L'alveolite è un processo infiammatorio acuto delle pareti della presa nella regione del dente rimosso, che è accompagnato dal suo danno, così come lo schiacciamento della gomma. È interessante notare che la malattia è "mascherata" e non appare immediatamente. L'alveolite si fa conoscere solo dopo un certo periodo dopo la chirurgia dentale.

La rimozione del dente viene sempre eseguita sotto anestesia, quindi il paziente non avverte alcun dolore al momento di essere sulla poltrona del medico. Il dolore si verifica dopo l'azione delle estremità anestetiche e ha un carattere debole. Inoltre, si ferma rapidamente e il dente (alveolo, cavità ossea, in cui si trovava la radice del dente) inizia a guarire e stringere.

Dopo 2-3 giorni dopo l'operazione di estrazione del dente, si verifica un dolore acuto nell'area del foro vuoto. Il paziente può provare a prendere antidolorifici o qualche altro modo per rimuovere il disagio, ma la condizione non migliora. Tali sintomi sono tipici dell'alveolite - un processo infiammatorio nel dente, che si verifica quando il normale processo di guarigione viene interrotto.

Alveolite - che cos'è?

L'alveolite è il processo infiammatorio che si verifica nella ferita dopo l'estrazione del dente. Inizia come conseguenza dell'ingresso nel buco degli organismi patogeni e della comparsa dell'infezione. In alcuni casi, l'alveolite diventa la causa del trauma al tessuto gengivale situato vicino alla ferita.

Il coagulo di sangue nella malattia non svolge correttamente le sue funzioni di protezione, potrebbe non esserlo affatto. Questo interrompe il processo di guarigione. Nella ferita si accumulano saliva e residui di cibo, il cui decadimento infetta la ferita aperta e provoca uno sviluppo attivo dell'infezione.

L'alveolite è molto probabile che si verifichi quando viene rimosso un dente di saggezza o di molari. Diventare causa di infezione può e operazione complicata. L'estrazione di un dente è considerata difficile se:

  • il tessuto dentale è fragile, si sbriciola facilmente quando si toccano gli strumenti;
  • Le radici erano curve o attaccate alle radici di altri denti;
  • il dente non è stato tagliato o inciso in modo incompleto;
  • rimase solo la radice e la parte superiore del dente collassò.

I casi elencati richiedono il taglio delle gengive, la rimozione del dente in parti o il taglio attraverso un trapano. Trauma aggiuntivo crea un ambiente molto favorevole per l'alveolite.

cause di

L'alveolite è una malattia abbastanza comune che si verifica nel 40% dei pazienti dentali. In altri casi, la guarigione avviene in pochi giorni.

Molto spesso l'alveolite si verifica per determinati motivi:

  1. Presenza di lesioni cariose dei denti. I batteri patogeni aggressivi, penetrando nella ferita, si moltiplicano attivamente portando a un'infezione purulenta. In questo caso, è molto difficile fermare l'alveolite, poiché i preparati antisettici danno solo un leggero effetto.
  2. Lesione delle pareti della presa alveolare: fratture, catrami, rottura parziale dell'osso dalla massa comune. Le particelle di tessuto osseo, salendo sulla superficie della ferita, portano alla sua infezione.
  3. L'incoerenza del tasso di coagulazione del sangue è normale. L'aspetto principale della guarigione delle ferite è la formazione di un coagulo di sangue nel pozzetto, che protegge dalla penetrazione dell'infezione.
  4. Alcune malattie di natura generale: diabete mellito, patologie tiroidee, che portano a una violazione dell'equilibrio ormonale. Soprattutto il rischio di sviluppare l'alveolite durante le loro esacerbazioni aumenta.
  5. Anche l'immunità ridotta è una causa comune di questa complicanza. L'organismo indebolito è incapace di resistere ai microbi piogeni, saldamente radicati nel buco. Ecco perché non è consigliabile rimuovere i denti durante le malattie infettive dell'apparato respiratorio.
  6. Inosservanza delle raccomandazioni del dentista. Tutti i consigli di un medico mirano a ridurre al minimo il rischio di alveolite. Non controllare costantemente il foro ferito, provare a separare il coagulo, utilizzare i mezzi non raccomandati dal medico.
  7. Se il tempo di coagulazione è troppo lungo, il coagulo non si forma e la superficie della ferita attacca i patogeni, causando infiammazione. In relazione a questo stesso motivo, non è consigliabile rimuovere i denti dopo aver assunto farmaci che diluiscono il sangue: Warfarin, Aspirina, ecc.

Il coagulo di sangue è considerato la principale barriera protettiva della presa alveolare dopo l'estrazione del dente. La distruzione parziale o completa di questo coagulo è la causa più comune di infiammazione.

Quali sintomi stanno disturbando una persona?

I primi segni dell'alveolite (vedi foto) si verificano 3-4 giorni dopo la procedura. È annotato:

  • edema e arrossamento delle gengive nella zona dei tessuti danneggiati;
  • odore sgradevole dalla bocca;
  • forte dolore in crescita, diffusione nelle zone vicine e nei tessuti;
  • alta temperatura (38-39 ° C);
  • malessere generale;
  • assenza di un coagulo di sangue nel pozzo;
  • la formazione di un rivestimento grigiastro sul foro e l'assenza di un coagulo di sangue;
  • separazione del pus dal foro;
  • aumento dei linfonodi;
  • gonfiore della guancia (non sempre).

Alcuni sintomi compaiono nelle fasi iniziali dello sviluppo dell'alveolite, altri - dolore severo, febbre alta, ingrossamento dei linfonodi e separazione del pus dal foro indicano uno stadio grave di infiammazione. Pertanto, qualsiasi manifestazione dell'alveolite dovrebbe essere la ragione per andare dal medico.

Come sono gli alveoliti?

La foto sotto mostra come l'alveolite si manifesta dopo che il dente è stato rimosso dalla persona.

diagnostica

Se un paziente ha sintomi caratteristici dopo l'estrazione del dente, l'interno della presa è asciutto e l'area della ferita fa male, quindi non può fare a meno dell'aiuto di specialisti.

Quando si visita un dentista, il paziente dovrà superare determinati test e verrà sottoposto a un esame a raggi X. Dopo questo, il medico curante sarà in grado di diagnosticare con certezza il processo infiammatorio che progredisce nel foro formato nel sito di estrazione del dente.

Al momento dell'esame, il dentista può rilevare l'assenza di tessuto di granulazione nel pozzetto. Inoltre, il tessuto osseo può essere visto visivamente nella parte inferiore del foro. Quando si utilizza la tecnica medica costruttiva, la ferita e il tessuto danneggiato circostante rapidamente guariscono nel sito di estrazione del dente.

Come trattare l'alveolite?

Un trattamento efficace di tale malattia può causare difficoltà oggettive. Il dentista dovrebbe avere una grande esperienza nel campo della chirurgia al fine di costruire un piano adatto per il trattamento futuro e implementarlo.

