Una delle più grandi articolazioni del sistema muscolo-scheletrico del corpo è l'articolazione dell'anca (TBS), che si trova alla giunzione tra pelvi e femore. Fornisce al corpo un'andatura morbida.

LFK dopo la riabilitazione

Tuttavia, alcuni fattori negativi contribuiscono ai cambiamenti distrofici nella struttura del tessuto osseo in TBS in cui danneggiato cartilagine ialina crescere osteofiti (escrescenze), irregolarità della superficie ossea formate.

Le principali cause delle violazioni:
traumi;
in sovrappeso;
Processo infiammatorio infettivo;
artrite, artrosi (coxartrosi);
lesione dell'articolazione dell'anca necrotica;
tubercolosi dell'osso.

Il metodo più efficace e spesso gli unici, cambia il trattamento delle articolazioni dell'anca in fase grave della malattia, è una protesi d'anca - sostituzione dei componenti della protesi avente la forma di articolazioni sane, che permette di ripristinare completamente la funzione dell'arto inferiore, per garantire il bisogno del corpo per il movimento.

Fasi di riabilitazione dopo artroplastica dell'anca

I muscoli per ripristinare il tono e le funzioni, nel periodo postoperatorio, richiedono un allenamento.

La riabilitazione dovrebbe essere effettuata tenendo conto di tali principi:
iniziare a eseguire esercizi con la fisioterapia il secondo giorno dopo l'operazione;
svolgere attività che ripristinano le funzioni dell'articolazione dell'anca, adottare un approccio individuale;
aumentare costantemente il carico;
non fare pause;
sviluppare complessi di terapia fisica, coinvolgendo nel lavoro, tutti i gruppi muscolari.

Dopo la protesi, TBS assegna tali stadi di riabilitazione:
Presto postoperatorio:
1. Sparing (inizia da 2 giorni dopo l'intervento chirurgico, dura fino a una settimana).
2. Tonalità (durante la seconda settimana).
Tardo postoperatorio:
1. il periodo di recupero precoce (dalla terza settimana dopo l'operazione a due mesi);
2. Restauro tardivo (durante il terzo mese).
Remoto (adattivo) - da tre mesi a sei mesi dopo l'operazione.

Per la fase di recupero il medico - Riabilitazione sviluppa una terapia esercizio complesso per ogni singolo paziente operato, dato il suo stato generale, l'età, le malattie croniche, il periodo di adattamento allo stress fisico. La durata totale della riabilitazione è fino a un anno.

Iniziare la terapia fisica fin da ospedale chirurgico nel secondo giorno postoperatorio e eseguire fino a due o tre settimane, il soggiorno del paziente in ospedale, continuerà dopo la dimissione del paziente in un centro di riabilitazione, poi nel sanatorio - ambulatorio o clinica riduttivamente - trattamento di riabilitazione dopo tre o quattro mesi dopo l'intervento.

Se la riabilitazione non è disponibile, lo sviluppo di tali complicazioni è possibile:
dislocazione della testa endoprotesi con debolezza dell'apparato legamentoso;
frattura periprotesica (nell'area dei componenti dell'endoprotesi);
sviluppo di neurite.

Il periodo postoperatorio precoce inizia immediatamente dopo che il paziente si è risvegliato da un sonno anestetico e dura da tre a quattro settimane.
Gli obiettivi principali di questa fase sono:
Per prevenire lo sviluppo di complicanze.
Insegnare a un paziente di eseguire la ginnastica terapeutica mentre si sta mentendo.
Domina la tecnica del passaggio dal letto al letto.
Impara la tecnica del movimento con le stampelle sul pavimento e le scale.

La cura e l'assistenza al paziente dopo l'intervento chirurgico devono essere eseguite, assicurandogli:
la corretta posizione dell'arto operato;
riduzione di gonfiore e dolore;
trattamento e medicazione della superficie della ferita;
il principio razionale dell'alimentazione con la dieta;
prevenzione dei coaguli di sangue.

Dopo l'intervento chirurgico per sostituire TBS, il paziente deve rispettare le seguenti regole:
Il sonno dovrebbe essere il primo due o tre notti dopo l'intervento chirurgico solo sulla schiena;
Il dispiegamento su un lato sano è permesso alla fine della prima giornata postoperatoria con l'aiuto di un operatore sanitario e sullo stomaco solo dopo cinque-otto giorni.
Non fare movimenti improvvisi nel TBS.
Piegando la gamba dolorante, controlla l'angolo di flessione. Dovrebbe essere più diretto.
Non puoi incrociare le gambe, devi tenerle a una distanza l'una dall'altra. Questo può essere ottenuto posizionando un cuscino a forma di cuneo tra le gambe.
Effettuare regolarmente semplici movimenti, che aiutano a prevenire fenomeni stagnanti.

Per ridurre il dolore e il gonfiore:
Applicare farmaci per il dolore.
Il drenaggio della cavità articolare operata viene eseguito inserendo il tubo di drenaggio lì, che viene rimosso immediatamente dopo l'arresto del liquido.
Viene applicato un raffreddore all'area interessata (una bolla con ghiaccio).
Se si verificano complicanze di natura infettiva, vengono prescritti antibiotici.

Condimento e cura della superficie della ferita:
Il primo bendaggio viene eseguito il secondo giorno dopo l'intervento. La frequenza di tutti i successivi, determina il medico curante - chirurgo per la condizione di ferite e punti, ma non meno di due o tre giorni dopo.
Dopo dieci o quattordici giorni, le cuciture vengono rimosse.
Il materiale di rimozione della sutura degradabile non richiede.

Pasti nel periodo postoperatorio:
Il primo pasto (cracker) e acqua in piccole quantità sono consentiti solo dopo sei ore dalla data dell'intervento.
Il ricevimento a tutti gli efetti del cibo, con l'osservanza di una dieta, è possibile solo il secondo giorno.

Il paziente nei primi giorni del periodo postoperatorio è autorizzato a mangiare:
Brodo di carne a basso contenuto di grassi e leggermente salato, con carne tritata.
Purea di verdure, farina d'avena.
Kefir, ricotta a basso contenuto di grassi.
Tè non zuccherato, composta di frutta secca, kissel.
In futuro, il paziente dovrebbe mangiare senza restrizioni, ma secondo la dieta quando ci sono malattie concomitanti.

Al fine di prevenire la formazione di complicazioni trombotiche dopo l'operazione, nominare:
Imposizione di una benda elastica sugli arti inferiori.
Iniezioni di farmaci che impediscono la formazione di coaguli di sangue (eparina, Clexane, Fraksiparin).

Le modalità del carico sull'arto operato dipendono dal metodo di fissaggio della protesi.
Durante il fissaggio con cemento:
Dal secondo giorno dopo l'operazione, esercitano carichi insignificanti sull'arto. Il paziente si trova su una gamba sana e la persona operata tocca il pavimento.
Se il dolore e l'edema alla gamba con l'endoprotesi sono assenti, è permesso stare su di esso senza riposare.
I carichi completi vengono eseguiti con una successiva riabilitazione.
In posizione eretta, mantenendo l'equilibrio e appoggiandosi allo schienale della sedia, il paziente esegue tali esercizi:
Alza le gambe alternativamente, piegandole nel ginocchio;
Appoggiandosi sull'arto destro, la sinistra tira nella direzione opposta, sollevandola. Questi movimenti sono ripetuti dall'altro piede.
In piedi su una gamba, l'altro si tira lentamente indietro, infilandosi nell'articolazione della TBS. Lui cambia le gambe.

Se il metodo di fissaggio è senza cemento:
Dopo una settimana o dieci giorni, viene eseguito fino al 15% del carico totale.
Dopo tre settimane: 50% del carico.
Due mesi dopo, il carico sulla gamba con l'endoprotesi dovrebbe essere pieno.
La ginnastica terapeutica iniziata in anticipo aiuta a prevenire lo sviluppo di contratture (restrizione dei movimenti) nella regione pelvica.

