avvenire in due modi. Il metodo di trattamento dipende dall'età del paziente, dalle caratteristiche individuali del suo corpo e dal decorso della malattia. Quindi, per le donne più anziane che sono nel periodo postmenopausale, eseguire un trattamento chirurgico radicale. Ma per le donne in età fertile è possibile una terapia conservativa.

Per condurre una terapia conservativa, vengono utilizzati aHnRH e numerosi altri farmaci contenenti ormoni. Il controllo dell'efficacia di tale trattamento è un curettage medico-diagnostico, che viene eseguito ogni due o tre mesi. Inoltre, ogni mese una donna deve essere sottoposta ad ultrasuoni per determinare lo spessore dell'endometrio. Ma anche dopo un prolungato trattamento conservativo, l'iperplasia endometriale adenomatosa può ripresentarsi. A causa dell'incapacità di controllare la malattia, una donna viene rimossa dall'utero con appendici.

Trattamento dell'iperplasia endometriale in premenopausa

Il trattamento dell'iperplasia endometriale nella premenopausa è un processo che è l'eliminazione di una malattia in un periodo di transizione per una donna. La premenopausa è una condizione che si verifica prima della menopausa, di regola, nelle donne tra i 45 ei 47 anni. A volte i sintomi della premenopausa sono osservati nelle donne di età compresa tra 30 e 35 anni, ciò è possibile a causa di disturbi ormonali. Questo periodo può durare da diversi mesi a diversi anni. La donna ha una funzione ovarica indebolita, ma la capacità di concepire un bambino persiste ancora. Il principale segno della menopausa è l'assenza di mestruazioni negli ultimi 12 mesi.

La premenopausa è accompagnata dalla comparsa di molte malattie causate da insufficienza ormonale. È in questo contesto che si sviluppa l'iperplasia endometriale. Il trattamento dell'iperplasia endometriale nella premenopausa inizia con la diagnosi delle condizioni di una donna. La diagnosi consente di escludere e, se necessario, riconoscere altri processi patologici.

  • Una donna deve sottoporsi ad esame ecografico degli organi pelvici per la visualizzazione dell'utero e delle appendici. Questo determinerà la patologia in una fase iniziale di sviluppo.
  • L'analisi su un profilo ormonale è obbligatoria. L'analisi è necessaria per determinare il livello di ormoni in diversi periodi del ciclo. I dati ottenuti aiutano nello sviluppo della terapia ormonale sostitutiva.
  • Il curettage diagnostico consente di determinare la forma dell'iperplasia e di riconoscere le cellule tumorali. Il tessuto endometriale ottenuto come risultato del raschiamento viene inviato per citologia.

Sulla base dei risultati dei test e della diagnosi, costituiscono un piano di trattamento. Di norma, viene utilizzata la terapia ormonale che aiuta a correggere l'aspetto della menopausa e previene ulteriori patologie dell'endometrio e la comparsa di tumori degli organi genitali. Oltre al trattamento ormonale, viene fornita la terapia vitaminica. Tale trattamento stimola le funzioni delle ovaie, con l'aiuto delle vitamine A, E, calcio. Al paziente possono essere prescritti sedativi e antidepressivi, che contribuiranno a far fronte ai problemi di sonno e di umore instabile. Nei casi particolarmente gravi della malattia e con iperplasia endometriale ricorrente, la donna viene rimossa dall'utero e dal successivo trattamento ormonale.

Trattamento dell'iperplasia endometriale in menopausa

Il trattamento dell'iperplasia endometriale in menopausa può essere eseguito in diversi modi. Il tipo di trattamento dipende dalla forma della malattia, dalle caratteristiche individuali dell'organismo della donna, dalla sua età e dalle malattie concomitanti. Diamo un'occhiata ai principali tipi di trattamento per l'iperplasia endometriale in menopausa.

La donna viene inviata per raschiare endometrio diagnostico e ultrasuoni. Sulla base dei risultati dei test, viene selezionato il dosaggio degli ormoni somministrati, che viene regolarmente aggiustato dopo studi periodici sull'endometrio. La terapia ormonale contribuisce all'esito positivo della malattia ed è un'eccellente prevenzione della prevenzione dei processi oncologici nella cavità uterina.

Il paziente viene raschiato dalla superficie della membrana mucosa della cavità uterina per rimuovere i focolai patologici e portare a termine la diagnosi. In alcuni casi, i tessuti endometriali sono cauterizzati da un laser per distruggere i fuochi della patologia. Per quanto riguarda l'isterectomia, cioè la rimozione dell'utero, questa procedura viene eseguita con recidive di iperplasia dell'endometrio.