Il processo di trattamento dell'alveolite consiste nelle seguenti fasi:

  1. Anestesia dell'area interessata con l'aiuto dell'anestesia locale o del tronco.
  2. Eliminazione di particelle di cibo, saliva e coaguli di sangue dal pozzetto con una siringa e un ago smussato. Per fare questo, utilizzare soluzioni antisettiche calde: furatsilin, perossido di idrogeno, soluzione di manganese, clorexidina.
  3. Particelle di decadimento di tessuti, cibo, frammenti ossei o radice del dente, granulazione, rimasta dopo il lavaggio, vengono rimosse con l'ausilio di un cucchiaio chirurgico acuto. Le azioni dovrebbero essere eseguite con molta cura, poiché è impossibile ferire le pareti del buco.
  4. Lavaggio ripetuto della presa del dente rimosso con soluzioni antisettiche.
  5. Asciugare con un tampone di cotone sterile.
  6. Anestezina in polvere in polvere.
  7. Imposizione della benda di garza con impregnazione di iodoformio o medicazione anestetica e antisettica «Alvogyl».

Come medicazione, così, è possibile utilizzare tamponi biologici, antisettiche spugna emostatica con kanamicina o gentamicina e preparazioni pastosi con antibiotici. La medicazione svolge una funzione protettiva, evitando che sostanze chimiche, biologiche, irritanti chimiche e microrganismi patogeni entrino nel pozzo infiammato.

Il dolore nella cavità degli alveoliti sierosi scompare dopo tale trattamento per sempre. In due o tre giorni il processo infiammatorio si riduce. Se il trattamento viene effettuato quando la malattia è già forma purulenta e dolore divenne più intenso, viene introdotto nel foro con una striscia di garza anestetico e soluzione antisettica: propoli alcolato kamforofenola liquido. blocco abbastanza efficace (impregnazione dei tessuti molli nella sede di infiammazione) un anestetico in combinazione con lincomicina, così come la soluzione "traumel" introdotto dal principio iniezione convenzionale.

Gli enzimi proteolitici sono usati per purificare il pozzo dai tessuti che hanno subito necrosi. Per fare questo, una striscia di garza, inumidita con una soluzione di chimotripsina cristallina o tripsina, viene iniettata nel pozzetto. Gli enzimi gradualmente fendono il tessuto morto e puliscono la superficie della ferita.

La fisioterapia deve essere presente durante il trattamento. Applicare: terapia a microonde, fluttuorizzazione, raggi laser infrarossi, irradiazione ultravioletta. Una buona proprietà antisettica è il bagno con una soluzione di manganese o sodio idrogeno carbonato.

Dei farmaci, al paziente vengono prescritte vitamine complesse, analgesici e preparazioni di sulfonamide. A rischio di ulteriore sviluppo della malattia, viene eseguita una terapia antibiotica. Questo è quotidiano:

  • Trattamento del pozzo con antisettici;
  • Tenendo il blocco;
  • Cambio di benda

Le procedure continuano fino a quando il dolore si arresta completamente. Dopo una settimana, le pareti dello zoccolo iniziano a guarire e si ricoprono di un tessuto mucoso giovane, ma i segni di infiammazione possono ancora essere presenti nel quadro clinico. Dopo un paio di settimane, l'edema si attenua, la mucosa assume un colore rosa normale.

Recensioni

Recentemente è andato alla rimozione del dente molare inferiore, dal momento che da esso c'era un moncone, che non era più adatto per la corona. La rimozione è passata rapidamente e senza quasi dolore, hanno prescritto il risciacquo della bocca e inviati a farsi curare a casa.

Il giorno dopo, nel luogo in cui un tempo si trovava il dente, iniziarono forti dolori e la gomma si gonfia. Apparve un altro terribile odore sgradevole dalla sua bocca. Di conseguenza, sono venuto dal medico che mi ha fatto un dente il giorno prima. Mi guardò e mi consigliò di "allacciare" e applicare una bottiglia d'acqua calda sulla guancia gonfia. Un paio di giorni, il gonfiore era addormentato, ma la gomma non si ammalò meno. Ho bevuto più volte al giorno Nurofen. Ma il dolore non si fermò, così tornai da quella zia.

Mi hanno sparato e ho detto che va tutto bene, ma ci sono ossa taglienti dal punto in cui un tempo si trovava il mio dente. Così hanno deciso di rimuoverlo. E 'stato molto doloroso quando sono stato nuovamente armeggiato nella gomma e ho rimosso queste "ossa", poi ho messo una garza, costretta a mordere e mandata a casa.

Dopo un paio d'ore sono iniziati i dolori infernali e pulsante, quindi ho deciso di andare in una clinica privata nelle vicinanze dove mi hanno spiegato tutto. Si scopre che il mio dente è stato rimosso male, c'erano molti pezzi rimasti dal dente distrutto e le ossa dalla mascella, quindi tutto questo si è mescolato con l'infezione e ha dato pus. Sono stato strofinato con tutto il dolore, senza alcun dolore, il tovagliolo di garza con unguento è stato superato e le raccomandazioni sono state date. Lo stesso giorno, mi sentivo meglio, quindi più di quel dottore che mi ha tolto il dente e la gamba.

prevenzione

Per evitare questa complicazione è necessario:

  • scegliere un dentista competente ed esperto;
  • È necessario monitorare se un coagulo di sangue è apparso nel foro;
  • Non toccare la presa con la lingua e non prenderla con altri oggetti;
  • Dopo l'operazione, è necessario smettere di fumare per un po ';
  • durante il giorno dopo l'operazione non bere bevande alcoliche, soda;
  • mangiare delicatamente in modo che il cibo non entri nel buco;
  • non mangiare cibo solido;
  • il giorno dell'operazione, dopo che è stato effettuato, non puoi lavarti i denti e sciacquarti la bocca.

L'alveolite dopo l'estrazione del dente richiede un approccio competente al trattamento e l'osservanza di tutte le raccomandazioni del medico. Questa malattia non può essere avviata, altrimenti può provocare enormi problemi nell'intera cavità orale.

Infiammazione dopo l'estrazione del dente

Estrazione (rimozione) di qualsiasi unità della dentatura è considerato uno studio dentistico a tutti gli effetti, per cui la manipolazione dei dati portare sempre un alto rischio di sviluppare complicanze. Infiammazione dopo dente - uno di loro: il processo patologico può essere condizionato da un errore medico o il mancato rispetto delle regole di base della cura orale da parte del paziente sottoposto un intervento chirurgico.

Segni di normale guarigione delle ferite

Una sana rigenerazione dei tessuti molli del foro dopo l'estrazione del dente (foto sopra) è accompagnata dalla formazione di un coagulo di sangue naturale, che protegge la ferita dall'infezione. Questo trombo in nessun caso non può essere rimosso (sciogliere, pulire, sciacquare). Il ripristino della gomma con un'estrazione eseguita correttamente inizia 3-4 giorni dopo l'operazione.

Se manipolazioni sono stati associati con ulteriori interventi traumatici (dente era rotto, il dentista ha dovuto tagliare le gengive), è possibile che il processo di guarigione dei pozzi si sviluppa più di una settimana, o anche per un periodo più lungo. Come regola generale, v'è una forte infiammazione delle gengive dopo l'estrazione del dente di saggezza ( "otto", o terzi molari - così in odontoiatria è anche chiamato il problema dell'unità).

Molti pazienti sono interessati dal fatto che pochi giorni dopo l'estrazione sul fondo di un foro di vuoto, una pellicola bianco denso - è una reazione sana del corpo, la fibrina protettivo sovrastante la ferita dagli "attacchi" di patogeni. Rimuovere un film del genere (e anche un coagulo di sangue) in ogni caso impossibile.