Fisioterapia nel primo periodo postoperatorio

obiettivi:
nella zona dell'anca migliorare la circolazione sanguigna;
insegnare al paziente la tecnica di muoversi a letto;
prevenire lo sviluppo di complicanze (infiammazione congestizia polmonare, pleura, trombosi arteriosa e decadimento);
riduzione del gonfiore dell'area operata;
accelerazione del processo di guarigione della superficie postoperatoria della ferita.

Una serie di esercizi per i muscoli dei glutei, del femore e del gastrocnemio:
Le dita dei piedi di entrambe le gambe sono piegate, quindi si distendono.
Dopo essersi svegliati da un sogno anestetico, piegare e distendere il piede avanti - indietro nell'articolazione della caviglia. È necessario ripetere ogni dieci minuti fino alla sensazione di fatica nei muscoli. L'esercizio è chiamato "pompa a pedale".

Ruota i piedi cinque volte in un cerchio a destra e viceversa.
Ginnastica con tensione dei muscoli a quattro teste.
Questo esercizio inizia ad esibirsi con un arto sano. La gamba nella fossa poplitea, il massimo è premuto sul letto e mantiene la tensione muscolare fino a dieci secondi. Dal terzo al quinto giorno postoperatorio, i movimenti vengono ripetuti dal paziente con un piede, mantenendo il tono muscolare fino a cinque secondi. Ripeti dieci volte con ogni piede.
Riduzione dei muscoli glutei.
La tensione muscolare alternata dei glutei a una sensazione di leggera stanchezza.
Piegare la gamba nel ginocchio, fare movimenti di scorrimento con un piede sulla superficie del letto, tirare la gamba verso il gluteo.
Una gamba sana e sana viene rimossa dal paziente e restituita. Quindi questi movimenti vengono eseguiti dalla gamba operata. Ripeti dieci volte con entrambi gli arti.
Sotto il ginocchio, metti un rullo o un piccolo cuscino. Gamba dritta, ritardata da cinque a sette secondi in questa posizione. Ripeti con l'altro piede.
Raddrizzando la gamba, sollevala sulla superficie del letto di pochi centimetri. Gli stessi movimenti si ripetono dieci volte ogni volta.

Eseguendo gli esercizi, osserva le seguenti regole:
Durante il giorno, fai diverse visite alla ginnastica terapeutica, spendendo fino a un quarto di ogni ora.
Fai ginnastica, devi prendere lentamente il tuo tempo.
Al fine di prevenire la comparsa di ristagno nei polmoni, gli esercizi vengono eseguiti contemporaneamente alla ginnastica respiratoria: tendendo i muscoli, inspirando profondamente, rilassando - una lunga espirazione.
Nel primo periodo inizia a praticare ginnastica terapeutica sdraiata sulla schiena, e poi - seduta sul letto.

A partire dal secondo giorno postoperatorio, il paziente deve imparare a girare nel letto, sedersi, alzarsi in piedi e camminare con le stampelle.

Come arrivare a letto correttamente
Devi sederti dal lato non protetto, attaccato al corrimano.
Prima, prima della salita, le gambe sono avvolte in una benda elastica.
Tra le gambe metti un rullo.
La postura è uniforme, quando piantata, il piede è tenuto dritto.
Appoggiato sui gomiti, o aggrappata al letto ferroviario viene abbassato a terra all'inizio dell'arto sano, quindi utilizzando benda elastica stringere la gamba operata.

Camminare con le stampelle
Cerca di imparare a camminare con le stampelle consigliate prima dell'intervento chirurgico.
Dopo l'endoprotesi, alzati e cammina con le stampelle inizia il secondo giorno con l'aiuto di un operatore sanitario.
Affidandosi a una gamba sana, si alzano dal letto, una mano afferra il corrimano del letto, l'altra dal manico della stampella.
Alzati, riposati sulle stampelle sotto le ascelle.
Portano le stampelle in avanti per un breve tratto, poi una gamba sana, seguita da uno scivolamento sul pavimento - una donna malata, che deve prima toccare il pavimento con un tacco, poi con tutto il piede.

Riabilitazione tardiva dopo artroplastica dell'anca

Un mese dopo l'operazione su TBS, inizia la riabilitazione tardiva e dura fino a tre mesi. La durata di questo periodo è influenzata dall'età del paziente e da altri motivi.
obiettivi:
Aumento del tono muscolare allenando e rafforzando.
Ripristino del volume e forza dei movimenti nell'articolazione.
Quando il paziente imparare come ottenere fiducia dal letto, sedersi e camminare per la stanza con le stampelle per un quarto d'ora 3-4 volte al giorno, ha aggiunto sessioni sulle cyclette (per dieci minuti due volte al giorno) e imparare a salire e scendere le scale.
Salire le scale, prima metti un arto sano, poi un piede con una protesi. Scendendo, metti subito le stampelle sul gradino più in basso, poi l'arto dolente dietro la gamba sana.

Tre mesi dopo la TBS protesica, inizia il periodo di riabilitazione a lungo termine (adattativo). La sua durata è fino a sei mesi e oltre.
Obiettivi del palcoscenico lontano:
Ripristino completo delle funzioni articolari: ampiezza, volume e forza dei movimenti.
Accelerazione del processo di rigenerazione del tessuto osseo.
Rafforzamento dell'apparato legamentoso, muscoli e tendini.
In questo periodo gli esercizi di esercizio fisico preparano un paziente per lo stress fisico nella vita di tutti i giorni. La ginnastica è completata da un trattamento fisioterapico: balneoterapia e laserterapia, applicazioni di paraffina, fangoterapia.

Riabilitazione dopo sostituzione dell'anca a casa

Rafforzamento dei muscoli e dell'apparato legamentoso, ripristino di tutte le funzioni perdute dell'arto inferiore, esercizio LFK, essere a casa, i pazienti devono essere tenuti regolarmente.

Complesso terapeutico della terapia fisica:
Esercizi sdraiati sulla schiena:
1. Come durante la guida di una bicicletta, prima piegare e tirare una gamba verso lo stomaco, poi l'altra.
2. Allo stesso tempo, le gambe sono piegate alle ginocchia e, con l'aiuto delle mani, le premono sullo stomaco.
Posizione distesa sul lato opposto a quella operata:
- Metti un cuscino piatto tra le tue gambe. Un arto sano viene raddrizzato, sollevato e tenuto fino a quando non si sente stanco.
Posizione sdraiata sullo stomaco:
1. Le gambe poi si piegano, quindi si piegano alle ginocchia.
2. La gamba dritta viene sollevata e ritratta, quindi abbassata. Questo movimento si ripete con l'altro piede.
Posizione eretta:
1. Tenendo la schiena dritta e sostenendo il supporto, fare sit-up.
2. I seguenti esercizi vengono eseguiti utilizzando una barra piatta e stabile (step) con un'altezza di dieci centimetri.
3. Dopo essersi fermati sulla barra, scendete lentamente da esso, facendo un passo avanti con un piede sano, quindi azionato. Ritornare prima alla pedana con un piede sano, quindi paziente. L'esercizio viene ripetuto dieci volte.
4. Una gamba sana diventa su un gradino, il peso di un corpo si sposta quindi su un piede con un'endoprotesi, quindi lo solleva su una barra.
La ginnastica medica viene eseguita appoggiandosi su una sedia. Dalla fascia elastica o nastro fare un cappio e mettere i piedi alla caviglia con una protesi, l'altra estremità dell'imbracatura è fissa, legata ai piedi del letto.
1. Una gamba con una treccia si raddrizza e si estende in avanti. Voltandosi, ripetendo il movimento indietro lo stesso piede.
2. Trasformare il lato sano del letto e attaccare per la sua mano,
L'operazione a comando diretto viene ritirata lateralmente e lentamente restituita indietro. Ripeti dieci volte.