Questo metodo di trattamento prevede la combinazione di trattamenti chirurgici e ormonali. La terapia ormonale riduce il volume dell'intervento chirurgico a causa di una diminuzione dell'endometrio troppo cresciuto. Ma più spesso, durante la menopausa, viene eseguita la rimozione chirurgica dell'utero seguita da terapia ormonale

Trattamento dell'iperplasia endometriale nelle donne in postmenopausa

Il trattamento dell'iperplasia endometriale nelle donne in postmenopausa inizia con il curettage diagnostico. La procedura viene eseguita sotto il pieno controllo dell'isteroscopia. Se una donna sviluppa una malattia per la prima volta, durante la postmenopausa, quindi dopo la procedura di raschiamento, il medico prescrive la terapia ormonale. Il paziente è farmaci selezionati che contengono gestageni con azione prolungata. La durata di tale trattamento dura da otto mesi a un anno.

Oltre al trattamento ormonale, con iperplasia endometriale in postmenopausa, a una donna vengono prescritti analoghi di GnRH (Buserelin, Diferelin, Goserelin). La durata dell'uso di questi farmaci è fino a un anno. Il trattamento con ormoni viene effettuato con regolari esami ecografici per diagnosticare il processo di guarigione. Se durante la postmenopausa, l'iperplasia endometriale si ripresenta, viene eseguito un trattamento chirurgico. Questo metodo prevede la rimozione della cavità uterina o l'estirpazione dell'utero, delle ovaie e delle tube di Falloppio.

Se dopo un curettage diagnostico in una donna ha riscontrato iperplasia atipica dell'endometrio, allora questa indicazione per il trattamento chirurgico. Questo è necessario per prevenire il ripetersi della malattia e per evitare la malignità della patologia. Il più delle volte, completa l'amputazione dell'utero. Se l'operazione non può essere eseguita a causa di gravi malattie o controindicazioni somatiche, la donna riceve una terapia ormonale ai dosaggi massimi consentiti.

Raschiando con iperplasia endometriale

Raschiare con iperplasia endometriale svolge due funzioni: diagnostica e terapeutica. Il raschiamento diagnostico separato viene eseguito assolutamente per tutte le donne con qualsiasi forma di iperplasia endometriale. La procedura viene eseguita in anestesia generale, sotto il controllo dell'isteroscopia. Se la raschiatura viene eseguita senza isteroscopia, viene utilizzata l'anestesia locale.

Raschiare con iperplasia endometriale viene eseguita alla vigilia delle mestruazioni previste. Durante la procedura, la donna viene rimossa tutta la mucosa dell'utero, cioè lo strato dell'endometrio, lavorando con cura sul fondo e sugli angoli in cui possono esserci polipi o adenomatosi. L'isteroscopia viene utilizzata per controllare la procedura di rimozione, ovvero la pulizia della mucosa. Senza l'isteroscopia, anche i medici esperti possono lasciare piccole aree dell'endometrio che portano alla ricorrenza della malattia di base.

Dopo la procedura di raschiamento, entro 3-10 giorni una donna può avere una secrezione sanguinolenta. Ma questo è considerato la norma, quindi non dovrebbe causare il panico. Oltre al sanguinamento, dopo la procedura di raschiatura, possono uscire particelle di tessuto resecato, ma questo è anche un normale fenomeno postoperatorio. Dopo la prima procedura di raschiatura, la seconda volta la raschiatura viene eseguita in 4-6 mesi, con uno scopo diagnostico. Ciò consente di valutare i risultati del trattamento e, se necessario, di prescrivere un numero di farmaci o di rimuovere l'utero.

Trattamento dell'iperplasia endometriale senza raschiamento

Il trattamento dell'iperplasia endometriale senza raschiamento è una terapia inefficace, che, di regola, non dà l'effetto terapeutico atteso. Cioè, l'assenza di curettage è un trattamento cieco. Poiché senza raschiare è impossibile valutare l'efficacia della terapia utilizzata. Una donna deve fare completamente affidamento sul proprio benessere.

Se dopo il corso della terapia ormonale, l'iperplasia endometriale si ripresenta, allora questo indica l'inefficacia del trattamento principale. Il ginecologo fa un nuovo piano di trattamento. Se l'iperplasia endometriale rimane non trattata, i focolai della malattia sono dati alla neoplasia, il cui unico trattamento è la completa rimozione dell'utero.

Tutto ciò suggerisce che il trattamento dell'iperplasia endometriale è molto più efficace se eseguiamo il curettage medico-diagnostico. La procedura viene eseguita in anestesia, quindi la donna non sente dolore. Ottenuto come risultato raschiando il tessuto, inviato ad un'analisi citologica. Grazie a questo, il medico fa un regime di trattamento che avrà un effetto per qualche forma di iperplasia endometriale.

Il trattamento dell'iperplasia endometriale è una terapia a lungo termine che ha lo scopo di trattare le patologie nella cavità uterina. Ad oggi, ci sono molti farmaci efficaci che vengono usati per il trattamento dell'iperplasia. I farmaci vengono selezionati individualmente per ciascun paziente, concentrandosi sulla sua età, sulla natura e sulla forma della malattia e su altre caratteristiche del corpo. Le droghe moderne possono curare anche forme atipiche e complesse della malattia. La diagnosi tempestiva e l'esame da parte di un ginecologo sono una garanzia di un trattamento efficace e di successo dell'iperplasia endometriale.

Ti Piace Di Erbe

Il Social Networking

Dermatologia