Qualsiasi operazione in odontoiatria - lesioni dei tessuti molli, in alcuni casi, gengive infiammate non solo "lavoro", ma anche il dente adiacente. Come si verifica la guarigione veloce e indolore pozzi vuoti, dipende da diversi fattori: la profondità (volume) l'intervento chirurgico, le operazioni di localizzazione messa a fuoco (per esempio, dopo la rimozione dei denti del giudizio gengive infiammate più spesso), la presenza di problemi di salute orale concomitanti, "viabilità" di immunità e altre caratteristiche del corpo del paziente.

Quali problemi possono sorgere dopo l'estrazione?

L'elenco delle complicanze più comuni che si verificano dopo il completamento dell'operazione include:

  • alveolite;
  • periostite;
  • parodontite;
  • trauma gengivale con frammenti dentali;
  • paresi dentale.

L'alveolite è l'infiammazione delle pareti di una presa vuota di un dente remoto. È caratterizzato da arrossamento, gonfiore, "tirando" il dolore. Il paziente può aumentare leggermente la temperatura corporea, apparire debolezza, malessere. L'alveolite può verificarsi in diverse forme cliniche:

  • sieroso (stadio iniziale dell'infiammazione, la gengiva è gonfia, si allenta, cambia colore, è dolente, iperemica);
  • purulento (ingrossamento dei linfonodi, aumento della temperatura corporea, vi è uno sgradevole gusto putrefattivo in bocca, il dolore nella buca pulsa, tira);
  • ipertrofica (infiammazione cronica, dolore e gonfiore assenti, i tessuti molli acquisiscono una sfumatura bluastra, il pus esce dalla ferita con pressione del pus).

La periostite è un processo infiammatorio che colpisce il periostio del dente (nelle persone questa malattia veniva chiamata "flusso"). La parodontite colpisce il guscio della radice del dente, così come i tessuti molli circostanti. Segni classici: aumento dei linfonodi sottomandibolari, gonfiore, gonfiore della guancia dal lato "funzionante", dolore pulsante nella gengiva, aumento della temperatura corporea.

In presenza di frammenti di un dente non completamente rimosso nella ferita si sviluppa anche un'infiammazione di origine traumatica. La paresi dentale (intorpidimento) per un breve periodo dopo l'intervento chirurgico è considerata una variante della norma fisiologica, ma se un tale fenomeno persiste per diversi mesi, il paziente necessita necessariamente di cure mediche.

Sintomi del processo infiammatorio

L'infiammazione della buca "segnala" il suo sviluppo dalle seguenti manifestazioni:

  • la ferita sanguina, anche le compresse fredde non aiutano a fermare il sangue;
  • arrossamento, gonfiore, tenerezza non passano anche dopo 5-7 giorni dall'estrazione;
  • appare un odore putrido dalla bocca;
  • il paziente è seguito da attacchi periodici di dolore pulsante acuto in un buco vuoto;
  • guance gonfie, pus emessi dalla ferita;
  • il colore del film fibroso formato è cambiato in verdastro, grigio o marrone;
  • c'è intorpidimento della mascella, guance (uno dei segni di danno al nervo trigemino), nel qual caso il paziente ha bisogno di un trattamento ambulatoriale immediato.

misure precauzionali

Prima di iniziare l'operazione, il dentista deve necessariamente chiedere al paziente la presenza di malattie croniche che causano una cattiva coagulazione del sangue e una lenta guarigione delle ferite. L'elenco comprende, prima di tutto, l'emofilia e il diabete mellito. Inoltre, il rischio di complicanze postoperatorie aumenta regolarmente nei pazienti assumendo farmaci che diluiscono il sangue (prevenzione della trombosi).

trattamento

Inoltre, vengono descritti diversi modi di risolvere il problema.

Metodi tradizionali

Cosa fare con l'alveolite: chiedere aiuto a un dentista. Il medico curettage (raschiamento i pozzetti con la conseguente riadattamento) impongono al tampone ferita impregnato con una soluzione antisettica. Ascesso (ascesso flusso) richiede chirurgia - marciume lesioni aperte in anestesia locale, il farmaco è eseguita antinfiammatori, antidolorifici, antibiotici prescritti.

Con la parodontite, l'infiammazione viene trattata in modo completo, utilizzando rimedi sistemici e locali con proprietà antibatteriche, analgesiche, antinfiammatorie e antisettiche. Spaccati durante l'operazione, i frammenti del dente vengono rimossi chirurgicamente, i metodi già descritti vengono utilizzati per eliminare il processo infiammatorio nella gengiva. Per i pazienti che non proseguono per un lungo periodo di tempo, il paziente potrebbe aver bisogno dell'aiuto di un neurologo esperto.

Per rimuovere l'infiammazione nel foro (gomma) in odontoiatria, tali farmaci vengono utilizzati:

  • Antibiotici macrolidi (Azitralum, Sumamed) o fluorochinolonici (sparfloxacina, levofloxacina).
  • Risciacqui, applicazioni, bagni con antisettici (clorexidina, stomatina). Le procedure vengono eseguite almeno 3 volte al giorno dopo i pasti. Le farmacie integrative possono essere formulazioni domestiche - decotti di camomilla, calendula, salvia.
  • Con dolore severo, al paziente vengono prescritte le pillole di Ketanov, Tempalgina.

L'esposizione alle microonde contribuisce a una migliore essudazione in caso di suppurazione e l'UFO fornisce una rigenerazione rapida e sana dei tessuti molli. Con un trattamento adeguato, il pozzo viene ripristinato entro 10 giorni, e il processo infiammatorio alla fine arriva a nulla in 2 settimane.

La lotta contro l'alveolite fibrosante comporta l'assunzione di antiossidanti, l'uso di citostatici, in presenza di indicazioni - trattamento ormonale (glucocorticosteroidi). Far fronte alla dispnea è favorito dai preparati-broncodilatatori, è possibile eliminare l'aumentata coagulabilità del sangue dagli anticoagulanti.

Primo soccorso

Rimuovere la gengivite minore (infiammazione delle gengive) dopo l'estrazione può essere fatto a casa. Questo è possibile solo se non ci sono sintomi di suppurazione e il paziente sa come reagisce il suo corpo a determinati farmaci. Quindi, la sindrome da dolore al dolore è aiutata da antidolorifici sistemici - Ketanov, Dolaren, Solpadein, Analgin.

Per ridurre al minimo il rischio di sintomi spiacevoli dopo l'operazione, non rimuovere il tampone impregnato con il farmaco nel pozzetto vuoto dopo mezz'ora di manipolazione. Per lo stesso periodo si raccomanda di rifiutare il cibo, in caso di sanguinamento, un impacco freddo (ad esempio un cubetto di ghiaccio) aiuterà a lenire la gomma danneggiata.

È importante: nonostante il trattamento delle malattie gengivali dopo l'estrazione dei denti non sia senza risciacqui, è necessario eseguire queste procedure con molta attenzione (in modo da non lavare un grumo protettivo di sangue dal foro). Il primo giorno dopo l'operazione, è meglio abbandonare completamente tali manipolazioni, sul secondo per scopi medicinali è possibile utilizzare soluzioni antisettiche farmaceutiche o infusi (infusi) di erbe medicinali preparate autonomamente a casa.

Rimedi popolari

Considerare diverse ricette utili che possono essere utilizzate nel trattamento di alveolite e gengivite dopo l'estrazione. Quindi, 1 cucchiaio. l. salvia secca tritata (camomilla della chimica, calendula) al vapore 250 ml di acqua bollente ripida, lasciare per un'ora per infondere, pre-avvolto con un asciugamano. La medicina finita viene filtrata, usata per il risciacquo (è meglio condurli il più spesso possibile - 1 volta / ogni 2-3 ore). Con le misure correttamente condotte, l'infiammazione alla fine si calma e il buco vuoto viene ritardato due settimane dopo l'inizio del trattamento.