Il successo del recupero e il ritorno del paziente alla normalità, la vita al solito, dipende non solo il risultato di un intervento chirurgico per la sostituzione dell'anca, ma anche sul periodo di riabilitazione, durante il quale il paziente con piena responsabilità dovrà rispettare tutte le raccomandazioni e il medico prescrittore - chirurgo.

Quanto dura la riabilitazione dopo la sostituzione dell'anca?

L'articolazione dell'anca è l'articolazione più potente, agisce come un collegamento tra gli arti inferiori e il corpo umano. Grazie a lui è possibile muoversi, rimettersi in piedi.

Si riferisce alla più importante e grande articolazione del corpo, quindi qualsiasi processo patologico o danno può causare danni irreparabili alla salute. Quindi, le fratture dell'anca, le forme trascurate di artrosi richiedono un intervento chirurgico immediato e spesso portano all'installazione di un'endoprotesi.

Le cause dei processi patologici possono essere molto diverse. Un ruolo importante è giocato dalla predisposizione genetica, il modo di vivere di una persona. Il più grande rischio è per i pazienti con artralgia pelvica precedentemente sofferta. Qualsiasi processo di deformazione, anche in grado facile, porta alla distruzione del tessuto connettivo dell'articolazione.

Nella parte destra dell'immagine è possibile vedere l'ultimo stadio di distruzione dell'articolazione dell'anca sinistra. Anche quello giusto è in uno stato deplorevole, il divario di articolazione è praticamente assente.

Secondo i dati statistici, la percentuale più alta di pazienti sottoposti a endoprotesi era costituita da persone con artrosi precedentemente rivelate in forma trascurata. Riconoscere la manifestazione della malattia è possibile con un quadro clinico del genere:

Anche nelle prime fasi della malattia ha sintomi luminosi, quindi non è difficile sospettare della sua presenza. Per confermare o confutare la patologia, è necessario registrarsi con un ortopedico e sottoporsi a un esame a raggi X, è possibile sostituire una diagnosi più innovativa - MRI.

In alcuni casi, la risonanza magnetica viene utilizzata per la diagnosi, anche se più spesso si tratta semplicemente di una radiografia.

Più lontano i risultati di studi di esperti e nomina il trattamento, di regola, la terapia include la ricezione complessa di preparazioni, sotto condizione di uno stadio iniziale di malattia.

Questa è una tattica molto strana del comportamento dei medici nella medicina moderna. C'è un fatto scientifico che il tessuto cartilagineo non viene ripristinato, guarda questa testa dell'articolazione femorale e pensa a come unguenti, procedure, massaggi possano ripristinare tale distruzione? A che serve prescrivere tutte queste procedure insieme all'assunzione di farmaci?

Durante la progressione della malattia, la mancanza di effetto terapeutico dal trattamento conservativo senza endoprotesi (sostituzione) dell'articolazione dell'anca è indispensabile. Quindi seguirà il periodo postoperatorio, i sanatori per la riabilitazione e la riabilitazione a casa.

Ecco un altro paragone: a sinistra c'è una superficie articolare sana, sulla destra, affetta da necrosi.

Attualmente, la chirurgia ortopedica è un settore ricercato. Molti pazienti preferiscono l'installazione di una protesi, invece di anni di dolori agonizzanti e farmaci inutili. Più spesso, viene praticata un'operazione totale, in cui vengono sostituiti la testa del femore, il labbro centrale e la capsula articolare.

Creare un design che imiti l'articolazione nativa non è così difficile, grazie a tecnologie innovative, la vita con l'endoprotesi non è diversa dal solito, puoi esercitare, essere attiva. Successivamente, una persona si abitua a un nuovo design, la sensazione di un oggetto estraneo scompare completamente, il paziente può continuare il modo di vivere abituale.

Questo assomiglierà al tuo impianto, sarà nuovo e moderno, perché può essere sostituito. Ma i muscoli e i legamenti che lo circondano non possono essere sostituiti e rimarranno con te per sempre, ma possono essere rafforzati, e per questo è necessaria la riabilitazione.

È importante ricordare che la chirurgia ortopedica non può sempre risolvere il problema. Esiste il rischio di complicanze, infezioni, sia durante l'intervento chirurgico che dopo. Ridurre al minimo tali rischi aiuterà il corso di riabilitazione - una parte integrante di una ripresa di successo.

Tuttavia, in oltre il 95% dei casi, le protesi hanno successo e consentono di eliminare completamente la disfunzione. Ulteriori dettagli valgono la pena di leggere, leggere recensioni, pazienti precedentemente operati e visualizzare report in formato video.

Quanto dura la riabilitazione

Il problema più globale dei pazienti è l'ignoranza. Nel 95% dei casi, i pazienti iniziano ad essere interessati alla riabilitazione dopo l'installazione della costruzione protesica. Spesso, l'interesse per la ripresa arriva in pochi mesi, quando molto è già stato perso.

Hanno fatto l'operazione, ma fa lo stesso male? Questo è assolutamente normale se il programma di ripristino non è stato completato.

Tutti i pazienti dopo l'intervento ortopedico hanno troppa paura di muoversi, anche movimenti minori o un cambiamento nella posizione del corpo li sconvolge. Questo tipo di paura è argomentato semplicemente - in precedenza si udivano i termini "dislocazione", "frattura". Dal fattore psicologico, questo comportamento è naturale, perché nel corpo c'è un oggetto estraneo, il cui compito è di sopportare il peso dell'intero peso corporeo.

La sostituzione dell'articolazione nativa con un'articolazione artificiale non può risolvere i problemi del paziente del 100%. I pazienti non capiscono che è impossibile arrivare completamente al recupero con l'aiuto di un'operazione e della successiva inattività. Con grande dispiacere, inoltre, molti chirurghi non percepiscono il periodo di riabilitazione come un momento importante, di solito si consiglia loro di camminare un po 'di più.

Se ti prefiggi l'obiettivo di sbarazzarti della fastidiosa sindrome del dolore, allora le misure mediche legate alla terapia fisica potrebbero non essere necessarie, poiché un tale problema è risolto dall'operazione stessa. Ma, se si desidera utilizzare tutte le funzionalità di artroplastica, per ridurre al minimo il rischio di complicanze, eliminare zoppia e non è diverso da altre attività fisica, riabilitazione - urgente, un elemento importante del ciclo di vita.

Le persone sono interessate a tutto ciò che riguarda il tema della sostituzione delle articolazioni, ad eccezione delle regole di riabilitazione ed è triste.

Un tale piano di attività mediche è mirato non solo al recupero fisico - stimolazione del tono muscolare, aumento della funzionalità dell'arto, ma anche aiuto psicologico, che consente al paziente di tornare rapidamente al solito modo di vivere.

Principi di base delle misure di riabilitazione medica:

  • inizio precoce delle attività di restauro;
  • sviluppo di un programma individuale da parte di uno specialista;
  • l'uso graduale dell'attività fisica;
  • monitoraggio costante da parte del medico, continuità di azione;
  • un approccio integrato, l'applicazione di varie tattiche e tipi di terapia fisica.

La riabilitazione, a sua volta, è divisa in tre periodi: il recupero precoce, successivo e remoto, la cui durata media va da sei mesi a un anno. Ogni lacuna offre il proprio insieme di attività fisiche.

Ripristino in una fase avanzata

I primi passi per il recupero dovrebbero essere avviati già nell'ospedale della clinica, che richiede alcune settimane per rimanere. Dopo la dimissione, il recupero continua a casa, è necessario tenere regolarmente la ginnastica e seguire tutte le prescrizioni del medico. È inoltre possibile utilizzare i servizi di centri di riabilitazione, che è considerato più appropriato. Il monitoraggio continuo da parte di specialisti accelererà il processo e darà risultati terapeutici più elevati.