Lubrificare il buco vuoto è utile per i seguenti composti medicinali (interrompere l'infiammazione, accelerare la guarigione, alleviare il dolore):

  • mescolare 20 gocce di olio di chiodi di garofano, tea tree e vitamine liquide A, E, aggiungere un pizzico di pepe di Caienna. Nella medicina ricevuta, inumidire un batuffolo di cotone, applicarlo a un fuoco doloroso;
  • il bicarbonato di sodio è inumidito con acqua (dovrebbe essere prodotta una pasta), applicato sulla gomma infiammata.

prevenzione

Prevenire l'infiammazione e prevenire la contaminazione del sangue - la principale complicazione dell'estrazione eseguita in modo improprio - aiuterà a soddisfare le regole igieniche di base dopo l'intervento chirurgico. Quindi, non abusare del risciacquo terapeutico, in modo da non lavare il coagulo di sangue e non esporre la ferita agli attacchi di agenti patogeni. Al momento della guarigione, si consiglia di abbandonare cibi caldi, freddi e altri "traumatici", non si può toccare il buco con le dita, pulirlo con stuzzicadenti o altri oggetti estranei.

Se si hanno sintomi di sepsi (forte dolore alle gengive, tagliente "salto" di temperatura, grave gonfiore delle guance, della mascella, essudato purulento) dovrebbe consultare immediatamente un medico. Il danno settico può essere fatale. Così, l'estrazione dei denti - completa la procedura chirurgica, che al lavoro non professionale del dentista o l'igiene orale impropria da parte del paziente può risultare in alcuni gravi complicazioni.

L'elenco dei più comuni comprende processi infiammatori locali - alveolite, gengivite, periostite, nonché lesioni gengivali e intorpidimento dei tessuti molli. La lotta contro eventuali complicazioni dentali dopo l'estrazione dei denti deve essere eseguita solo da un medico professionista per evitare ascessi, sepsi e altre condizioni potenzialmente letali.

Alveolite dopo l'estrazione del dente: segni e trattamento

Le radici dei denti sono localizzate in speciali scanalature delle ganasce, che vengono altrimenti chiamate alveoli o fori dentali. Spesso dopo la rimozione del tessuto, le gengive si infiammano, accompagnate da sensazioni dolorose e da un improvviso aumento di temperatura. Tali sintomi indicano un'alveolite. Questo articolo fornisce informazioni sulle principali cause dello sviluppo di questa malattia infiammatoria, sintomi e metodi di trattamento.

Qual è l'alveolite del socket?

Dopo l'estrazione del dente, molte persone devono affrontare una tale patologia come l'alveolite. Questa è una malattia infiammatoria che si verifica a seguito della penetrazione nell'infezione del foro.

L'alveolite si verifica quando l'estrazione del dente è problematica. La procedura è considerata difficile se:

  • Le radici del dente sono contorte.
  • Il dente è estremamente fragile, quando si usano gli strumenti dentali si sgretola.
  • Il dente non ha eruttato completamente.

In questi casi, il medico inizialmente seziona la gengiva, la sbuccia delicatamente dall'osso, taglia il dente e lo rimuove in alcune parti. Tutte queste azioni sono molto traumatiche, quindi l'insorgere di complicazioni non fa eccezione. Il più comune tra questi è l'alveolite dopo l'estrazione del dente. Il trattamento a casa è estremamente indesiderabile. Tutte le gravi complicanze derivanti da interventi chirurgici devono essere eliminate esclusivamente sotto la supervisione di un medico.

Il meccanismo di sviluppo del processo infiammatorio

Dopo una rimozione diretta nel foro formato un piccolo grumo con impurità di sangue. Il suo scopo principale è proteggere i tessuti dalle infezioni. Inoltre, il coagulo di sangue favorisce una rapida guarigione della zona lesa. Se non esiste o l'integrità è interrotta per qualche motivo, l'infezione può penetrare nel pozzo e diffondersi ai tessuti circostanti. Pertanto, l'alveolite si verifica dopo l'estrazione del dente. Le foto mostrano chiaramente che questa patologia sembra un buco vuoto. Può contenere detriti di cibo e particelle di tessuto morto. Se il buco è ricoperto da un'incrinatura senza complicazioni, puoi vedere un grumo rossastro di sangue.

Forme cliniche dell'alveolite

  1. Infiammazione sierosa Questa forma è caratterizzata da dolore costante al dolore. Il pozzo rimane aperto. Nella sua cavità sono costantemente accumulate particelle di cibo e saliva. Alveolite sierosa dopo l'estrazione del dente si forma il quarto giorno.
  2. Infiammazione purulenta Con questa forma, la granulazione si forma sul fondo del foro, che si espande rapidamente. Il processo alveolare è cianotico. Mucoso è iperemico, c'è un piccolo gonfiore.
  3. Infiammazione purulento-necrotica. Per questa forma di patologia è caratterizzata dalla comparsa di dolore severo con rinculo nella zona temporale. Un odore sgradevole proviene dalla bocca. Solitamente il paziente alza la temperatura, c'è un malessere generale. La faccia dal lato del dente rimosso si gonfia.

Le principali cause della patologia

Poiché l'alveolite dopo l'estrazione del dente è un'infiammazione, si può presumere che questa malattia si sviluppi quando l'infezione penetra nella ferita. La comparsa di un tale processo patologico nel pozzo non è affatto un fenomeno obbligatorio. È necessaria una combinazione di diverse circostanze per far sì che questa complicazione appaia.

Tra le principali ragioni per lo sviluppo di medici di alveolite includono i seguenti:

  1. Violazione dell'integrità del coagulo di sangue, che si forma immediatamente dopo la manipolazione chirurgica.
  2. Ingestione di tartaro o placca dopo la rimozione. Insieme con corpi estranei, l'infezione penetra nella ferita, l'infiammazione si sviluppa gradualmente.
  3. Scarsa pulizia del foro dopo manipolazione chirurgica o trascuratezza dell'igiene degli strumenti odontoiatrici.
  4. Violazione delle prescrizioni del medico. L'uso di cibo caldo, lesioni al coagulo durante la pulizia, il risciacquo con varie soluzioni - tutto questo può causare complicazioni dopo l'estrazione del dente.
  5. L'alveolite può verificarsi anche se si osservano tutte le raccomandazioni del dentista. La causa dell'infiammazione è spesso bassa immunità.
  6. Un rivestimento morbido che si accumula costantemente nella cavità orale può anche causare patologie. Questo è il motivo per cui prima l'operazione diretta del medico deve rimuovere i sedimenti mineralizzati e non mineralizzati esistenti.

Quali sintomi possono indicare l'infiammazione?

Il processo patologico inizia il suo sviluppo dagli strati esterni, che rivestono il buco del dente. Quindi l'infezione si diffonde più a fondo. Oltre all'infiammazione, alcuni pazienti hanno la suppurazione e la morte dei tessuti, che possono provocare complicazioni più gravi (periostite, osteomielite della mascella, ascesso).