Un punto importante è la durata - l'applicazione continua di procedure di terapia fisica, che ripristineranno il tono muscolare e consolideranno i risultati dell'operazione.

Il rifiuto delle misure di riabilitazione minaccia con gravi complicazioni. Il più facile - lo sviluppo della zoppia, in altri casi - la dislocazione del collo dell'anca, lo spostamento della protesi, la neurite, contro una muscolatura indebolita.

La maggior parte dei pazienti è sicura che il riferimento agli specialisti che sviluppano misure complesse per il recupero dopo la chirurgia ortopedica non ha senso. Sfortunatamente, molti chirurghi non sono interessati a spiegare l'importanza della riabilitazione al paziente. Di conseguenza, l'adattamento alla nuova articolazione è significativamente più pesante, inoltre, aumenta il rischio di intervento chirurgico di revisione (intervento ripetuto).

I muscoli allenati intorno alle articolazioni aiutano a mantenerlo in una sorta di "corsetto". E quando i muscoli sono deboli, la dislocazione può verificarsi come nell'immagine.

Normalizza le tue condizioni dopo l'installazione dell'impianto. Torna al solito modo di vita aiuterà i medici qualificati nel campo della riabilitazione e della fisioterapia.

Fasi del periodo di recupero

Ogni periodo di riabilitazione è parte integrante del successo del recupero del paziente. Tutti gli stadi hanno le loro caratteristiche, è necessario capire la durata di ciascuno, il carico accettabile. Pertanto, è così importante iniziare a prepararsi prima dell'intervento e non pensare dopo.

Fase di recupero precoce

Il periodo inizia non appena il paziente ha lasciato l'anestesia e dura in media un paio di settimane. Per un passaggio adeguato è necessario rispettare alcune regole, quindi:

  • i primi due o tre giorni devono essere dormiti e giacere esclusivamente sul dorso;
  • consegnare con l'aiuto del personale medico e solo su un lato sano;
  • È necessario escludere movimenti bruschi della zona dell'anca, tutte le svolte e le curve sono il più lente possibile;
  • è controindicato piegare la gamba più di 90 gradi;
  • in posizione supina o seduto tra le cosce è fissato un rullo o un cuscino speciale, è vietato incrociare gli arti;
  • ogni giorno 5-8 volte al giorno è necessario eseguire esercizi passivi.

Viene mostrato come usare il rullo tra le gambe quando cambia la posizione del corpo.

Seguire attentamente l'angolo dell'articolazione dell'anca durante i movimenti.

Ogni periodo ha il suo scopo e i suoi obiettivi, per prima cosa si ipotizza quanto segue:

  • Per escludere lo sviluppo di una trombosi del campo di operazione da miglioramento di circolazione del sangue;
  • apprendi le basi della corretta seduta e del sollevamento dal letto;
  • utilizzare misure preventive per prevenire complicazioni;
  • accelerare i processi di rigenerazione della zona operata;
  • ridurre la manifestazione di edema e sindrome del dolore.

Anche in questa fase, al paziente viene insegnato come cammina le scale. Questo è quando la gamba non fa male, non notiamo quanti passi superiamo ogni giorno, ma quando l'operazione è terminata, inizi a capire che sono ovunque.

Fase avanzata

La fase avanzata inizia diverse settimane dopo l'inserimento della protesi e può durare fino a 12-16 settimane. A seconda dell'età e delle condizioni generali del paziente, la durata può variare.

Lo scopo principale dell'applicazione delle misure di riabilitazione per questa fase è il seguente:

  • rafforzare i muscoli della parte dell'anca, aumentare il tono muscolare;
  • ripristinare l'attività motoria, la funzionalità nelle articolazioni.

Invece della piattaforma, puoi utilizzare i passaggi convenzionali.

È possibile utilizzare la cyclette, la sua principale differenza in assenza di carichi d'urto.

Un'alternativa a una cyclette è un simulatore di step, lo stesso effetto.

Di regola, con allenamenti regolari e corretti, il paziente può già sedersi e camminare per lunghe distanze insignificanti con un'enfasi sulle stampelle o un bastone.

Periodo a lungo termine

Il recupero a una fase remota inizia circa il terzo mese e dura fino a sei, in alcuni casi fino a dodici. Quando la riabilitazione è completata, il funzionamento dell'anca è completamente ripristinato entro un dato periodo di tempo, la condizione del tono muscolare è migliorata, il rischio di complicanze è ridotto al minimo.

Anche se la piscina della casa è lontana, crescila almeno una volta alla settimana per visitarla e l'ora lavora attivamente nell'acqua.

A poco a poco, il paziente si adatta a stress fisici più gravi, gli sport passivi - piscina, camminare, sciare, ma correre, non quelli di montagna - sono ammessi. Se non ci sono controindicazioni, allora puoi entrare più complesso, ad esempio, la camminata atletica per lunghe distanze.

Esercizi dopo la sostituzione dell'anca

Attualmente, sottoporsi a riabilitazione in un centro specializzato non è un problema. C'è un numero abbastanza grande di sanatori e cliniche di riabilitazione che forniscono al paziente un ciclo completo di recupero dopo protesi. Tuttavia, è necessario sapere che non tutte le serie di esercizi sono uguali e si adattano a qualsiasi paziente. Ogni elemento dell'attività fisica, così come la sua varietà, deve essere selezionato tenendo conto delle caratteristiche individuali del corpo, lo stato generale dell'uomo. È importante tenere conto dell'età di una persona, ad esempio, un organismo giovane si sta riprendendo più rapidamente, sono accettabili esercizi fisici più elevati.

Le più popolari sono le cliniche straniere: Repubblica Ceca, Polonia, Germania. L'interesse dei pazienti nei centri stranieri è principalmente dovuto alla presenza di personale esperto e alla quantità necessaria di attrezzature specializzate. Il restauro all'estero avviene secondo diversi principi: lo schema terapeutico viene sviluppato individualmente, viene selezionata la durata del corso e viene eseguito un monitoraggio costante da parte del medico curante. La riabilitazione in tali paesi è considerata parte integrante del trattamento di successo, quindi viene assegnato un posto speciale e un ruolo in medicina.

La vita del paziente dopo questo tipo di intervento ortopedico è alquanto diversa. È necessario essere più cauti, per monitorare attentamente la propria salute, soprattutto nel primo anno dopo l'installazione dell'impianto. Un punto importante è l'introduzione alla normale modalità di vita di un allenamento speciale, esercizi fisici.

L'attenzione distinta merita la cura della cucitura dopo l'operazione. Per questo, c'è un certo algoritmo che puoi verificare con il tuo medico.

È anche necessario seguire le raccomandazioni di altri medici. Quindi, per la prima volta è vietato sedere in una posizione per più di 15 minuti. I pazienti, per i quali la posizione più comoda - seduti a gambe incrociate, per la prima volta dovrebbero dimenticarsene, questa situazione è più pericolosa per le persone dopo la TBS protesica. È necessario escludere curve strette, tutti i movimenti sono eseguiti in modo regolare, con un aumento graduale del carico.

Per un paziente che ha subito artroplastica sull'articolazione pelvica, è importante essere costantemente in movimento, anche se solo il più insignificante e passivo. Questo è l'unico modo per rafforzare i muscoli e aumentare il tono muscolare.

Esercizi fisici, ginnastica, sport o terapia fisica sono selezionati individualmente per ciascun paziente, a seconda dell'età e del benessere generale. Tuttavia, esiste un programma standard, raccomandato per l'implementazione dai primi giorni dopo la sostituzione del giunto. Ulteriori dettagli sono descritti di seguito:

  • Sdraiato sulla schiena è necessario allungare le gambe e spostare lentamente il piede su / giù. Ogni salita e discesa dovrebbe essere lenta e accurata. In un primo momento, tale ginnastica è necessaria ogni mezz'ora per diversi minuti.