Come capire che hai un'alveolite dopo l'estrazione del dente? I sintomi di questo problema nella fase iniziale sono impliciti. Molte persone non riescono a capire da molto tempo cosa è successo. Con il progredire della malattia, i segni clinici diventano più pronunciati. I pazienti notano la comparsa di dolori dolorosi nell'incavo dei denti, che viene rafforzato dopo aver mangiato. Le condizioni generali e la temperatura rimangono normali.

In una fase progressiva, la patologia è caratterizzata dalla comparsa dei seguenti sintomi:

  • Grave dolore nella buca e la gomma adiacente.
  • Malessere generale
  • Un forte aumento della temperatura.
  • Isolamento di contenuti purulenti dal pozzo.
  • Gonfiore delle gengive.
  • Un aumento dei linfonodi sottomandibolari.
  • Odore caratteristico dalla bocca.

I suddetti segni dell'alveolite dopo l'estrazione del dente dovrebbero avvertire tutti e diventare un'occasione per visitare l'ufficio del dentista. Alcuni sintomi sono inerenti allo stadio iniziale della patologia, ma l'escrezione di pus e un forte aumento della temperatura indicano la sua transizione verso una forma grave.

Caratteristiche della malattia nel caso di un dente del giudizio

I cosiddetti terzi molari offrono molti problemi a una persona. La loro eruzione è solitamente accompagnata da gonfiore del tessuto peri-dentato, forti sensazioni di dolore. In quali casi è necessario rimuovere il rudimento?

  • Deformazione della crescita in una direzione sconosciuta, che contribuisce a ferire la mucosa orale.
  • Presenza di carie.
  • Eruzione lenta del dente, formazione di un "cappuccio" e un processo infiammatorio.
  • Effetti negativi sui tessuti adiacenti.

Nel processo di rimozione di un tale dente, è possibile ferire i nervi vicini, che comporta la parestesia della parte corrispondente del viso. La complicazione più spiacevole è la comparsa di un "buco asciutto".

Nella sua cavità, dopo manipolazioni chirurgiche, deve essere formato un piccolo coagulo con impurità del sangue, proteggendo da possibili infezioni. Tenendo conto della posizione di questo dente e della difficoltà nel processo di rimozione immediata, può verificarsi un piccolo spostamento del tessuto gengivale. Di conseguenza, il coagulo di sangue protettivo non si forma completamente.

L'alveolite dopo la rimozione di un dente di saggezza è un problema molto comune che richiede un trattamento competente. I pazienti con questa diagnosi sono generalmente consigliati di applicare un tampone con un antisettico ogni giorno alla zona interessata. Il corso del trattamento continua fino a quando la ferita non è completamente guarita.

Misure diagnostiche

Non ignorare l'alveolite dopo l'estrazione del dente (foto patologia è presentata in questo articolo). Quando ci sono sintomi primari, dovresti immediatamente consultare un medico. Solo uno specialista qualificato può prescrivere una terapia competente. Ciò richiederà l'esame della cavità orale e dell'area in cui si è verificata l'infiammazione. Si sconsiglia di effettuare autonomamente diagnosi e trattamenti. Un simile approccio può fare più male che bene e provocare gravi complicazioni.

I motivi per la conferma finale della diagnosi sono:

  • Un tipico quadro clinico.
  • Risultati dell'esame (esame visivo, radiografia).
  • Reclami del paziente

Trattamento domiciliare

Solo sotto la supervisione di uno specialista qualificato è possibile liberarsi di una tale patologia come l'alveolite dopo l'estrazione del dente. Il trattamento della casa viene effettuato dopo aver visitato l'ufficio del dentista e esclusivamente su consiglio di un medico.

I mezzi relativamente sicuri e allo stesso tempo efficaci sono considerati antisettici naturali (brodo di camomilla, salvia). Per fermare la sindrome del dolore, il medico può consigliare "Pentalgin" o "Baralgin". È importante capire che tutti questi rimedi alleviano solo sensazioni spiacevoli, ma non trattano l'alveolite e i processi infiammatori. Ecco perché è meglio che un corso completo di terapia avvenga in un istituto medico specializzato.

Alveolite dopo l'estrazione del dente: trattamento in una fase iniziale di sviluppo

Inizialmente, il medico esegue l'anestesia locale e fa il blocco anestetico. Quindi, usando una siringa, risciacquare il pozzetto con un antisettico ("clorexidina", "furacilina"). Dopo questo, il medico rimuove tutti i corpi estranei con strumenti speciali. Questi possono essere frammenti del dente o resti di tessuto di granulazione. Nella fase successiva, lo specialista ripete il trattamento con antisettici e asciugando la cavità con tamponi di cotone. Dopo di ciò, una benda con preparati anestetici viene applicata al foro (Ketorol, Nurofen).

Se il trattamento viene avviato in modo tempestivo, l'alveolite dopo la rimozione del dente passa molto rapidamente.

Terapia di forme avanzate di patologia

A volte i pazienti con sintomi evidenti di infiammazione non cercano aiuto da un medico per vari motivi. In questo caso, la patologia passa alla forma successiva, il cui trattamento richiede l'uso di farmaci più potenti.

Dopo trattamento antisettico, il medico inietta un tampone con antibiotici ("Karitromycin", "Amikacin") e preparazioni speciali per normalizzare la microflora, fermando l'infiammazione. Con l'inizio della necrosi, vengono utilizzati enzimi proteolitici. Permettono di pulire delicatamente la superficie della ferita da particelle di tessuto morto. In alcuni casi è inoltre necessario bloccare il nervo. A tal fine, di solito vengono utilizzati Novocaina o Lidocaina. Se il dolore non si ferma per 48 ore, il blocco viene ripetuto. Come aiuto, vengono utilizzate la terapia a microonde e il laser a infrarossi.

Dopo tutte le manipolazioni del settimo giorno, il buco inizia a guarire gradualmente. Entro 14 giorni l'infiammazione scompare, l'edema si attenua, l'area interessata viene stretta con un nuovo tessuto.

Completamento del processo di recupero

Con il corretto svolgimento delle procedure terapeutiche, l'alveolite dopo la rimozione del dente passa molto rapidamente. Entro la fine della prima settimana, è possibile vedere l'aspetto di un nuovo strato di granulazione sulle pareti del foro. Il disagio del dolore diminuisce gradualmente e il processo infiammatorio passa alla fine della seconda settimana.

Con una variante purulenta-necrotica della patologia, se il trattamento è iniziato inopportunamente, la terapia farmacologica è generalmente inefficace. In questo caso, la malattia spesso si trasforma in una forma più complessa, vale a dire un'osteomielite limitata. Per il suo trattamento, è richiesto un intervento chirurgico.

Misure preventive

Come trattare l'alveolite dopo l'estrazione del dente, abbiamo già detto. È possibile prevenire lo sviluppo di questa patologia?

Dopo le manipolazioni chirurgiche, per evitare la suppurazione della ferita, dovresti considerare attentamente le raccomandazioni del medico di accompagnamento. È meglio non usare quei farmaci che non sono stati prescritti da uno specialista.

Se ci sono dubbi sulla competenza del medico e sull'alfabetizzazione delle sue raccomandazioni, è meglio cercare una nuova consultazione in altre istituzioni mediche. Nessuno proibisce di ricevere un altro consiglio professionale sul trattamento e la prevenzione di tale patologia come l'alveolite dopo l'estrazione del dente. Le recensioni di molti pazienti dimostrano che a volte i medici trascurano i consigli di qualità o forniscono raccomandazioni sbagliate.

Per guarire rapidamente il buco, non raccogliere la ferita o la gomma, spremere il sangue. Durante le prime 24 ore è meglio provare a masticare il cibo sul lato non danneggiato della mascella.

Se dopo aver rimosso il medico ha cucito il foro, si sconsiglia di danneggiare il materiale utilizzato. Altrimenti, i bordi della ferita si disperderanno e quest'area diventerà l'oggetto della reinfezione. Per qualche tempo è meglio smettere di usare cibi e bevande eccessivamente caldi, poiché un aumento della temperatura può innescare lo sviluppo dell'infiammazione.

L'implementazione di tali semplici regole ti impedirà di comparire nuovamente nell'ufficio del dentista, rendendo il processo di recupero più confortevole e sicuro per la salute.

Fori di alveolite dopo l'estrazione del dente - un problema minore o una complicanza formidabile?

L'alveolite è una complicanza che si presenta dopo l'estrazione del dente, o più in una volta. Quest'ultima opzione è sempre più rara, ma ancora possibile.

La base alveolite tecnico - infiammazione nella estrazione del dente bene, è la distruzione delle pareti alveoli, pozzi durante l'estrazione del dente, raggiungendo talvolta notevoli dimensioni, fino a completa rottura delle sue pareti con frammenti ossei colpo nel canale ferita.

Di chi è la colpa? Non è una domanda semplice

Lo sviluppo di questa complicanza non si verifica necessariamente se il medico ignora le regole prescritte per l'estrazione del dente.

Il dente da rimuovere può essere tecnicamente complesso: situato in una posizione remota, con un'anomalia di radici o radici extra standard. E, nonostante l'alto livello di sviluppo dell'odontoiatria moderna, è ancora possibile la comparsa di situazioni straordinarie che richiedono un medico di altissimo livello quando si rimuovono le gengive dal dente.

Non meno importante è la necessità di rimuovere l'emergenza durante lo sviluppo nel dente, nella gengiva o nella mandibola di cambiamenti purulento-distruttivi. I cambiamenti che portano alla fragilità delle pareti del buco sono già patologici.

Può anche essere causato da un processo comune a tutto l'organismo, che porta a una maggiore fragilità delle pareti alveolari:

  • malattia oncologica o altra malattia debilitante (AIDS, tubercolosi, coinvolgimento sistemico del tessuto connettivo, malattie del sangue, diabete mellito);
  • esacerbazione di una malattia cronica o acuta, o la presenza di focolai di infezione cronica dormiente nelle aree vicine, che porta ad un indebolimento delle capacità protettive dei tessuti del cavo orale.

Responsabilità del dentista

Dentista responsabile in caso di abbandono di un pozzo non è visto da loro staccano frammenti della parete del foro frammento radice dentale - la presenza di un corpo estraneo nel pozzo dopo estrazione comporta nezazhivleniyu ferita e la sua infiammazione e alveolite. Inoltre, il risultato è la fuoriuscita nel foro del dente rimosso con successo dalla cisti dentale o dal granuloma.

Un altro errore non sta mantenendo il tempo necessario per la formazione di un coagulo di sangue nel foro - il medico dovrebbe assicurarsi che è pieno di coagulo di sangue è formato, e solo dopo che per collegare, foro ben asciutto è destinato a causare infiammazione.

Nel caso di un processo purulento che ha richiesto la rimozione del dente, il medico deve prescrivere un programma di trattamento antisettico della cavità orale dopo l'operazione e seguirne l'attuazione.

Vini pazienti

Non meno responsabilità per lo sviluppo dell'alveolite del dente è a carico del paziente stesso, che ha subito la procedura.

Eccessivo nervosismo dovuto a un "difetto" nella bocca con uno sguardo infinito nello specchio della zona gengivale "colpita" con inquieti tocchi inconsci della ferita con dita e lingua. O l'uso di vari rimedi casalinghi improvvisati per il desiderio di guarire la ferita il prima possibile.

Eccessivo zelo per il risciacquo della bocca, che porta al risciacquo della convoluzione del sangue, che funge da base per la formazione di tessuto cicatriziale nel tempo successivo. Tutto ciò, oltre a ignorare le raccomandazioni del medico per l'igiene orale, può portare a ulteriori danni alle gengive delle mucose, causare infiammazioni e infezioni dei tessuti più profondi. Fino al tessuto osseo.

Una complicanza seria anche dopo un'estrazione sicura è l'assenza di formazione negli alveoli di un coagulo di sangue che blocca l'accesso ai tessuti della flora patogena. Un paziente che non ha informato il dentista che ha una patologia emorragica o che assume anticoagulanti, crea inconsciamente un ulteriore rischio di sviluppare l'alveolite nel periodo postoperatorio.

Forme di menomazione e sintomatologia

A seconda della profondità e della larghezza della zona dei cambiamenti infiammatori, l'alveolite può essere:

Nella selezione delle foto, passo dopo passo, lo sviluppo dell'alveolite - un foro formato dopo la rimozione del dente, lo sviluppo dell'infiammazione e un foro completamente asciutto:

Ci sono anche due forme di malattia:

I sintomi comuni sono:

  • aumentare la tenerezza locale con la tendenza ad espandere la zona del dolore:
  • cambiamenti nella natura infiammatoria della mucosa.

buco secco che funge da gateway per l'infezione, promuove la formazione di purulenta o purulenta attenzione necrotico. In questo caso, i sintomi globali dei sintomi della malattia sono attaccati aumentando tossicità ad alte temperature e fenomeni cerebrale di cefalea (fino a provocare nausea), debolezza, letargia, dolori nel corpo e muscolatura facciale.

alveolite sierosa si manifesta dopo 2-3 giorni dopo l'estrazione del dente locale, dolore alveolare, e quando ignora crescenti sintomi coinvolgono dolore in tutta l'area della mascella, dolore irradiato nella regione temporale e l'orecchio.

L'infiammazione nella zona del foro dopo l'estrazione del dente si manifesta più o meno dal grado di iperemia locale ed edema dei tessuti delle sue pareti, espresso da dolore locale, che viene rafforzato quando viene toccato.

Il coinvolgimento delle zone sempre più ampie e profonde della mandibola durante la transizione degli alveoliti sierosi verso i purulenti è accompagnato da un aumento delle sensazioni del dolore. La comparsa di difficoltà con l'apertura della bocca diventa una conseguenza dell'intossicazione, che porta a un cambiamento nei processi metabolici sia nei muscoli che in altri tessuti.

Grave, raggiungendo per la cianosi, rossore e gonfiore del tessuto gengivale, che non permette di ispezionare il interessata alveoli dente, purulenta o l'odore putrido proveniente da essa - un motivo di un trattamento immediato per assistenza medica specialistica (dentale).

Un aumento ancora maggiore nel quadro della malattia con l'individuazione di segni di osteomielite su raggi X indica la transizione del processo locale verso un generale, coinvolgendo tutti i tessuti della mascella con carattere purulento-necrotico della loro lesione.

foro asciutto, come uno dei principali manifestazioni di alveolite - una cellula dente è vuota senza convoluzione sangue, con tracce di fibrina (scarti giallastro o bianco sporco colori) e nevypoloskannyh residui alimentari o prodotti riempiti coagulo decomposizione purulenta o odore putrido iperemia vivido edematosa membrana mucosa della gomma, molto dolorosa quando viene toccata. Nei casi avanzati, il gonfiore della mucosa si estende alla guancia e ad altri tessuti molli del viso.