Con questo esercizio, puoi iniziare il tuo risveglio ogni mattina.

  • Il prossimo esercizio è anche disegnato al piede, ma è già collegato alla sua rotazione. Prima in senso orario qualche minuto, poi, contro. Viene eseguito il più spesso possibile, preferibilmente non meno di 1 volta all'ora. Se possibile, la rotazione viene eseguita in posizione seduta.

    Questo esercizio è simile al precedente.

  • Al completamento del lavoro sul piede, il paziente deve passare all'allenamento del sistema muscolare degli arti inferiori. Per iniziare, entro un paio di minuti il ​​paziente taglia il muscolo quadricipite della coscia, che occupa la sua regione laterale e anteriore. L'esercizio si svolge in questo modo: il muscolo è il massimo sforzo (il dolore acuto deve essere assente) e per 5-10 secondi viene mantenuto, dopo, rilassarsi. Numero di volte 5-15, non meno di 3-5 ripetizioni al giorno.
  • Obbligatorio nel regime sportivo viene introdotta la flessione e l'estensione del ginocchio. La manipolazione viene effettuata in uno stato prono, la piega nell'articolazione del ginocchio non supera i 90 gradi, con la piega del piede che tocca il letto. Hai bisogno di due o tre ripetizioni, ognuna con 10-15 esercizi.

    Slip il piede liscio sulla superficie.

    All'inizio la ginnastica data può esser data appena, all'atto di sviluppo di dolori è necessario aspettare con esso. Se è impossibile eseguire gli esercizi il primo o il secondo giorno dopo l'operazione, possono essere posticipati per 3-4 giorni.

    • Contrazione gluteo - Il caricamento, che è necessariamente fatto ogni giorno, rafforza la muscolatura dell'anca. Inizialmente, lo stato di tensione non dura più di 5 secondi, quindi viene prolungato a 10-15.

    Se è difficile isolare i glutei in isolamento, prova ad alzare leggermente il bacino, poi i glutei si trasformeranno automaticamente in lavoro.

  • Un esercizio obbligatorio - abduzione dell'anca. Il paziente assume una posizione reclinata e ritira lentamente la gamba di lato. Iniziare l'esercizio con una gamba sana, quindi passare al operato. In media, 10-15 lead sono condotti con due repliche.

    Si noti che la gamba situata nella parte inferiore è piegata al ginocchio, quindi fare l'esercizio è più conveniente.

  • Questa manipolazione può ripristinare efficacemente il tono muscolare e accelerare il recupero. È in Alzare una gamba dritta. È necessario sistemarsi comodamente sul letto, quindi filtrare i muscoli del polpaccio e sollevare lentamente la gamba verso l'alto, per 2-3 cm. Tenere premuto per un paio di secondi, quindi abbassarlo lentamente. All'inizio, sono necessarie almeno 10 repliche, quindi, se possibile, aumentare.

    Prova a fissare bene la gamba 2-3 secondi nella posizione superiore.

  • L'attività fisica del paziente dovrebbe essere in tutte le fasi della riabilitazione, indipendentemente dalla velocità di recupero. Nel primo anno si raccomanda di praticare regolarmente sport passivi e stimolare costantemente una nuova articolazione.
  • Determinare la previsione esatta anche dopo che la riabilitazione qualitativa è piuttosto difficile. Di norma, le cliniche domestiche dopo una settimana scrivono il paziente a casa, poiché la funzione del movimento indipendente viene praticamente ripristinata.

    Tuttavia, questo non elimina la necessità di rafforzare il trattamento - per visitare la palestra, la terapia fisica e altre procedure mediche. È necessaria una riabilitazione più lunga per i pazienti con patologie croniche e altri problemi:

    • la condizione trascurata delle articolazioni alla chirurgia ortopedica;
    • aumento della debolezza muscolare, precedentemente mancanza di qualsiasi attività fisica.

    Poche persone capiscono, ma è molto importante eseguire l'operazione in tempo e la maggior parte cerca di rimandarla. Quindi, più a lungo zoppichi prima dell'operazione, più difficile sarà il recupero da esso.

    Il paziente deve ricordare che, per quanto sia difficile e lungo il periodo di recupero, produrrà necessariamente risultati positivi. Naturalmente, un ruolo importante è svolto dagli specialisti coinvolti nella riabilitazione, così come il paziente stesso, e il suo diligente adempimento di tutte le prescrizioni del medico.

    Per gli anziani e i giovani che hanno subito un intervento chirurgico, il lavoro coordinato della protesi e del sistema muscolare è importante, il che eviterà complicazioni. Pertanto, fiz. gli esercizi dovrebbero portare i seguenti risultati:

    • pieno funzionamento della protesi, esclusione della zoppia;
    • capacità del sistema muscolo-scheletrico, ritorno ai carichi usuali;
    • eliminazione della sindrome del dolore, ripristino dello stato psico-emotivo di una persona.

    Anche dopo ovvio miglioramento, è estremamente sconsigliato interrompere il periodo di recupero, le procedure mediche, la ginnastica. Solo la loro regolare implementazione è la chiave per un trattamento di successo e per la salute futura.

    In conclusione, possiamo dire quanto segue: riabilitazione, ciascuna delle sue fasi deve essere accompagnata da un attento monitoraggio da parte del medico. Solo lo specialista deve specificare l'onere, l'annullamento, l'introduzione di un esercizio.

    Dopo essersi rifiutato dal riabilitatore, la persona rischia di farsi del male irreparabile. I medici vietano categoricamente ai pazienti di impegnarsi in modo indipendente in simulatori, assegnare loro stessi carichi e la durata della loro attuazione. Tali misure incontrollate aumentano il rischio di danni alla protesi e la necessità di interventi chirurgici ripetuti.

    Il rigoroso adempimento degli appuntamenti del dottore, il rifiuto dell'autoterapia, consentirà all'articolazione di funzionare pienamente, e tu, sentiti una persona sana e felice.

    La riabilitazione dopo l'artroplastica dell'anca consente di ripristinare la mobilità della gamba operata, ripristinare il tono muscolare e migliorare significativamente il benessere del paziente. Il processo è diviso in 3 periodi, inizia in un ospedale e finisce a casa. Raggiungere il successo aiuterà l'aderenza accurata alle prescrizioni del medico, la perseveranza e la continuità del complesso.

    Qual è l'essenza delle procedure di riabilitazione?

    La sostituzione dell'articolazione dell'anca è un'operazione complicata, che richiede un'elevata abilità da parte del chirurgo. Ma il paziente stesso è responsabile del successo, da cui dipende, quanto velocemente può tornare alla vita normale. Nel periodo postoperatorio, i compiti del medico curante e del paziente sono:

    • accelerazione del processo di guarigione;
    • prevenzione dell'edema interno ed esterno;
    • prevenire la deformazione delle articolazioni sane;
    • normalizzazione della formazione del liquido sinoviale;
    • ripristinare il tono muscolare;
    • restituire la normale attività motoria.

    Il processo di riabilitazione è diviso in fasi. Il primo dura 4 settimane e aiuta il paziente a iniziare un graduale ritorno alla vita normale. A questo punto, è necessario dosare con cura il carico sulle articolazioni, senza consentire la sovratensione. Il paziente deve imparare a convivere con l'endoprotesi, senza provare un costante disagio.

    Una dieta dolce e un esercizio moderato sono necessari con un graduale aumento dell'intensità dell'allenamento. L'intero processo è sotto la supervisione di un medico.

    Un mese dopo l'operazione, il paziente ha bisogno di aumentare gradualmente il carico sui muscoli e sulle articolazioni. La riabilitazione tardiva comporta il costante monitoraggio del medico, ma tutte le procedure vengono eseguite a casa. Il paziente impara a camminare sulle stampelle, salire e scendere le scale.