Per fare una diagnosi

L'immagine dell'alveolite (sia sativa che purulenta) delle difficoltà per un dentista di solito non causa proprio perché i sintomi sono molto tipici ed eloquenti.

Ma per chiarire la diagnosi è necessario applicare una tecnica di studio dei raggi X del tessuto duro della mandibola, o le loro moderne equivalenti (MRI, CT), che consente di identificare il cambiamento nella struttura ossea o esporre a fuoco la sua distruzione - osteomielite della mandibola.

Con la natura purulenta del processo, un esame del sangue generale rivela i segni di un tipico processo infiammatorio: leucocitosi con neutrofilia, accelerazione della VES.

L'autodiagnosi prima di una visita da un medico dovrebbe essere limitata all'esame del pozzo quando si trova in un luogo accessibile e confrontando la temperatura con le letture normali.

Approccio complesso alla terapia

Nel caso di alveolite sierologica, sono applicabili metodi conservativi non chirurgici di trattamento, inclusa la terapia locale e generale, con trattamento chirurgico purulento seguito da terapia farmacologica generale a lungo termine e terapia locale.

In qualsiasi forma, il trattamento dell'alveolite inizia con la rimozione di elementi distruttivi dalle viscere dell'area interessata dopo la rimozione del dente - senza pulirlo fino alla sua profondità massima, la lotta contro l'infezione è inutile. Le misure igieniche includono, come rimozione sotto anestesia locale di frammenti ossei non rilevati e detriti liquidi.

L'essenza del trattamento conservativo è l'effetto sulla causa dell'infiammazione della causa degli alveoli. Poiché la ferita di estrazione del dente è vicina potente focolai di cronica, stabile alla maggior infezione antisettici (tonsille, denti cariati e strutture simili), nella soppressione di infiammazione nel pozzo dovrebbero partecipare dimostrato potenti antibiotici.

Come lincomicina, Levofloxacina, josamicina, amikacina, sparfloxacin, Sumamed che sono in grado di penetrare facilmente più profondo le mucose e nell'osso.

Dopo lavaggio delle cellule con una soluzione di un dente di antisettici: Furacilinum, Geksoral, Stomatidina, Corsodyl, clorexidina, è collocato spugna Alvostaz-impregnati o turundy iodoformio essere sostituito regolarmente ad ogni visita dal dentista. Per l'auto-risciacquo e il risciacquo del foro dentale, vengono utilizzate soluzioni dello stesso o di altri antisettici.

Su appuntamento il medico che il paziente sta prendendo gli antibiotici prescritti e facendo bagni con soluzioni antisettiche, integrata, se necessario, il trattamento con analgesici - farmaci della classe dei FANS ketorol gruppo, Voltaren, Diclofenac, Voltaren.

Per prevenire effetti indesiderati sulla mucosa gastrica con assunzione prolungata di FANS, vengono utilizzati omeprazolo o suoi analoghi.

Da anestetici locali, l'uso di Novocaina o Lidocaina è appropriato e Finplexin è usato per estinguere l'irritazione dei rami del nervo trigemino.

La stimolazione dei fenomeni infiammatori acuti (con la necessità di cambiare la turbina nel foro) ci consente di iniziare a usare il Solcoseryl nella pasta adesiva dentale con il riempimento della cavità degli alveoli liberi.

Il farmaco ha dimostrato non solo la guarigione, ma anche l'effetto analgesico. Inizialmente, la procedura viene eseguita da un medico, quindi il paziente stesso viene addestrato a farlo, con la condizione di un controllo indispensabile da parte del dentista che cura - in caso di accumulo nei detriti, deve essere ripulito e disinfettato.

Prima di applicare la pasta, il pozzetto viene lavato con una soluzione allo 0,5% di clorexedina (risciacquo o utilizzando una siringa, che consente di creare la pressione necessaria per l'efficacia della procedura).

Il trattamento chirurgico è una scrupolosa epurazione da pus e strutture necrotiche del pozzo e tessuti adiacenti in anestesia locale.

Misure preventive

Perché, spesso si sviluppa come risultato di alveolite osteomielite richiede un intervento chirurgico in piena regola, e questo non è il suo unico complicazione, è necessario prendere attente misure per impedire il suo sviluppo.

Dovrebbe essere misure volte a prevenire gli infortuni e le malattie del sistema dentale, il rafforzamento delle ossa che riceve le risorse minerarie necessarie, l'eliminazione di (e se non lo si può fare - soppressione) focolai di infezione cronica, che può causare complicazioni durante le procedure dentistiche ed interventi.

Anche il trattamento delle malattie infiammatorie e metaboliche croniche contribuisce all'aumento dell'immunità, responsabile della condizione dei tessuti, dei sistemi d'organo e dell'intero organismo.

Quando si visita il vostro dentista, attenta presentazione delle informazioni sulle singole caratteristiche dell'organismo, tra cui il precedentemente detenuta e al trattamento momento e prima della rimozione del dente deve essere segnalato lo stato del sistema di coagulazione del sangue e intolleranza.

Una cura speciale è necessaria nel periodo postoperatorio. L'esecuzione delle prescrizioni mediche dall'applicazione del freddo a livello locale a procedure più complesse dovrebbe avere forza di legge. Come, tuttavia, in situazioni meno stressanti.

Per lo stato di salute dei denti del paziente, non solo il dentista, ma anche il paziente stesso, devono essere responsabili!

Alveolite dopo l'estrazione del dente

Le patologie dentali richiedono un trattamento tempestivo ed efficace, dal momento che l'abbandono delle malattie, di norma, porta allo sviluppo di varie complicazioni. Tra i fattori che possono scatenare la manifestazione di un disturbo particolare, spesso includono gli errori commessi dai dentisti durante la rimozione o il trattamento del dente. Quindi, l'alveolite dopo l'estrazione del dente può insorgere come conseguenza dell'inserimento di agenti patogeni patogeni nella cavità orale del paziente attraverso l'uso di strumenti scarsamente disinfettati dal medico. In questo caso, i sintomi della patologia potrebbero non apparire immediatamente, ma dopo un certo tempo.

L'articolo fornisce informazioni dettagliate su quali sintomi si manifestano più spesso nell'alveolite dopo l'estrazione del dente, quali forme della malattia esistono. Inoltre, è possibile apprendere come prevenire l'insorgere di disturbi e quali farmaci sono considerati tra i più efficaci nel trattamento dell'alveolite. Il materiale contiene le raccomandazioni attuali dei dentisti sulla prevenzione e il trattamento della patologia.

Le cause dell'alveolite del buco

L'alveolite dopo l'estrazione del dente può manifestarsi sia per ragioni oggettive che soggettive.