    Il ripristino del tono muscolare e del rinforzo delle articolazioni aiuta sulla cyclette. Spesso i pazienti chiedono quanto dura la riabilitazione. È difficile dare una risposta univoca, il tempo esatto dipende dalle capacità individuali dell'organismo. Di solito il periodo di recupero tardivo dura 3-4 mesi.

    Lo stadio finale dura non meno di sei mesi, a volte viene esteso il periodo di riabilitazione. In questo momento, il paziente si sta preparando per carichi di lavoro più intensi e sta imparando a percepire adeguatamente la nuova articolazione. Il paziente deve muoversi di più, il carico fisico aumenta. Alla ginnastica terapeutica si aggiunge un massaggio che aumenta il tono muscolare.

    La fisioterapia intensiva è indicata:

    • impacchi di fango e paraffina;
    • terapia laser;
    • balneoterapia.

    Durante questo periodo, si raccomanda il trattamento di sanatorio e spa, ma quando si sceglie una direzione, è necessario prendere in considerazione altre malattie croniche. Ad esempio, la fangoterapia può essere controindicata in varie patologie del cuore.

    Dopo il completamento del recupero, il paziente non deve limitare l'attività fisica.

    Ginnastica e passeggiate quotidiane contribuiranno a mantenere il tono muscolare e le articolazioni, prevenendo possibili ricadute.

    Periodo di recupero anticipato

    I primi giorni dopo l'intervento sono un momento difficile, da cui dipende la velocità della guarigione della ferita. Se l'operazione è normale, il paziente viene inserito in un ospedale. Il paziente dovrebbe essere il più gentile possibile. Il periodo di recupero iniziale richiede un monitoraggio costante da parte del medico curante. L'esperto spiega come sedersi correttamente, spiega le regole dei turni durante il sonno, ti insegna a non avere paura dei movimenti indipendenti.

    Nei primi giorni dopo l'endoprotesi, devi dormire solo sulla schiena. Capovolgere sul lato del paziente consentito dopo 3 giorni, mentre sdraiarsi sul lato operato è impossibile. La seduta dovrebbe essere eseguita con grande cura, assicurandosi che l'articolazione lesionata non si pieghi con un'angolazione troppo grande. Il massimo consentito è 90 gradi.

    • a tozzo;
    • inginocchiarsi;
    • gettare una gamba dietro la gamba.

    Il paziente deve controllare i suoi movimenti senza fare passi troppo lunghi ed evitare attacchi acuti.

    Durante il sonno e il riposo, non puoi incrociare le gambe o piegarle in grembo. Rilassa i muscoli aiuterà un cuscino speciale tra le gambe. Solleva leggermente i fianchi e consente di fissare l'articolazione interessata nella posizione desiderata. Con un rullo, il paziente può girare, sistemarsi su un lato sano o sull'addome. Nei primi giorni, il disagio può essere sentito, ma presto il paziente si abitua e inizia a sentirsi molto meglio.

    Nei primi giorni postoperatori, è necessario muoversi con molta attenzione, ma i medici mettono in guardia contro la completa immobilità. In pochi giorni puoi iniziare esercizi delicati. Previene l'edema interno ed esterno, normalizzano il flusso sanguigno, forniscono un ripristino precoce della mobilità articolare. Il complesso è fatto dal medico, gli esercizi dovrebbero essere eseguiti ogni giorno. Il programma include i seguenti movimenti:

    • agitazione delle dita dei piedi, movimenti circolari dei piedi;
    • flessione del piede nella regione della caviglia avanti e indietro;
    • Il movimento circolare si arresta in senso orario e antiorario;
    • tensione alternata e rilassamento dei quadricipiti;
    • contrazioni isometriche dei muscoli dei glutei;
    • flessione lenta delle gambe nelle ginocchia;
    • allontanando la gamba dritta;
    • gambe di sollevamento (simultanee e alternate).

    Tutti gli esercizi sono eseguiti 6-10 volte, a riposo dopo ogni approccio. Dopo il complesso, potrebbe esserci una leggera stanchezza e tensione nei muscoli. Quando si verifica il dolore, gli esercizi si fermano. Nei primi giorni di ginnastica, sdraiati sulla schiena, in una settimana si possono fare gli stessi esercizi seduti.

    Riabilitazione tardiva

    Dopo 3-4 settimane, inizia la fase successiva. La ginnastica quotidiana diventa più lunga. Per esercitare sul pavimento è aggiunta una cyclette, è possibile esercitarsi per 10-15 minuti continuamente. Non è necessario esaurire te stesso, dopo l'esercizio dovresti provare una piacevole fatica e una leggera tensione nei muscoli.

    Durante il periodo di recupero a casa, il paziente deve imparare a:

    • sedersi su un seggiolone;
    • muoversi indipendentemente con le stampelle;
    • scendere e salire le scale;
    • impegnarsi in self-service.

    La routine giornaliera include la ginnastica (non meno di 30 minuti). Il paziente dovrebbe gradualmente aumentare il tempo per l'auto-camminata da 5 a 25 minuti. È meglio riposare sdraiati, rilassando completamente i muscoli. Il recupero accelererà una dieta delicata e l'assunzione di preparati vitaminici. Si consiglia di prendere un corso di farmaci di calcio, che dovrebbe essere nominato dal medico curante. Utili integratori alimentari con condroetina e glucosamina, ripristinando i tessuti articolari e migliorando la composizione del liquido sinoviale.

    La fase finale

    Il periodo di recupero tardivo è progettato per riportare il paziente alla normale vita di tutti i giorni. In questo momento il paziente impara a camminare con un bastone, aumentando gradualmente il carico sui muscoli e le articolazioni.

    Il movimento quotidiano include i seguenti movimenti:

    • la retrazione di una gamba dritta indietro e lateralmente con un'imbracatura di gomma;
    • sollevandosi verso la pedana e scendendo da essa con graduale ampiezza crescente;
    • flessione ed estensione delle gambe in posizione prona;
    • sollevando e girando il corpo.

    Risultati eccellenti danno lezioni su conchiglie speciali installate in palestra oa casa. Una cyclette con una posizione bassa del pedale, che non fa alzare troppo le gambe, lo farà. Per ripristinare l'attività motoria aiuterà i tapis roulant impostati nella modalità camminata.

    Per migliorare la mobilità delle articolazioni, sviluppare macchine per l'allenamento con rulli, su cui è fissato il ginocchio della gamba malata. L'arto si muove in modalità pompa, il tempo di sviluppo articolare sta gradualmente aumentando. È meglio esercitarsi sui simulatori sotto la supervisione di un allenatore esperto specializzato in ginnastica protesica.

    L'importanza della nutrizione

    Il recupero dopo l'artroplastica d'anca comporta una dieta bilanciata a basso contenuto calorico. L'eccesso di peso aumenta il rischio di ulteriori deformità e allunga il processo di guarigione. Il compito del paziente è quello di aderire al regime raccomandato dal medico, di non andare oltre il contenuto calorico giornaliero e di abbandonare completamente i prodotti vietati, la cui lista include:

    • cibo fritto;
    • prelibatezze affumicate;
    • cibo in scatola;
    • salsicce;
    • dolci industriali;
    • bevande gassate e succhi pronti contenenti troppo zucchero.

    Gli appassionati di carne dovrebbero sostituire grasso di maiale, agnello e manzo per pollo, tacchino, coniglio, carne di vitello magra.

    Mangi i piccoli pasti, la dieta quotidiana è divisa in 4-5 pasti. Un mese dopo l'operazione, viene eseguita una pesatura di controllo, che consente di determinare il grado di rischio per le articolazioni. Se il paziente sta ingrassando, il medico può raccomandare di ridurre la dieta. Far fronte a chilogrammi inutili contribuirà ad aumentare l'assunzione di fibre, che migliora la digestione. Il menù del giorno include frutta e verdura fresca, cereali integrali, grano e crusca di segale. Puoi ridurre il peso mangiando più zuppe su brodo di pollo o vegetale.

    Lo stato delle ossa e delle articolazioni è positivamente influenzato dagli alimenti ricchi di calcio. Il menu comprende ricotta fatta in casa, yogurt senza additivi, kefir, latte cotto fermentato, varenets. È necessario assumere integratori alimentari con calcio, collagene, condroetina e glucosamina. In caso di carenza di alcuni microelementi, possono essere prescritti complessi vitaminici, raccomandati per l'assunzione di corsi.

    La riabilitazione dopo la sostituzione dell'articolazione dell'anca può ripristinare rapidamente la mobilità degli arti, prevenire gonfiori, deformità e altre complicanze postoperatorie. Esercizio fisico, massaggio e corretta alimentazione garantiscono un rapido ritorno dell'attività motoria. Raggiungere il successo aiuterà la perseveranza e la perseveranza del paziente, così come la cura tempestiva del medico curante.

    Come recuperare dopo una sostituzione dell'anca

    Il ripristino della salute del paziente sottoposto a intervento chirurgico alle articolazioni è necessario dopo le prime ore dopo il risveglio dall'anestesia. La riabilitazione dopo l'artroplastica dell'anca (TBS) è un complesso di esercizi, diverso per ogni periodo. Può anche dipendere dal tipo di fissazione della protesi, dalla condizione e dall'età del paziente, dalla presenza di malattie concomitanti. La riabilitazione deve essere effettuata non solo in ospedale, ma anche dopo la dimissione, in un centro medico specializzato oa casa.

    Riabilitazione dopo artroplastica dell'anca

    La riabilitazione dopo la sostituzione di TBS è suddivisa in periodi postoperatori precoci e tardivi, in cui ci sono diversi compiti e gradi di stress sull'arto malato. Il recupero di ciascun paziente passa individualmente ed è determinato da molti fattori.

    Recupero nel primo periodo postoperatorio

    Obiettivi del primo periodo:

    • Prevenire le complicanze postoperatorie
    • Domina gli esercizi eseguiti nella menzogna principale
    • Impara a sederti e alzati
    • Impara a camminare con le stampelle

    Combattere possibili complicazioni

    Le principali preoccupazioni, che si verificano in un primo periodo dopo la sostituzione del comune:

    • Prendersi cura della corretta posizione della gamba dolorante
    • Riduzione del dolore e gonfiore
    • Medicazione ferita
    • Mantenere una dieta delicata
    • Prevenzione della trombosi
    Requisiti per la posizione delle gambe e dei movimenti
    • I primi giorni sono autorizzati a dormire solo sul retro
    • Affinché le gambe del paziente non si avvicinino alla distanza inaccettabile o si incrocino, un cuscino a forma di cuneo o un rullo viene posizionato tra le gambe
    • Passare a un lato sano può essere fatto già otto ore dopo l'operazione, chiedendo di aiutare un'infermiera o un'infermiera. Le gambe dovrebbero essere piegate allo stesso tempo, premendole con le articolazioni della caviglia
    • L'ampiezza della flessione della gamba malata nel ginocchio non deve superare i 90 °
    • I giri affilati di gambe, la rotazione di TBS sono inammissibili
    Riduzione del dolore e gonfiore

    È impossibile evitare il dolore dopo l'intervento. L'anestesia passa - e iniziano inevitabili attacchi di dolore, accompagnati da gonfiori. Sopportare questo paziente già esausto è difficile e venire in soccorso:

    • Terapia anestetica
    • Drenaggio del liquido di accumulo nel giunto:
      • Un tubo di drenaggio viene inserito nella cavità articolare, che si apre sulla superficie
      • Il tubo viene rimosso non appena l'essudato cessa di accumularsi nella cavità
    • Rivestire l'area interessata con ghiaccio
    • Se il dolore è accompagnato da un processo infettivo, dovrebbero essere usati antibiotici
    Medicazioni per le ferite
    • Il primo bendaggio viene solitamente eseguito il secondo giorno dopo l'intervento
    • La frequenza delle medicazioni successive è determinata dal chirurgo, con una frequenza - almeno una in due o tre giorni
    • Le suture vengono rimosse dopo 10-14 giorni:
      • la rimozione del filo può verificarsi prima con una condizione di ferita soddisfacente
      • i fili assorbibili non devono essere rimossi
    Pasti e acqua

    Dopo che la paziente è arrivata, potrebbe avere sete e appetito. Questa è una reazione all'anestesia. Ma bere un po 'e mangiare un po' di cracker può solo 6 ore dopo l'intervento chirurgico. Il solito pasto è permesso il giorno successivo.

    I primi giorni è necessario mantenere una dieta, che include:

    • Brodo di carne, leggermente salato, con purea di carne
    • Porridge di farina d'avena, purè di patate
    • Prodotti a base di acido lattico
    • Gelatina di frutta, tè non zuccherato

    Quindi viene prescritta la dieta abituale o la dieta abituale, corrispondente alle malattie croniche del paziente.

    Prevenzione della trombosi

    Dopo l'operazione, la coagulabilità del sangue aumenta sempre - questa è una reazione naturale del corpo, volta ad accelerare la guarigione della ferita. Pertanto, durante questo periodo c'è sempre una minaccia di trombosi, e se il paziente ha ancora una storia di insufficienza venosa, il rischio è raddoppiato.

    Per la prevenzione della trombosi, vengono utilizzate le seguenti misure:

    • Medicazione delle estremità inferiori con bendaggio elastico
    • Ammissione di eparina, warfarin e altri anticoagulanti
    • Esercizi speciali per gli arti

    Modalità di caricamento sul lato operato

    • Se il giunto è sostituito da un metodo di fissazione del cemento:
      • i carichi iniziali sulla gamba operata dovrebbero già essere nel periodo iniziale di riabilitazione, nei primi giorni postoperatori
      • carichi completi - in un secondo momento
    • Con un metodo di fissazione senza cemento:
      • 10 - 15% del pieno carico - dopo 7-10 giorni
      • Metà del carico - dopo 21 giorni
      • Pieno carico - alla fine di un periodo di due mesi
    • Casi clinici speciali:
      • Ictus, malattie degli organi interni, cancro, invecchiamento profondo, ecc. - in tutti questi casi, l'esercizio deve essere iniziato al più presto dopo l'intervento chirurgico e in pieno esercizio.
    • Con dolore acuto:
      • Il regime a carico limitato viene applicato in qualsiasi fase della riabilitazione

    L'articolazione artificiale ha una mobilità ideale, ma di per sé non si muoverà: è necessario "legarla" ai muscoli. E questo è possibile solo attraverso la riabilitazione attiva, rafforzando i muscoli.

    Esercizi passivi sui simulatori meccanici dopo la sostituzione di TBS sono di solito effettuati per prevenire contratture muscolari, ma non per rinforzare i muscoli. Non possono sostituire la terapia di esercizio che deve essere eseguita con l'applicazione dei propri sforzi e senza la quale il recupero completo è impossibile

    Esercizio postoperatorio precoce

    Obiettivi della terapia fisica nel primo periodo postoperatorio

    Dopo la sostituzione dell'articolazione dell'anca all'inizio della riabilitazione, vengono stabiliti i seguenti obiettivi:

    • Previene la stasi del sangue, accelera la guarigione delle ferite e riduce il gonfiore
    • Ripristinare la funzione di supporto della gamba malata e l'ampiezza totale dei movimenti

    LFK viene eseguito durante le prime due o tre settimane, sdraiato a letto. Ma alzarsi in piedi dovrebbe essere letteralmente il secondo giorno

    Il complesso della ginnastica elementare è molto semplice, ma ci sono alcuni requisiti:

    • Gli esercizi vengono spesso eseguiti durante il giorno:
      • intensità - da cinque a sei volte all'ora per diversi minuti (in media ogni ora per ginnastica terapeutica impiega 15 - 20 minuti)
    • La natura e il ritmo degli esercizi sono fluidi e lenti
    • Tutti gli esercizi sono combinati con la respirazione, approssimativamente secondo questo schema:
      • a uno sforzo muscolare inspiriamo
      • con espirazione espiriamo

    Il complesso comprende esercizi per i muscoli gastrocnemio, femorale e glutea di entrambe le estremità.