I fattori che contribuiscono alla manifestazione della patologia includono:

  1. penetrazione nella presa del dente rimosso di particelle estranee, in particolare tartaro, placca, nonché tessuto osseo degli alveoli stessi durante la rimozione del dente. Di norma, insieme a questi elementi, i batteri entrano nel pozzo;
  2. negligenza del medico durante l'estrazione del dente, l'uso di strumenti insufficientemente disinfettati, che comportano l'infezione della ferita, la mancata esecuzione della pulizia obbligatoria della buca subito dopo l'operazione;
  3. inosservanza delle cure orali dopo l'intervento chirurgico da parte del paziente, assunzione di cibi caldi, danni allo zoccolo o alla formazione di coaguli di sangue durante le procedure di igiene orale;
  4. ferire le gengive o la mascella durante l'intervento chirurgico;
  5. L'alveolite può manifestarsi se, dopo l'estrazione del dente, non si è formato un coagulo di sangue che ostruisce la ferita. Per la sua formazione, il dentista deve bloccare i bordi della presa dopo l'operazione, permettendo al sangue di congelarsi nella depressione formata;
  6. presenza di un rivestimento morbido sulla superficie dei denti. Prima dell'intervento chirurgico, è necessario pulire e rimuovere i depositi sui denti;
  7. l'ingresso di batteri patogeni nel tessuto parodontale come risultato della violazione dell'intera struttura del coagulo di sangue formata nella ferita dopo l'estrazione del dente. La formazione del sangue svolge una funzione protettiva, intasando il passaggio nel foro, quindi la sua distruzione contribuisce alla penetrazione dell'infezione nella ferita.

Sintomi di sviluppo di patologia

Manifestazioni di disturbo si fanno sentire già 2-3 giorni dopo l'intervento chirurgico. Hanno segni chiaramente espressi, il che rende facile distinguere gli alveoliti da malattie dentali simili.

Con alveolite, i sintomi sono i seguenti:

  1. dolore acuto nella lesione;
  2. scarico purulento nell'area della ferita;
  3. aumento graduale dell'intensità del dolore;
  4. arrossamento e gonfiore nella zona interessata;
  5. una temperatura elevata che non si attenua per 2-3 giorni;
  6. aumento dei linfonodi sottomandibolari e cervicali;
  7. cattiva salute;
  8. violazione dell'integrità del coagulo di sangue, sua distruzione;
  9. odore putrido dalla bocca;
  10. formazione di un raid grigio nella zona problematica.

Forme della malattia

La pratica dentale conosce tali forme di disturbo:

Alveoliti sierosi

Lo sviluppo di alveolite sierosa è caratteristico delle fasi iniziali della malattia. C'è una patologia dopo 3 giorni dalla data dell'operazione. La temperatura rimane normale, i linfonodi non aumentano. Lo sviluppo della malattia è segnalato da dolore che si verifica quando la pressione viene applicata alla zona interessata e durante la masticazione del cibo.

purulento

In assenza di un trattamento adeguato, l'alveolite sierosa diventa purulenta. Una forma purulenta di patologia è caratterizzata da un aumento della temperatura, dall'aspetto di uno sgradevole odore putrefattivo dalla cavità orale, da un aumento dei linfonodi regionali e dal gonfiore delle gengive. Il dolore diventa più intenso.

ipertrofico

Quando la transizione alla forma cronica del dolore cessa, il gonfiore dei linfonodi diminuisce. Dal foro colpito con pressione del pus, emerge il pus, il tessuto vicino acquista una sfumatura bluastra.

Metodi di trattamento dell'alveolite

La diagnosi della malattia viene effettuata sulla base dei dati della cartella clinica del paziente, dei suoi reclami e del quadro clinico della patologia. La diagnosi esatta può essere fatta solo dal medico dopo un attento esame del pozzetto interessato e l'individuazione dei segni di infiammazione.

Il trattamento dopo l'estrazione del dente viene eseguito utilizzando i seguenti metodi:

  1. anestesia dell'area problematica attraverso l'uso dell'anestesia;
  2. pulizia del pozzetto colpito, lavaggio di particelle di cibo bloccate, frammenti di tessuto osseo, resti di un coagulo di sangue;
  3. Utilizzare un cucchiaio chirurgico per rimuovere gli elementi difficili da raggiungere;
  4. trattamento della ferita con antisettici;
  5. essiccazione del pozzo pulito e trattato;
  6. trattamento della ferita con polvere di anestesia;
  7. l'imposizione di una medicazione impregnata di medicinali in anticipo.

Nei casi avanzati, sono necessarie misure più gravi che comportano l'uso di farmaci anti-infiammatori e antibatterici. Le seguenti procedure fisioterapeutiche hanno un effetto positivo:

  • terapia a microonde;
  • Fluttuarizzazione (impatto sull'area infiammata da corrente alternata sinusoidale);
  • irradiazione ultravioletta.

Ulteriori informazioni! In caso di consegna tempestiva di cure mediche, dopo 8-9 giorni, la ferita viene stretta e coperta con tessuto connettivo di granulazione, dopo 14 giorni dai segni di infiammazione non c'è traccia.

Trattamento di alveolite con antibiotici e antisettici

Il trattamento della patologia comporta l'uso di vari farmaci, tra cui antisettici e antibiotici, sulle proprietà curative di cui ci soffermeremo.

  • disinfezione dell'area colpita;
  • distruzione di batteri patogeni, a seguito della quale diventa impossibile l'ulteriore infezione del pozzo.

Antisettici usati come mezzo per sciacquare la bocca.

Gli antibiotici, di regola, sono utilizzati in stadi avanzati di sviluppo della patologia. Tra i più efficaci includono:

  • levofloxacina;
  • ciprofloxacina;
  • iosamicina;
  • Sumamed e altri.

Farmaci anti-infiammatori

Hanno effetti anti-infiammatori e analgesici. Si raccomanda di essere utilizzato insieme a farmaci in grado di stabilizzare l'intestino e resistere alla rottura della sua microflora.

I più efficaci sono:

  • Nurofen;
  • ibuprofene;
  • nimesulide;
  • Voltaren;
  • ketonal;
  • Meloksikan e altri.

Durante lo sviluppo del processo infiammatorio, il nervo trigemino è danneggiato, a seguito del quale il paziente soffre di dolore neurologico acuto. Farmaco anti-infiammatorio Finplesin, popolare tra i pazienti, può non solo ridurre il dolore, ma anche migliorare l'umore.

Anestetici locali

Passando dai metodi terapeutici a quelli chirurgici, è necessario utilizzare anestetici locali, in particolare lidocaina, novocaina, trimecaina.

Trattamento di alveolite a casa

In alveolite, il trattamento viene fatto solitamente con l'aiuto di metodi e preparati tradizionali, ma nelle fasi iniziali dello sviluppo della patologia è possibile liberarsi dei sintomi a casa usando la medicina tradizionale.

Ricette popolari:

  1. risciacquare la bocca con una soluzione di permanganato di potassio;
  2. ricevimento di vitamine per denti. I complessi vitaminici aiutano a rinforzare le unità dentali e il sistema immunitario nel suo complesso.

Prevenzione e consulenza dei dentisti

Come sapete, la malattia è più facile da prevenire che da trattare. Il trattamento dentale non fa eccezione.

Per prevenire l'alveolite dopo l'estrazione del dente, i dentisti consigliano di seguire le seguenti regole di prevenzione:

  1. Non abusare di colluttori, procedure troppo frequenti possono aiutare a distruggere il coagulo di sangue;
  2. rifiutare per un po 'di bevande calde e piatti. Le alte temperature sono un terreno fertile per lo sviluppo di agenti patogeni;
  3. cerca di non ferire l'area interessata, non toccare il buco e non arrampicarti su di esso con oggetti estranei (stuzzicadenti, spazzolino da denti).

Seguendo le regole di cui sopra aiuta a prevenire lo sviluppo di patologia. In caso di rivelazione dei suoi primi segni, i dentisti consigliano di non ritardare il processo, ma consultare immediatamente un medico esperto.

Ti Piace Di Erbe

Il Social Networking

Dermatologia