    Il primo giorno postoperatorio:
    • Movimento alternato sequenziale dei piedi:
      Il piede sinistro va a se stesso, quello giusto - da se stesso, quindi viceversa
    • Chiusura e apertura delle dita su entrambe le gambe
    Il secondo giorno dopo l'operazione:
    • Esercizi statici:
      • Premendo il dorso del ginocchio per cinque-sette secondi fino al letto, seguito dal rilassamento - in questo modo, si svolge l'allenamento dei muscoli femorali
      • Pressatura simile dei talloni: i muscoli della parte inferiore della gamba e i muscoli posteriori della coscia vengono allenati
      • Scivolare la gamba malata di lato e indietro, senza rompere la superficie del letto
    • Slip con flessione del piede:
      • Infiliamo il paziente con il piede sul lenzuolo, piegando la gamba nelle articolazioni a non più di 90 °
      • Restituiamo il piede allo stesso modo nella sua posizione originale (in primo luogo puoi renderlo più facile con un elastico o un asciugamano normale)
    • Raddrizzamento con sollevamento
      • Questo esercizio viene eseguito utilizzando un'altezza del rullo non superiore a 10 - 12 cm, posizionata sotto il ginocchio
      • Sforzare lentamente il muscolo femorale, raddrizzare la gamba e tenerla in questa posizione per cinque sei secondi. Poi, altrettanto lentamente abbassalo

    Questi esercizi devono alternarsi tra loro:

    In un'ora facciamo una cosa, nella seconda l'altra e così via.

    Come sedersi correttamente

    È necessario sedersi con attenzione il secondo giorno. Come è fatto?

    • Devi appoggiarti ai gomiti o aggrapparti al telaio sopra il letto
    • La posizione seduta dovrebbe essere nella direzione di una gamba sana, abbassandola dapprima al pavimento e poi tirandola verso di essa (è possibile e con l'aiuto della benda elastica) l'arto operato
    • Il rullo tra le gambe deve essere sicuro
    • Le gambe devono essere prima fasciate con bende elastiche
    • Durante la semina, osserva la posizione diritta del tronco e non girare il piede verso l'esterno

    Dal secondo giorno inizia anche la meccanoterapia dell'articolazione dell'anca.

    Il periodo di circolazione dopo la sostituzione di TBS

    Può anche essere chiamato "camminare sull'agonia": troppo poco tempo è passato dall'operazione, la ferita fa ancora male, e il dottore, nonostante il dolore, ha già ordinato di stare letteralmente sulle stampelle il giorno dopo. E questo non è un capriccio del chirurgo:

    Prima si inizia a camminare, meno è probabile lo sviluppo di contratture e più possibilità di ripristinare l'intera gamma di movimenti

    Tutte le difficoltà di camminare con le stampelle sono descritte in dettaglio nel nostro articolo Riabilitazione dopo la sostituzione del ginocchio, quindi ci concentreremo solo sugli stress e cammineremo con le stampelle sulle scale

    Carico su una gamba malata
    • Durante la prima settimana postoperatoria, devi solo toccare il pavimento con il piede
    • Poi andiamo al carico del 20% sulla gamba dolorante: questo equivale a trasferire su di esso il proprio peso senza il peso di tutto il corpo, cioè, in piedi sul piede senza appoggiarsi ad esso

    Aumentare il carico portandolo a metà dovrebbe essere eseguito individualmente per ciascun paziente:
    Se il dolore e il gonfiore della gamba non sono spariti, allora l'aumento del carico è prematuro.

    Quello che dicono dolore e gonfiore duraturo

    Non passare lunghi dolori e non lasciare gonfiore può essere segno di complicanze postoperatorie, dislocazione della protesi, abuso di deambulazione o ginnastica medica eseguita impropriamente

    In ogni caso, le ragioni devono essere comprese dal chirurgo.

    Camminare con le stampelle sulle scale

    Il metodo di camminata è determinato dalla direzione del movimento: su o giù:

    • Quando salite le scale, il movimento inizia dall'arto non operato:
      • Facciamo affidamento sulle stampelle e trasferiamo al passo una gamba sana
      • Spingendo le stampelle e trasferendo il peso del corpo ad esso
      • Stringiamo la gamba operata, mentre spostiamo le stampelle sul gradino più alto, o portiamo le stampelle dopo la gamba dolorosa
    • Quando scendi dalle scale, tutti i movimenti si verificano in ordine inverso:
      • Innanzitutto, le stampelle vengono trasferite al gradino inferiore
      • Appoggiandoci alle stampelle, posiamo senza sosta la gamba malata
      • Trasferiamo la gamba sana allo stesso livello e ci basiamo su di essa

    Camminare con le stampelle sulle scale può iniziare dopo aver imparato gli esercizi per una gamba malata in posizione eretta

    Esercitare la terapia il decimo giorno dopo l'intervento

    Esercizi in posizione eretta

    • Quando li esegui, devi tenere i corrimani, la parte posteriore del letto o della sedia
    • Ogni esercizio deve essere ripetuto fino a 15 volte fino a 10 volte al giorno
    • Esempi di esercizi:
      • Retrarre la gamba operata in avanti, di lato, all'indietro di 20 - 30 cm
      • Alzando la gamba con un ginocchio piegato ad una piccola altezza

    Esercizi in posizione orizzontale

    • Ripetizione di tutti gli esercizi isometrici con pressione dei muscoli della gamba, estensori del ginocchio e muscoli glutei alternativamente al pavimento:
      • La tensione statica si ottiene sforzando i muscoli addominali e allungando le calze dei piedi verso se stessi
      • Il rilassamento isometrico segue al momento del rilassamento
    • Flessione e retrazione della gamba malata lateralmente mediante scorrimento
    • Sollevamento della gamba malata ad un angolo non superiore a 90 ° C mantenendolo sul peso e abbassandolo lentamente
    • Lasciando la gamba malata di lato con la posizione sul lato:
      tra le gambe è necessario posizionare un cuscino
    • Flessione-estensione delle gambe in posizione supina

    L'intero complesso della terapia fisica dovrebbe essere continuato a casa.

    Riabilitazione tardiva dell'articolazione dell'anca

    E ora, dopo l'operazione, sono passati due mesi, tuttavia, la TBS è ancora piuttosto limitata, e tu incedi sulla gamba operata incerta. Significa - non è stato eseguito un restauro completo ed è necessario continuare la riabilitazione:

    • A casa, esegui esercizi precedenti più ginnastica con il supporto di una gamba malata
    • Lavorare sui simulatori

    Cyclette per l'articolazione dell'anca

    La cyclette è un metodo efficace per rafforzare assolutamente tutti i muscoli collegati all'articolazione.

    Tuttavia, non è necessario esagerare:

    • Utilizzare il simulatore in modalità bassa velocità
    • Regola l'altezza del sedile in modo che l'articolazione dell'anca non si pieghi di più di 90 °, e quando il ginocchio è raddrizzato, il piede tocca a malapena i pedali della cyclette

    Video: riabilitazione di TBS dopo la sostituzione dell'articolazione

    Ti Piace Di Erbe

    Il Social Networking

    Dermatologia